Biennale d’Arte 2019: è Dane Mitchell l’artista che rappresenterà la Nuova Zelanda a Venezia

Finlandia, Austria, Francia, Estonia, Lituania, Scozia, Hong Kong e adesso anche la Nuova Zelanda: si va delineando il quadro delle partecipazioni nazionali alla prossima Biennale d’Arte di Venezia. In attesa di scoprire quali saranno gli artisti del Padiglione Italia…

Leggi

I restauri “dal vivo” della Resurrezione di Cristo di Andrea Mantegna

Particolare de

Da sabato 4 agosto sarà allestito nella Sala 2 dell’Accademia Carrara di Bergamo un piccolo padiglione attraverso il quale i visitatori potranno assistere alle fasi di restauro dell’opera in tempo reale

BERGAMO – Partono i restauri della Resurrezione di Cristo”, opera solo recentemente attribuita alla mano di Andrea Mantegna, e potranno essere seguiti in tempo reale dai visitatori dell’Accademia Carrara di Bergamo, a partire dal 4 agosto. 

Infatti, grazie al sostegno di Rotary Club Bergamo Sud, è stato allestito al primo piano, nella Sala 2 della pinacoteca lombarda, un piccolo padiglione in compensato marino e lastre di plexiglass, con una speciale pellicola opacizzata che favorisce solo in parte la trasparenza. La struttura, progettata da Mauro Piantelli e Madalena Tavares di De8 Architetti, permetterà ai visitatori di assistere, ogni mercoledì e sabato nell’orario di apertura del museo, agli interventi che saranno effettuati sull’opera. La struttura reinterpreta il laboratorio del restauratore, con tutti gli strumenti e le attrezzature del mestiere, mentre alle pareti scorrono le immagini e i video delle varie fasi di recupero.

Il restauro, sotto la direzione di Delfina Fagnani, è stato preceduto da una serie di indagini scientifiche preliminari. I risultati delle analisi (raggi X, TAC e tomosintesi, infrarosso a diverse lunghezze d’onda, falso colore, macrofotografie, analisi spettrometriche per rilievo della composizione chimica dei colori, prelievi per stratigrafia, prelievi per gascromatografia) saranno quindi messi al servizio del restauro.

La  Resurrezione di Cristo” è stata considerata per oltre 200 anni  una copia contemporanea di un Mantegna perduto. L’attribuzione ufficiale del dipinto si deve allo storico dell’arte Giovanni Valagussa, conservatore dell’Accademia Carrara ed è stata confermata anche da studiosi, tra i quali  Keith Christiansen, curatrice del Metropolitan Museum of Art di New York e principale studiosa di fama mondiale del Mantegna. 

Leggi