Firenze, approvato il progetto di ampliamento di Santa Maria Novella

Firenze, approvato il progetto di ampliamento di Santa Maria Novella

I nuovi lavori, finanziati dal ‘Patto per Firenze’, riguarderanno una superficie di 540 metri quadrati che costituirà tutto il nuovo sistema di servizi museali, dalla biglietteria al guardaroba, dai servizi igienici agli spazi multimediali

FIRENZE – Partiranno entro la fine del 2018 i cantieri per l’ampliamento del museo di Santa Maria Novella a Firenze, il quarto più visitato dopo Uffizi, Accademia e Palazzo Vecchio. Il progetto è stato infatti approvato dalla giunta comunale. Durante i lavori, finanziati dal ‘Patto per Firenze’, il museo rimarrà sempre aperto al pubblico. 

Il Comune spiega che il museo di Santa Maria Novella, dopo l’addio della vecchia caserma dei carabinieri, trasferitasi nella Scuola Marescialli di Castello, lo scorso anno,  è in una fase di profonda trasformazione.  Il complesso infatti si è ampliato con nuovi spazi museali già fruibili: il Chiostro Grande, il Dormitorio settentrionale e la Cappella del Papa. 

I nuovi lavori riguarderanno una superficie di 540 metri quadrati che costituirà tutto il nuovo sistema di servizi museali, dalla biglietteria al guardaroba, dai servizi igienici agli spazi multimediali. 

Verrano inoltre adeguati gli impianti e sarà ripensato anche il percorso museale, che troverà nuova organicità e semplificazione. 

Il sindaco e assessore alla cultura Dario Nardella ha sottolineato: “Inauguriamo il ‘Patto per Firenze’ con un intervento imponente in uno dei complessi artistici e architettonici più pregevoli e importanti di Firenze, che i fiorentini hanno dimostrato di amare e apprezzare affollando gli open day del 2016 che hanno svelato i nuovi spazi museali, in particolare il magnifico Chiostro, il più grande della città. La cultura non è un optional ma permea tutto l’operato della nostra amministrazione. A fine mandato avremo un museo più bello, più grande e più attrattivo”. 

Leggi

A Roma “I colori della speranza” di Karen Thomas

A Roma “I colori della speranza” di Karen Thomas

Dal 3 al 25 novembre la personale dell’artista è ospitata negli spazi della galleria dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio 

ROMA –  “I colori della speranza” è questo il titolo della mostra di Karen Thomas che inaugura venerdì’ 3 novembre 2017 alle ore 18.30 presso la galleria dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma. 

L’esposizione, presentata dal Rettore dell’Istituto, Mons. Agostinho da Costa Borges, sotto l’alto patrocinio dell’Ambasciata del Portogallo presso la Santa Sede, è una esperienza emotiva e sensoriale realizzata con la collaborazione di Claudio Zaccaretti (luce e design). 

Quadri su tela o su plexiglass e colonne luminose raccontano e ripercorrono i temi forti dell’attualità geo-politica del nostro tempo, con l’auspicio di trasmettere colore e luce e dissipare l’oscurità.

Le tematiche

LE COLONNE

Come in un parco illuminato, che affonda le radici nel mondo classico, nell’arte ellenistica-romana, nel rispetto delle proporzioni e del “bello”, l’artista Karen Thomas ha scelto di realizzare delle colonne tematiche con tecnica mista acrilico, oro ed argento su plexiglass per raccontare, attraverso una forte denuncia forte e in un grido di colore, il nostro tempo.

Colonne grandi si alternano ad elementi più piccoli, anch’essi montati su base “classica” e

realizzati in temi che esprimono Luce, Pace, Ambiente e Speranza.

L’uso dell’ oro simboleggia la preziosità della vita che ci è stata regalata e che va tratta con delicatezza e gratitudine. L’uso dell’argento simbolizza Leggerezza e Serenita’; porta Luce dove prima c’era il buio e insieme al verde significa per l’artista Speranza.

La tecnica di pittura utilizzata non è astratta e non è figurativa: viene chiamata “astratto-figurativa” a causa del flusso dei colori nei quali si riconoscono delle figure che si fondono ed interagiscono con essi.

L’intenzione è quella di fornire una “chiave di lettura” all’osservatore cercando di instaurare a mezzo dei colori, dei segni e della luce, un dialogo con l’opera, destando curiosità, generando domande e fornendo spunti per le risposte. A volte è sufficiente anche il solo guardare, farsi trasportare e perdersi tra i colori… Design e Luce si integrano al colore fondendosi con il colore in una forte sensibilità artistica che crea Luce e Bellezza.

