Sei qui

Amatrice torna a (ri) creare. Dalla distruzione alla rinascita

Cristiano Muti: “Epicentro

Promossa dal festival di riciclo creativo “Riscarti”, l’esposizione dal titolo “SOStenibilità, la Natura si ribella” visitabile nella sala del Consiglio del Municipio I di Roma, è dedicata alla città distrutta dal sisma e resterà aperta al pubblico fino al 2 gennaio 2018

ROMA – C’è tempo fino al 2 gennaio per vedere la mostra SOStenibilità, la Natura si ribella”, che si inserisce nella V edizione di Riscarti, il festival internazionale di riciclo creativo, quest’anno dedicata ad Amatrice e alle popolazioni che hanno subito il tremendo terremoto che ha colpito il centro Italia il 24 agosto del 2016. 

In mostra opere d’arte, design e installazioni, realizzate con il reimpiego dei materiali provenienti dalla città distrutta dal sisma

Obiettivo di questa iniziativa, visitabile nella sala del Consiglio del Municipio I di Roma, è lanciare un allarme: SOStenibilità, con le iniziali maiuscole,  è infatti un monito per il presente, un allarme che ci avvisa che il nostro stile di vita di oggi può determinare le sorti del Pianeta di domani. Di conseguenza sappiamo che molti dei rischi ambientali possono essere minimizzati attraverso scelte economiche più responsabili, e che certi fenomeni diventano disastri naturali perché provocati dalla scellerata politica dell’uomo.

Ideatrice di questo interessante progetto è Marlene Scalise che utilizza le parole di Albert Einstein per spiegarlo: «Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose (…). È nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte, le grandi strategie». Scalise aggiunge inoltre: “Riscarti utilizza l’arte in quanto valore trasversale –  oltre che come efficace ed alternativo veicolo di comunicazione – per riflettere sulle grandi questioni della nostra contemporaneità. E il riciclo con l’arte è una soluzione creativa alla crisi ambientale che investe il pianeta Terra, poiché ci insegna a recuperare e riassemblare i pezzi, sottraendoli al circolo dei rifiuti e reinserendoli in un circuito virtuoso. Le due cose combinate, sono capaci di generare una cultura sui temi green, e così delineare scenari e stili di vita compatibili con l’ambiente.” 

In esposizione le opere realizzate da Alessandro Ciafardini, Cristiano D’Innocenti, Tommaso Garavini, Cristiano Muti, Francesca Pizzo, Filippo Riniolo e Germano Serafini.

La mostra è anche l’occasione per raccogliere fondi e regalare le opere ai luoghi colpiti dal sisma, con un progetto sostenuto dalla Croce Rossa Italiana

{igallery id=3056|cid=813|pid=1|type=category|children=0|addlinks=0|tags=|limit=0}

Vademecum

Fino al 02 gennaio 2018
Municipio I, via della Greca 5, Roma
Dalle ore 09 alle ore 18:00
Ingresso libero

Leggi
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342