Omaggio a Chiara Fumai: da Guidocosta Projects a Torino la prima mostra dedicata all’artista dopo

Scomparsa ad agosto 2017 a soli 39 anni, Chiara Fumai è stata una delle artiste più rappresentative della sua generazione. La galleria, con la quale aveva cominciato a lavorare in esclusiva le dedica un sentito omaggio: una mostra a cui Chiara stava lavorando e che in questa occasione viene costruita nel dettaglio.

Leggi

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Un grande spazio vuoto, la cui funzione rimane un mistero, rilevato grazie a una tecnica molto sofisticata e non invasiva basata sulla fisica delle particelle subatomiche

IL CAIRO – Il team di ricercatori del progetto internazionale ScanPyramids, di cui fanno parte anche  l’ex ministro per le antichità egiziano Zahi Hawass e l’archeologo Mark Lehner, che da due anni stanno compiendo delle ricerche nel cuore della piramide di Cheope, la più grande ed antica delle tre piramidi che si trovano nella piana di Giza al Cairo, hanno annunciato di aver individuato un ambiente segreto che si estende per almeno 30 metri, collocato al di sopra della grande galleria, un corridoio ascendente che collega la camera della Regina a quella del Re nel cuore del monumento. 

La notizia è stata diffusa dalla rivista “Nature”. La scoperta è stata realizzata grazie a una tecnica di rilevamento non invasiva, denominata “muografia”, basata sulla fisica delle particelle subatomiche, chiamate “muoni”, che viaggiano a una velocità prossima a quella della luce e si comportano come i raggi X quando incontrano dei corpi. Attraverso questa tecnica vengono rilevate quelle che sono definite delle “anomalie”, dei vuoti, delle cavità all’interno della costruzione.

In questo caso è stato scoperto lo spazio vuoto più grande finora rilevato, le misure di questa cavità sono simili a quelle della grande galleria, che è lunga circa 50 metri, alta 8 e larga un metro. 

Una scoperta impressionante e di grande importanza che conferma come la piramide continui a riservare sorprese. Risale infatti all’ottobre del 2016 la scoperta del corridoio localizzato vicino alla parete nord.

Al momento è ancora un mistero quale potesse essere la funzione di questa sorta di camera segreta. 

Leggi

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Un grande spazio vuoto, la cui funzione rimane un mistero, rilevato grazie a una tecnica molto sofisticata e non invasiva basata sulla fisica delle particelle subatomiche

IL CAIRO – Il team di ricercatori del progetto internazionale ScanPyramids, di cui fanno parte anche  l’ex ministro per le antichità egiziano Zahi Hawass e l’archeologo Mark Lehner, che da due anni stanno compiendo delle ricerche nel cuore della piramide di Cheope, la più grande ed antica delle tre piramidi che si trovano nella piana di Giza al Cairo, hanno annunciato di aver individuato un ambiente segreto che si estende per almeno 30 metri, collocato al di sopra della grande galleria, un corridoio ascendente che collega la camera della Regina a quella del Re nel cuore del monumento. 

La notizia è stata diffusa dalla rivista “Nature”. La scoperta è stata realizzata grazie a una tecnica di rilevamento non invasiva, denominata “muografia”, basata sulla fisica delle particelle subatomiche, chiamate “muoni”, che viaggiano a una velocità prossima a quella della luce e si comportano come i raggi X quando incontrano dei corpi. Attraverso questa tecnica vengono rilevate quelle che sono definite delle “anomalie”, dei vuoti, delle cavità all’interno della costruzione.

In questo caso è stato scoperto lo spazio vuoto più grande finora rilevato, le misure di questa cavità sono simili a quelle della grande galleria, che è lunga circa 50 metri, alta 8 e larga un metro. 

Una scoperta impressionante e di grande importanza che conferma come la piramide continui a riservare sorprese. Risale infatti all’ottobre del 2016 la scoperta del corridoio localizzato vicino alla parete nord.

Al momento è ancora un mistero quale potesse essere la funzione di questa sorta di camera segreta. 

Leggi

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Sabato 4 novembre dalle ore 21:15 una serata dedicata allo splendore dell’antica civiltà Egizia con il critico d’arte Alastair Sooke 

Protagonista della serata di Sky Arte HD è la miniserie in tre puntate I Tesori dell’Antico Egitto, attraverso la quale il critico d’arte Alastair Sooke cercherà di fare luce sull’antica civiltà egizia. 

Nel primo episodio dal titolo La nascita dell’arte il critico attraverserà il Sahara e seguirà il corso del Nilo, alla ricerca di manufatti antichissimi e delle basi di una tecnica messa in pratica tuttora dagli artigiani contemporanei.

Il secondo episodio dal titolo L’età dell’oro avrà come focus il periodo di massimo splendore della civiltà egizia. Sarà possibile ammirare il  ritratto del sovrano tiranno Senwosret III, la maschera d’oro di Tutankhamon e  una città perduta in cui ebbe origine la grande rivoluzione creativa nella storia dell’Egitto durante il regno di Akhenaton e Nefertiti.

Un nuovo inizio è il titolo del terzo episodio che racconta invece il declino della civiltà egizia, un periodo che fu comunque caratterizzato da una intensa attività artistica. 

La serata si potrà commentare sui social attraverso l’hashtag #NotteDellePiramidi.

Leggi

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Sabato 4 novembre dalle ore 21:15 una serata dedicata allo splendore dell’antica civiltà Egizia con il critico d’arte Alastair Sooke 

Protagonista della serata di Sky Arte HD è la miniserie in tre puntate I Tesori dell’Antico Egitto, attraverso la quale il critico d’arte Alastair Sooke cercherà di fare luce sull’antica civiltà egizia. 

Nel primo episodio dal titolo La nascita dell’arte il critico attraverserà il Sahara e seguirà il corso del Nilo, alla ricerca di manufatti antichissimi e delle basi di una tecnica messa in pratica tuttora dagli artigiani contemporanei.

Il secondo episodio dal titolo L’età dell’oro avrà come focus il periodo di massimo splendore della civiltà egizia. Sarà possibile ammirare il  ritratto del sovrano tiranno Senwosret III, la maschera d’oro di Tutankhamon e  una città perduta in cui ebbe origine la grande rivoluzione creativa nella storia dell’Egitto durante il regno di Akhenaton e Nefertiti.

Un nuovo inizio è il titolo del terzo episodio che racconta invece il declino della civiltà egizia, un periodo che fu comunque caratterizzato da una intensa attività artistica. 

La serata si potrà commentare sui social attraverso l’hashtag #NotteDellePiramidi.

Leggi

Barbara Kruger invade New York. L’installazione in uno skate park

In occasione dell’edizione 2017 di Performa, biennale dedicata alle arti performative, Barbara Kruger realizzerà una serie di interventi in giro per la città. A partire dal parco per skater Coleman. Ne parla in questo video Steve Rodriguez, leggenda dello skateboarding internazionale

Leggi

Barbara Kruger invade New York. L’installazione in uno skate park

In occasione dell’edizione 2017 di Performa, biennale dedicata alle arti performative, Barbara Kruger realizzerà una serie di interventi in giro per la città. A partire dal parco per skater Coleman. Ne parla in questo video Steve Rodriguez, leggenda dello skateboarding internazionale

Leggi