Il 15 ottobre torna la Giornata di autunno del Fai

Roma, Palazzo Corsini alla Lungara

600 luoghi con 170 itinerari a tema e 3500 volontari che accompaneranno gli italiani alla scoperta dei tesori del nostro patrimonio culturale. Franceschini: “A ogni edizione del Fai cresce l’entusiasmo, ma la mia sensazione è di avvilimento per l’immenso lavoro che c’è ancora da fare”

ROMA – Domenica 15 ottobre si festeggia la Giornata di autunno del Fai, Fondo Ambiente Italiano. L’iniziativa, realizzata dai gruppi Fai Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva dall’1 al 31 ottobre, prevede l’apertura straordinaria di oltre 600 luoghi con 170 itinerari tematici. 3.500 volontari faranno da Cicerone agli italiani per scoprire centinaia di tesori di arte e natura in tutto il paese. 

“Si tratta di un appuntamento anche per riconoscere le proprie città attraverso percorsi originali e scoprirne i luoghi del sapere, delle attività artigianali, della musica” ha sottolineato Marco Magnifico, vicepresidente Fai. 

Tra le novità che accompagnano l’edizione di quest’anno, a quarant’anni dal primo simbolo della Fondazione c’è il nuovo logo, inoltre fino al 31 ottobre è prevista una speciale quota per chi si iscrive sul sito: 29 euro anziché 39.

Altra novità è lo spot che vede protagonisti ragazzi di tutto il mondo che incitano i coetanei italiani con la frase: “Tu che puoi, Fai! Lascia il divano!”.

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, nel corso della presentazione dell’iniziativa, ha commentato: “L’azione che da anni svolge il Fai è meritevole e indica una strada: quella di valorizzare luoghi meno conosciuti, farli vedere alle persone, farli diventare un pezzo dell’identità di quel territorio”. “Un lavoro che viene messo in atto coinvolgendo centinaia di giovani – ha sottolineato il ministro –  e che mira a raccogliere donazioni per tenere aperto e salvaguardare il patrimonio. Quando pubblico e privato lavorano insieme per un obiettivo condiviso è una cosa molto utile e importante per il Paese” – ha detto ancora Franceschini  – “A ogni edizione del Fai cresce l’entusiasmo, ma la mia sensazione è di avvilimento per l’immenso lavoro che c’e’ ancora da fare. Tutti questi luoghi chiusi sono una ferita, – ha aggiunto il ministro – ci si chiede come è possibile che siano stati abbandonati. C’e una quantità di cose enorme da fare, e le risorse pubbliche non basteranno mai se non saranno integrate con quelle private e con l’intervento di aziende che faranno da sponsor” – ha concluso Franceschini. 

Andrea Carandini,  presidente del Fai, ha spiegato: “Si può salvare l’Italia  con azioni istituzionali della Cosa Pubblica ma anche con azioni sussidiarie della società civile, come vuole l’articolo 118 della Costituzione. Tra queste civili azioni spicca da oltre quattro decenni il Fai, fedele alla sua missione e non mummificato nella tradizione”.

www.giornatefai.it

 

 

Leggi

Firenze. Crolla la statua di cera di Urs Fischer

Firenze. Crolla la statua di cera di Urs Fischer

L’opera, che rappresentava Fabrizio Moretti, Segretario Generale BIAF Biennale Internazionale d’Antiquariato di Firenze e organizzatore della mostra con Sergio Risaliti, avrebbe dovuto sciogliersi lentamente nell’arco di circa un mese secondo le previsioni 

FIRENZE – Nella serata di giovedì 5 ottobre è crollata, in Piazza della Signoria a Firenze, una delle due statue di cera di Urs Fischer, protagoniste insieme al gigante di 10 metri della sua installazione “Big Clay#4 and 2 Tuscan Men”.

Al momento non sono noti i motivi del crollo, avvenuto tra lo stupore e anche lo spavento dei visitatori. La statua, che rappresentava Fabrizio Moretti il patron della Biennale Internazionale d’Antiquariato, che secondo il progetto, avrebbe dovuto sciogliersi pian piano, simboleggiando la finitezza umana e la durevolezza dell’arte, si è invece inaspettatamente distrutta e dovrà essere rimossa quanto prima.

Le ipotesi sul crollo dell’opera spaziano dalla spinta di un passante, alla poco probabile folata di vento, fino a un più possibile problema di bilanciamento. Anche il basamento su cui la statua era ancorata ha ceduto e si è frantumato. Fortunatamente, spiega una nota del Comune, non ci sono stati danni a cose e persone e in giornata la statua sarà rimossa.

