Sei qui

Pistoia, al via le indagini sulla sulla stabilità strutturale del pulpito di Giovanni Pisano

Pistoia, al via le indagini sulla sulla stabilità strutturale del pulpito di Giovanni Pisano

Il monitoraggio e il restauro dell’opera nella chiesa di Sant’Andrea coinvolge i Dipartimenti di Ingegneria civile e ambientale e di Scienze della Terra dell’Ateneo di Firenze nell’ambito di un progetto sostenuto dalla Fondazione Friends of Florence, svolto insieme alla Soprintendenza Archeologia

FIRENZE – “Lo studio e il monitoraggio del pulpito di Giovanni Pisano è indispensabile per conoscere le reali condizioni di salute di quello che è uno dei capolavori assoluti dell’arte di tutti i tempi” – ha spiegato il Soprintendente Andrea Pessina.

L’opera di Giovanni Pisano, realizzata tra il 1298 e il 1301, è infatti considerata uno dei massimi capolavori dell’arte italiana e ha rappresentato un punto di riferimento per i massimi scultori del Rinascimento.

Le indagini, cominciate questa settimana, vedono coinvolta l’Università degli Studi di Firenze, in particolare i Dipartimenti di Ingegneria civile e ambientale e di Scienze della Terra. Sono rese possibili grazie alla sensibilità e generosità della Fondazione Friends of Florence e saranno svolte insieme alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato.

In una nota si legge che sarà un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale a curare il campionamento e l’analisi dei materiali e dello stato di degrado, la loro caratterizzazione fisico meccanica e minero-petrografica e le indagini geofisiche e geognostiche del basamento e delle fondazioni. Il lavoro, sotto la direzione scientifica di Carlo Alberto Garzonio, rappresenta la continuazione di un intervento già condotto dallo stesso Dipartimento e dall’Opificio delle Pietre Dure tra il 2007 e il 2008.

In particolare spiega ancora la nota: “il Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale “sarà impegnato su due aspetti distinti ma correlati. Il team del Laboratorio di Geomatica per l’ambiente e i beni culturali (GeCO Lab), coordinato da Grazia Tucci, si occuperà della digitalizzazione del pulpito con fotogrammetria e laser scanner. I modelli tridimensionali, saranno utilizzati anche per il progetto di comunicazione e per la scomposizione virtuale nei blocchi lapidei che compongono l’opera, al fine di indagarne la tecnica di montaggio. Il gruppo di Gianni Bartoli studierà infine la caratterizzazione del comportamento dinamico e la progettazione di un sistema di monitoraggio statico e dinamico del pulpito”.

L’intervento, a cura dei ricercatori fiorentini, durerà due anni. 

L’annuncio delle indagini e del restauro era stato dato lo scorso novembre 2018 e la Presidente della Fondazione Friends of Florence, Simonetta Brandolini d’Adda, aveva dichiarato: “Il Pulpito di Giovanni Pisano è stato uno dei primi grandi passi nella scultura verso il Rinascimento ed è stato apprezzato e studiato poi per secoli dai grandi artisti come un modello di ispirazione stilistica. Lo studio approfondito e il restauro hanno un’importanza vitale per conservare questo magnifico capolavoro e offrire alle future generazioni la stessa opportunità che oggi abbiamo noi di poterlo vedere, studiare e fruire secondo i valori che la cultura occidentale ci insegna attraverso l’arte.”

 

Articoli Correlati

Lascia un commento