Parco Archeologico di Pompei. Appuntamento con la XVIII edizione del tradizionale taglio delle uve

Parco Archeologico di Pompei. Appuntamento con la  XVIII edizione del tradizionale taglio delle uve

Mercoledì 25 ottobre, vendemmia nei vigneti delle Regiones I e II dell’antica area archeologica 

NAPOLI – Mercoledì 25 ottobre si rinnova il tradizionale appuntamento col taglio delle uve nei vigneti della vigneto del Triclinio Estivo. Lo comunica in una nota il Parco Archeologico di Pompei.

Il progetto, nato in via sperimentale nel 1994 grazie ad una convenzione tra il Parco Archeologico di Pompei e l’azienda vitivinicola campana Mastroberardino, giunge quest’anno alla sua XVIII edizione. 

Saranno presenti il Direttore Generale Massimo Osanna e il Prof. Piero Mastroberardino. Le aree interessate comprendono tutti i vigneti delle Regiones I e II dell’antica Pompei, per un’estensione di più di un ettaro ripartito su 15 appezzamenti di diversa estensione e per una resa potenziale di circa 30 quintali d’uva. 

Il vino Villa dei Misteri, prodotto con uve Piedirosso e Sciascinoso, presenta caratteristiche uniche in quanto realizzato secondo le tecniche di viticoltura di duemila anni fa. Un vino di qualità eccellente che racconta Pompei, la sua cultura e la sua tradizione antica. 

L’attività fa parte di uno dei tanti studi condotti dal Laboratorio di Ricerche Applicate del Parco Archeologico di Pompei che, da sempre, analizza le relazioni tra botanica e archeologia. 

Leggi

Picasso e sua figlia Maya. In una mostra da Gagosian a Parigi il loro rapporto

Per oltre un decennio Picasso rappresentò sua figlia Maya, nata dalla relazione extraconiugale con la modella Marie-Thérèse Walter, in quadri, disegni, sculture. Queste opere, rimaste a lungo nella collezione personale dell’artista spagnolo, sono esposte in una mostra a Parigi da Gagosian…

Leggi

Archeologia e arte contemporanea. Le terme di Caracalla ospitano la mostra di Antonio Biasiucci

Il fotografo campano espone presso i sotterranei del sito archeologico romano “Molti”, la serie realizzata nel 2009 e ispirata alla tragedia di migranti dispersi nel Mediterraneo. Dopo l’installazione di Pistoletto nel 2016, per le terme sembra concretizzarsi la possibilità di divenire uno dei maggiori spazi espositivi di Roma…

Leggi

Le pitture danzanti di Francesco Candeloro. A Bologna

Con il ciclo delle Pitture danzanti, realizzate nel primo decennio degli Anni Zero, Francesco Candeloro (Venezia, 1974) ridefinisce la superficie pittorica come un fertile terreno su cui dare vita, come afferma egli stesso, a “micro corpi che diventano impronte e parole”, tracce embrionali in pigmento e vinavil che ostentano la propria struttura molecolare accennando a […]

Leggi