SPERANZA

La visione dell’artista della natura e dell’ambiente si fa segno e colore.

Il nostro pianeta – maltrattato, ferito, sanguinante, in lacrime, eppure forte e bellissimo – non si stanca di proteggersi e di continuare a regalarci spettacoli indimenticabili, fatti di albe e tramonti, ma anche di fioriture, frutti di un orto mediterraneo con farfalle, uccelli e lucertole illuminati dal sole, cani liberi e felici, di un cielo azzurro-cobalto, vento e onde rumorosi e spettacolari.

PACE, EUROPA

Un artista in solitaria oggi può fare poco ma, ribaltando la visione e unendosi agli altri, può produrre come un gigantesco mosaico dove ciascuno con le proprie capacità e la propria sensibilità va ad aggiungere un sassolino per realizzare l’Opera massima.

Questa colonna è creata nelle sfumature del colore Blu, con accenni ai singoli paesi, come stelle dorate: ognuno con i suoi problemi, ma uniti nel cerchio d’oro, ad auspicio di garanzia di Pace e stabilità nel rispetto delle singole identità.

INCONTRO

Figure nella Luce si incontrano, percorrono un cammino insieme, escono dal buio della solitudine verso l’alto, verso la Luce.

In questo dialogo di empatia ci si muove in un bluceleste, tra accenni di alberi e fiori, adulti, giovani, coppie con bambini in colori dolci e “caldi come la terra”.

Vademecum

ISTITUTO PORTOGHESE DI SANT’ANTONIO IN ROMA
via dei Portoghesi, 6 – 00186 – Roma
Vernissage: venerdì, 3 novembre 2017, ore 18.30
Finissage: sabato, 25 novembre 2017, ore 18.30
APERTURA da lunedì a sabato, dalle 18.00 alle 20.00
Sono possibili incontri con l’artista in orario alternativo su appuntamento scrivendo alla mail karen@karenthomas.it.
Ingresso libero
INFOLINE:
Karen Thomas: +39 3355495870
Claudio Zaccaretti: +39 3927693359
Altre informazioni in http://www.karenthomas.it/

Leggi

Omaggio a Chiara Fumai: da Guidocosta Projects a Torino la prima mostra dedicata all’artista dopo

Scomparsa ad agosto 2017 a soli 39 anni, Chiara Fumai è stata una delle artiste più rappresentative della sua generazione. La galleria, con la quale aveva cominciato a lavorare in esclusiva le dedica un sentito omaggio: una mostra a cui Chiara stava lavorando e che in questa occasione viene costruita nel dettaglio.

Leggi

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Un grande spazio vuoto, la cui funzione rimane un mistero, rilevato grazie a una tecnica molto sofisticata e non invasiva basata sulla fisica delle particelle subatomiche

IL CAIRO – Il team di ricercatori del progetto internazionale ScanPyramids, di cui fanno parte anche  l’ex ministro per le antichità egiziano Zahi Hawass e l’archeologo Mark Lehner, che da due anni stanno compiendo delle ricerche nel cuore della piramide di Cheope, la più grande ed antica delle tre piramidi che si trovano nella piana di Giza al Cairo, hanno annunciato di aver individuato un ambiente segreto che si estende per almeno 30 metri, collocato al di sopra della grande galleria, un corridoio ascendente che collega la camera della Regina a quella del Re nel cuore del monumento. 

La notizia è stata diffusa dalla rivista “Nature”. La scoperta è stata realizzata grazie a una tecnica di rilevamento non invasiva, denominata “muografia”, basata sulla fisica delle particelle subatomiche, chiamate “muoni”, che viaggiano a una velocità prossima a quella della luce e si comportano come i raggi X quando incontrano dei corpi. Attraverso questa tecnica vengono rilevate quelle che sono definite delle “anomalie”, dei vuoti, delle cavità all’interno della costruzione.

In questo caso è stato scoperto lo spazio vuoto più grande finora rilevato, le misure di questa cavità sono simili a quelle della grande galleria, che è lunga circa 50 metri, alta 8 e larga un metro. 

Una scoperta impressionante e di grande importanza che conferma come la piramide continui a riservare sorprese. Risale infatti all’ottobre del 2016 la scoperta del corridoio localizzato vicino alla parete nord.

Al momento è ancora un mistero quale potesse essere la funzione di questa sorta di camera segreta. 