Sul crollo è intervenuto anche il sindaco di Firenze, Dario Nardella che ha detto “è un incidente imprevisto, chiaramente spiacevole. Sono in corso perizie sia per accertare definitivamente le cause che per verificare la stabilità delle altre opere presenti”.  “La nostra politica culturale – ha continuato il primo cittadino – va dalla fondazione palazzo Strozzi, al progetto San Firenze – Zeffirelli, all’arte contemporanea che a Forte Belvedere e Palazzo Vecchi è apprezzata in tutto il mondo e fa parlare di Firenze positivamente da alcuni anni come città non solo del passato ma grande citta’ della cultura contemporanea.  Il caso – ha concluso Nardella “non comporta nessuna incidenza sulla nostra politica culturale”. 

Leggi

Museo Egizio di Torino. FAMU 2017 – La Cultura abbatte i Muri!

Museo Egizio di Torino. FAMU 2017 - La Cultura abbatte i Muri!

Per la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo l’Istituzione torinese domenica 8 ottobre propone, alle ore 10.10, la visita guidata Divinità per tutti!

TORINO – Evento speciale e nuova attività ludica di laboratorio al Museo Egizio di Torino in occasione della Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo, FAMU 2017 – La Cultura abbatte i Muri!. 

Il museo propone un percorso dedicato a  grandi e piccini che attraverso le sale potranno esaminare gli oggetti esposti e scoprire, grazie al supporto di una guida attenta, alcuni aspetti della vita quotidiana non solo degli antichi abitanti della Valle del Nilo, ma anche di quei popoli stranieri che nel tempo l’hanno conquistata.

La visita è, inoltre, un invito alla riflessione e al confronto, ispirato alle storie che raccontano come tradizioni, spesso distanti e differenti, abbiano saputo convivere pur nel loro complesso rapporto.

A seguire, durante il laboratorio, le famiglie avranno la possibilità di esplorare il  complesso e affascinante mondo delle divinità, scoprendo come distinguere quelle egizie da quelle straniere e la storia di come queste si siano reciprocamente influenzate e legate indissolubilmente. Come ricordo di questa giornata speciale, tutti i partecipanti potranno creare un magico amuleto: un simpatico ricordo per sentirsi un po’ più vicini alle affascinanti e misteriose tradizioni degli antichi Egizi.

Vademecum

Divinità per tutti! – FAMU 2017 La Cultura abbatte i muri
 Pubblico: bambini (6-11 anni) accompagnati dai genitori
Data e orari: domenica 8 ottobre, ore 10:10
Prezzo al pubblico: € 8,00 (biglietto di ingresso escluso)
Prenotazione obbligatoria: dal lunedì al venerdì, 8:30 – 19:00; sabato, 9:00 – 13:00.
Telefono: 011 4406903 – mail: info@museitorino.it
 

Leggi

Sky Arte Hd. Alberto Burri e la sua città

Il Grande Nero Cretto al-campus di UCLA di Alberto Burri

Venerdì 6 ottobre il documentario in prima assoluta alle ore 19,25

ALberto Burri, artista innovatore e cosmopolita ha vissuto a Roma, Los Angeles e in Costa Azzurra, ha esposto nei musei più importanti del mondo, ma ha sempre mantenuto un forte legame con la sua città natale, Città di Castello, in terra umbra.  Proprio qui il grande artista ha infatti lasciato in eredità le sue opere. Il quattrocentesco Palazzo Albizzini, sede della Fondazione istituita dallo stesso Burri nel 1978,  custodisce i lavori che meglio rappresentano tutto il suo percorso creativo, a partire dai Sacchi degli anni Cinquanta fino ad arrivare ai Cellotex dell’ultimo ventennio di carriera.

Il lungometraggio è dunque un viaggio che permette al pubblico di scoprire questo grande artista attraverso i luoghi più significativi della città umbra. Oltre a Palazzo Albizzini il pubblico potrà scoprire anche gli Ex-Seccatoi del tabacco, recentemente inaugurati, dove hanno trovato collocazione le opere più recenti del maestro umbro. 

Leggi

Parte il bando “Generazione Cultura” per 50 giovani laureati under 27

Parte il bando

C’è tempo fino al 1 novembre 2017 per rispondere al bando disponibile sul sito www.generazionecultura.it.

ROMA – Parte il secondo bando “Generazione Cultura”, il progetto ideato e sostenuto da Il Gioco del Lotto, il MiBACT e Ales, in collaborazione con LUISS Business School, rivolto a giovani laureati under 27.  La formazione dei 50 giovani selezionati partirà a gennaio 2018 e prevede 200 ore per 6 settimane. 

I temi che saranno affrontati sono: Economia e Gestione delle Istituzioni Culturali Pubbliche Italiane, Cultural Project Management, General management, Marketing dell’arte e della cultura, Adventure Lab, Digital Transformation e Comunicazione. 

