Sei qui

Un concept book su interior design a cura di NABA e Italo Rota

Nell’era attuale che vede l’elettronica, Internet e l’Intelligenza Artificiale cambiare la vita delle persone, percepire lo spazio come un’estensione della nostra mente è, in pratica, pensare in termini di spazializzazione del nostro modo di organizzare il mondo. È questo il tema affrontato nel libro edito da Quodlibet The Book Is a Small Architecture. Interior of an Interior, un progetto sviluppato da NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, e curato da Italo Rota, architetto e NABA Scientific Advisor, con Anthony Marasco, Senior Lecturer di Estetica di NABA, e Diego Terna, architetto e contributor di numerosi magazine di architettura internazionali. Prodotta per motivi didattici sul tema dell’interior design, la pubblicazione è un innovativo concept book che spinge a connettere immagini e concetti, proponendo al lettore di diventare co-autore per investigare la propria percezione dello spazio ed in particolare di quello interno. Ne abbiamo parlato con NABA che ha sviluppato il progetto editoriale e con il curatore del volume, l’architetto e designer milanese Italo Rota.

Come nasce l’idea di questo libro?
Italo Rota: Questo libro nasce da una ricerca molto articolata e originale intorno all’idea che oggi lo spazio è un’estensione della mente e oggi lo spazio si potrebbe definire un immenso spazio interno che a sua volta ha degli interni; è molto simile a quando noi siamo in una foresta tropicale dove tutto è vita e lo spazio sono gli altri esseri viventi sotto forma di vegetali, animali, acqua e rocce; quello che determina le forme dello spazio è la nostra mente.

Da quali necessità, opportunità e con quali obiettivi?
NABA: L’obiettivo che la Nuova Accademia di Belle Arti si è posta con questo progetto editoriale è la produzione di contenuti didattici avanzati ed innovativi sul tema dell’interior design e dello spazio in senso esteso. La pubblicazione è il risultato di un progetto scientifico che raccoglie un ciclo di conferenze svolte all’interno del Dipartimento di Progettazione e Arti Applicate con il coinvolgimento degli studenti. NABA è un’accademia, un luogo in cui si pensa e si insegna, in cui si producono contenuti integrati con la didattica con uno sguardo interdisciplinare e internazionale. Numerosi sono stati gli interventi della faculty e professionisti che collaborano con NABA tra cui Marco Bernardi, Dante Donegani, Mario Gerosa, Claudio Larcher, Emanuele Lomello, Massimo Martignoni, Luca Poncellini, Wei Shaonong e Mario Trimarchi.

Qual è la sua particolarità e in che modo il lettore ne diventa co-autore?
Italo Rota: Questo libro è costruito in modo che un lettore o meglio un visitatore, possa costruire il proprio viaggio spostandosi in tutte le dimensioni, usando supporti diversi, un po’ come il bambino di Shining con il suo triciclo che attraversava uno spazio della mente. The book is small Architecture.

-Claudia Giraud

Articoli Correlati

Lascia un commento