Leggi

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Un grande spazio vuoto, la cui funzione rimane un mistero, rilevato grazie a una tecnica molto sofisticata e non invasiva basata sulla fisica delle particelle subatomiche

IL CAIRO – Il team di ricercatori del progetto internazionale ScanPyramids, di cui fanno parte anche  l’ex ministro per le antichità egiziano Zahi Hawass e l’archeologo Mark Lehner, che da due anni stanno compiendo delle ricerche nel cuore della piramide di Cheope, la più grande ed antica delle tre piramidi che si trovano nella piana di Giza al Cairo, hanno annunciato di aver individuato un ambiente segreto che si estende per almeno 30 metri, collocato al di sopra della grande galleria, un corridoio ascendente che collega la camera della Regina a quella del Re nel cuore del monumento. 

La notizia è stata diffusa dalla rivista “Nature”. La scoperta è stata realizzata grazie a una tecnica di rilevamento non invasiva, denominata “muografia”, basata sulla fisica delle particelle subatomiche, chiamate “muoni”, che viaggiano a una velocità prossima a quella della luce e si comportano come i raggi X quando incontrano dei corpi. Attraverso questa tecnica vengono rilevate quelle che sono definite delle “anomalie”, dei vuoti, delle cavità all’interno della costruzione.

In questo caso è stato scoperto lo spazio vuoto più grande finora rilevato, le misure di questa cavità sono simili a quelle della grande galleria, che è lunga circa 50 metri, alta 8 e larga un metro. 

Una scoperta impressionante e di grande importanza che conferma come la piramide continui a riservare sorprese. Risale infatti all’ottobre del 2016 la scoperta del corridoio localizzato vicino alla parete nord.

Al momento è ancora un mistero quale potesse essere la funzione di questa sorta di camera segreta. 

Leggi

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Sabato 4 novembre dalle ore 21:15 una serata dedicata allo splendore dell’antica civiltà Egizia con il critico d’arte Alastair Sooke 

Protagonista della serata di Sky Arte HD è la miniserie in tre puntate I Tesori dell’Antico Egitto, attraverso la quale il critico d’arte Alastair Sooke cercherà di fare luce sull’antica civiltà egizia. 

Nel primo episodio dal titolo La nascita dell’arte il critico attraverserà il Sahara e seguirà il corso del Nilo, alla ricerca di manufatti antichissimi e delle basi di una tecnica messa in pratica tuttora dagli artigiani contemporanei.

Il secondo episodio dal titolo L’età dell’oro avrà come focus il periodo di massimo splendore della civiltà egizia. Sarà possibile ammirare il  ritratto del sovrano tiranno Senwosret III, la maschera d’oro di Tutankhamon e  una città perduta in cui ebbe origine la grande rivoluzione creativa nella storia dell’Egitto durante il regno di Akhenaton e Nefertiti.

Un nuovo inizio è il titolo del terzo episodio che racconta invece il declino della civiltà egizia, un periodo che fu comunque caratterizzato da una intensa attività artistica. 

La serata si potrà commentare sui social attraverso l’hashtag #NotteDellePiramidi.

Leggi

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Sabato 4 novembre dalle ore 21:15 una serata dedicata allo splendore dell’antica civiltà Egizia con il critico d’arte Alastair Sooke 

Protagonista della serata di Sky Arte HD è la miniserie in tre puntate I Tesori dell’Antico Egitto, attraverso la quale il critico d’arte Alastair Sooke cercherà di fare luce sull’antica civiltà egizia. 

Nel primo episodio dal titolo La nascita dell’arte il critico attraverserà il Sahara e seguirà il corso del Nilo, alla ricerca di manufatti antichissimi e delle basi di una tecnica messa in pratica tuttora dagli artigiani contemporanei.

Il secondo episodio dal titolo L’età dell’oro avrà come focus il periodo di massimo splendore della civiltà egizia. Sarà possibile ammirare il  ritratto del sovrano tiranno Senwosret III, la maschera d’oro di Tutankhamon e  una città perduta in cui ebbe origine la grande rivoluzione creativa nella storia dell’Egitto durante il regno di Akhenaton e Nefertiti.

Un nuovo inizio è il titolo del terzo episodio che racconta invece il declino della civiltà egizia, un periodo che fu comunque caratterizzato da una intensa attività artistica. 

La serata si potrà commentare sui social attraverso l’hashtag #NotteDellePiramidi.

Leggi