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha dichiarato: “Il successo del primo bando Generazione Cultura ha dimostrato un ampio interesse dei giovani per l’offerta formativa e l’esperienza sul campo nel settore del management dei beni culturali. Abbiamo bisogno di nuove professionalità ed energie, soprattutto adesso che la cultura è tornata al centro delle politiche di Governo, come volano economico del Paese, e che è in corso un profondo rinnovamento anche all’interno del Ministero”. 

In queste settimane intanto sono partiti gli stage retribuiti dei primi 50 giovani che hanno partecipato al precedente bando. Saranno ospitati da oltre 30 istituzioni culturali tra cui: La Triennale di Milano, il FAI, il Museo Egizio di Torino, la Fondazione Aquileia, la Biennale di Venezia e il Teatro Comunale di Bologna per il Nord; le Gallerie degli Uffizi, le Scuderie del Quirinale e la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma per il Centro; i Parchi Archeologici di Pompei, Agrigento ed Ercolano, la Fondazione Matera-Basilicata 2019 e la Reggia di Caserta per il Sud. 

Gli stage avranno come oggetto il marketing e la gestione delle imprese culturali, il fundraising, la trasformazione digitale e l’organizzazione di eventi. 

Al termine del percorso inoltre, i partecipanti si misureranno in un contest di idee imprenditoriali.

Le migliori proposte di impresa culturale, fino ad un massimo di 10, verranno accompagnate in un percorso di incubazione, sostenuto da Il Gioco del Lotto e LUISS Business School, che porterà i ragazzi alla realizzazione di veri e propri business plan a sostegno di potenziali imprese culturali future.  

Leggi

Parte il bando “Generazione Cultura” per 50 giovani laureati under 27

Parte il bando

C’è tempo fino al 1 novembre 2017 per rispondere al bando disponibile sul sito www.generazionecultura.it.

ROMA – Parte il secondo bando “Generazione Cultura”, il progetto ideato e sostenuto da Il Gioco del Lotto, il MiBACT e Ales, in collaborazione con LUISS Business School, rivolto a giovani laureati under 27.  La formazione dei 50 giovani selezionati partirà a gennaio 2018 e prevede 200 ore per 6 settimane. 

I temi che saranno affrontati sono: Economia e Gestione delle Istituzioni Culturali Pubbliche Italiane, Cultural Project Management, General management, Marketing dell’arte e della cultura, Adventure Lab, Digital Transformation e Comunicazione. 

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha dichiarato: “Il successo del primo bando Generazione Cultura ha dimostrato un ampio interesse dei giovani per l’offerta formativa e l’esperienza sul campo nel settore del management dei beni culturali. Abbiamo bisogno di nuove professionalità ed energie, soprattutto adesso che la cultura è tornata al centro delle politiche di Governo, come volano economico del Paese, e che è in corso un profondo rinnovamento anche all’interno del Ministero”. 

In queste settimane intanto sono partiti gli stage retribuiti dei primi 50 giovani che hanno partecipato al precedente bando. Saranno ospitati da oltre 30 istituzioni culturali tra cui: La Triennale di Milano, il FAI, il Museo Egizio di Torino, la Fondazione Aquileia, la Biennale di Venezia e il Teatro Comunale di Bologna per il Nord; le Gallerie degli Uffizi, le Scuderie del Quirinale e la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma per il Centro; i Parchi Archeologici di Pompei, Agrigento ed Ercolano, la Fondazione Matera-Basilicata 2019 e la Reggia di Caserta per il Sud. 

Gli stage avranno come oggetto il marketing e la gestione delle imprese culturali, il fundraising, la trasformazione digitale e l’organizzazione di eventi. 

Al termine del percorso inoltre, i partecipanti si misureranno in un contest di idee imprenditoriali.

Le migliori proposte di impresa culturale, fino ad un massimo di 10, verranno accompagnate in un percorso di incubazione, sostenuto da Il Gioco del Lotto e LUISS Business School, che porterà i ragazzi alla realizzazione di veri e propri business plan a sostegno di potenziali imprese culturali future.  

Leggi

Parte il bando “Generazione Cultura” per 50 giovani laureati under 27

Parte il bando

C’è tempo fino al 1 novembre 2017 per rispondere al bando disponibile sul sito www.generazionecultura.it.

ROMA – Parte il secondo bando “Generazione Cultura”, il progetto ideato e sostenuto da Il Gioco del Lotto, il MiBACT e Ales, in collaborazione con LUISS Business School, rivolto a giovani laureati under 27.  La formazione dei 50 giovani selezionati partirà a gennaio 2018 e prevede 200 ore per 6 settimane. 

