Fondazione Polo del ‘900 di Torino. Intervista al neodirettore Alessandro Bollo

Un museo, una biblioteca con due sale lettura, spazi per eventi, mostre temporanee e performance, aule per la didattica, un’area per i bambini, sale conferenze e un minicinema: tutto questo è la Fondazione Polo del ‘900, che si estende su 8000 mq e a cui aderiscono 19 enti. Abbiamo parlato con il direttore Alessandro Bollo, che ci ha raccontato come sta andando e come andrà.

Leggi

Fondazione Polo del ‘900 di Torino. Intervista al neodirettore Alessandro Bollo

Un museo, una biblioteca con due sale lettura, spazi per eventi, mostre temporanee e performance, aule per la didattica, un’area per i bambini, sale conferenze e un minicinema: tutto questo è la Fondazione Polo del ‘900, che si estende su 8000 mq e a cui aderiscono 19 enti. Abbiamo parlato con il direttore Alessandro Bollo, che ci ha raccontato come sta andando e come andrà.

Leggi

Sky Arte HD, Tullio Pericoli – Le colline davanti

Le colline davanti. Tullio Pericoli, 2016, olio, inchiostro e collage su tela, cm 84,

Martedì 31 ottobre alle ore 20:20 uno speciale approfondimento in occasione della mostra “Le colline davanti. Viaggio nelle terre di Langhe, Roero e Monferrato”, allestita ad Alba fino al 26 novembre

“Tullio Pericoli  Le colline davanti” è il titolo del documentario dedicato al pittore, in cui il tema del paesaggio risulta centrale. Noto per i suoi intensi ritratti, Pericoli, ripreso in questo film nel suo studio di Milano e all’interno della mostra monografica di Alba, racconta lo spostamento della sua ricerca estetica verso il tema del paesaggio. Volti e paesaggi, secondo l’artista sono infatti accomunati dalla capacità di raccontare una biografia. 

Protagonista assoluto del documentario è in particolare il paesaggio di Langhe, Roero e Monferrato e il talento dell’artista di penetrarlo facendolo vibrare sulle proprie tele. 

Leggi

5000 firme contro le molestie sessuali nel mondo dell’arte. La lettera We Are Not Surprised

Una dura requisitoria contro gli abusi di potere a sfondo sessuale sta facendo il giro della rete e delle caselle email del settore culturale. Dopo lo scandalo che ha coinvolto Knight Landesman, editore storico di Artforum, il mondo dell’arte, soprattutto femminile, prende posizione.

Leggi

5000 firme contro le molestie sessuali nel mondo dell’arte. La lettera We Are Not Surprised

Una dura requisitoria contro gli abusi di potere a sfondo sessuale sta facendo il giro della rete e delle caselle email del settore culturale. Dopo lo scandalo che ha coinvolto Knight Landesman, editore storico di Artforum, il mondo dell’arte, soprattutto femminile, prende posizione.

Leggi

L’Agnello Mistico di Van Eyck on-line in altissima risoluzione

L’Agnello Mistico di Van Eyck on-line in altissima risoluzione

Il sito permette non solo una immersione nelle immagini in altissima risoluzione della celebre pala d’altare di Gent, maanche nei diversi stadi del trattamento di conservazione e restauro dell’opera iniziato nel 2012

ROMA – E’ online la nuova versione dell’applicazione web “Closer to Van Eyck”, che permette uno sguardo ravvicinato sull’artista e il suo capolavoro il Polittico dell’Agnello Mistico, realizzato nel 1432 col fratello Hubert. 

I nuovi contenuti sono disponibili sulla piattaforma http://closertovaneyck.kikirpa.beIl sito permette non solo di immergersi nelle immagini in altissima risoluzione della celebre pala d’altare di Gent, ma anche nei diversi stadi del trattamento di conservazione e restauro dell’opera iniziato nel 2012, con l possibilità quindi di confrontare simultaneamente le immagini del prima, durante e dopo il restauro, con una semplice funzione di zoom.

Ogni tappa del processo di conservazione è stata infatti documentata con tecniche fotografiche e scientifiche all’avanguardia, come le radiografie e la riflessografia a raggi infrarossi, che permettono di ottenere un altissimo livello di dettaglio della pittura e una risoluzione di estrema qualità delle immagini, pari a 100 miliardi di pixel. 

Le nuove immagini mostrano quindi alla perfezione il lungo lavoro di riscoperta ad opera dei restauratori dell’Istituto Reale Belga per il Patrimonio KIK-IRPA, che tra il 2012 e il 2016 hanno eliminato secoli di ridipinture dai pannelli esterni della pala d’altare, riportando a nuova vita e nuova luce la pittura originale di Van Eyck, coi suoi colori e i suoi volumi, talvolta inaspettati. 

Deborah Marrow, direttrice della Getty Foundation che, insieme alla Fondazione Gieskes-Strijbis e al Governo Fiammingo, finanzia il sito Closer to Van Eyck e il restauro dell’opera afferma: “La nuova documentazione di Closer to Van Eyck permette di immergersi nella genialità degli artisti. È un regalo per gli occhi e un’enorme fonte d’ispirazione per la ricerca” afferma. 

Altri partner dell’iniziativa sono la Kathedrale Kerkfabriek Sint Baafs (KKSB) di Gent, Lukas – Art in Flanders (LAF) di Gent, Universum Digitalis (UD) di Bruxelles, Visscher & Van Rijckevorsel filmproducties di Amsterdam e i Dipartimenti di Matematica e di Elettronica e Informatica della Vrije Universiteit Brussel di Bruxelles.

Il trattamento sul Polittico intanto continua sui pannelli interni, sempre nei laboratori allestiti presso il MSK – Museum of Fine Arts di Gent, sotto gli occhi dei visitatori del museo. I pannelli esterni già restaurati si possono ammirare nella Cattedrale di San Bavone a Gent, luogo in cui l’opera è storicamente conservata. Un biglietto di 12 euro garantisce l’ingresso nei due siti, includendo anche la visita al Caermersklooster, ex convento in cui fino al 26 novembre è allestita una mostra sui primi 4 anni di restauro.

Leggi