I temi che saranno affrontati sono: Economia e Gestione delle Istituzioni Culturali Pubbliche Italiane, Cultural Project Management, General management, Marketing dell’arte e della cultura, Adventure Lab, Digital Transformation e Comunicazione. 

Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha dichiarato: “Il successo del primo bando Generazione Cultura ha dimostrato un ampio interesse dei giovani per l’offerta formativa e l’esperienza sul campo nel settore del management dei beni culturali. Abbiamo bisogno di nuove professionalità ed energie, soprattutto adesso che la cultura è tornata al centro delle politiche di Governo, come volano economico del Paese, e che è in corso un profondo rinnovamento anche all’interno del Ministero”. 

In queste settimane intanto sono partiti gli stage retribuiti dei primi 50 giovani che hanno partecipato al precedente bando. Saranno ospitati da oltre 30 istituzioni culturali tra cui: La Triennale di Milano, il FAI, il Museo Egizio di Torino, la Fondazione Aquileia, la Biennale di Venezia e il Teatro Comunale di Bologna per il Nord; le Gallerie degli Uffizi, le Scuderie del Quirinale e la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma per il Centro; i Parchi Archeologici di Pompei, Agrigento ed Ercolano, la Fondazione Matera-Basilicata 2019 e la Reggia di Caserta per il Sud. 

Gli stage avranno come oggetto il marketing e la gestione delle imprese culturali, il fundraising, la trasformazione digitale e l’organizzazione di eventi. 

Al termine del percorso inoltre, i partecipanti si misureranno in un contest di idee imprenditoriali.

Le migliori proposte di impresa culturale, fino ad un massimo di 10, verranno accompagnate in un percorso di incubazione, sostenuto da Il Gioco del Lotto e LUISS Business School, che porterà i ragazzi alla realizzazione di veri e propri business plan a sostegno di potenziali imprese culturali future.  

Leggi

RAW 2017. Alla Galleria Curva Pura arriva Fabio Mariani

RAW 2017. Alla Galleria Curva Pura arriva Fabio Mariani

L’artista espone in questa personale i lavori più recenti, frutto di una ricerca che è partita da poco più di un anno e che nasce dalla volontà  di un ritorno alla natura archetipica, attraverso l’uso dell’inchiostro ferro gallico

ROMA – Nell’ambito della Rome Art Week 2017, la Galleria Curva Pura di Roma ospita la personale di Fabio Mariani, dal titolo IN NUCE. Mariani, romano classe 1980, concentra la sua ricerca pittorica sulle potenzialità e i limiti della materia, traducendo la realtà percepita in un “Universo interiore” ricco di paesaggi e racconti. Le vibrazioni di luce e colore della sua tavolozza svelano il suo senso di spiritualità e libertà, e diventano per lo spettatore uno specchio per l’anima.

L’esposizione IN NUCE, curata da Elena Lago, è frutto di una ricerca di Mariani partita da poco più di un anno, nata dal desiderio di un ritorno alla natura archetipica, attraverso l’uso dell’inchiostro ferro gallico. Ricavato dal tannino delle galle che si trovano sui rami delle querce, prodotte da piccoli insetti parassiti che vi fanno crescere le loro larve, l’inchiostro è dunque racchiuso in nuce in un organismo che contiene e produce vita. In un percorso circolare che parte dalla raccolta delle galle nei boschi, passa per la preparazione “alchemica” dell’inchiostro e finisce con la sua applicazione, Mariani si muove da un medium tratto dalla natura per ricreare la natura stessa sulla tela o su piccole lastre di alluminio. 

Da questa sperimentazione scaturiscono paesaggi che sembrano racchiudere una pulsazione ritmica che appunto esplode da un embrione, da una noce di vita: si tratta di superfici dall’aspetto organico e multiforme generato dal particolare comportamento dell’inchiostro unito all’acqua. 

Attraverso l’uso di questo inchiostro antico, usato per i manoscritti medievali, Fabio Mariani non è più soltanto un pittore, ma ricomincia ad essere un artigiano che lavora a stretto contatto con la natura, per dar vita a una sorta di missione che ha come scopo finale la sostenibilità, contenuta IN NUCE nel significato naturale e quasi biologico di questo processo artistico.

La mostra, aperta la pubblico fino al 9 novembre, è organizzata da River of Trees, un progetto artistico che indaga, all’interno dello Spazio Curva Pura, le sperimentazioni contemporanee e i nuovi linguaggi italiani e internazionali.

http://www.materiasutela.net/

Vademecum

IN NUCE
Opening 11 ottobre 2017 ore 18.30/ Finissage 09 novembre ore 18:30
GALLERIA CURVA PURA
Via Giuseppe Acerbi, 1

Leggi