Musei Vaticani. Codacons: “troppo affollati”, presentato un esposto

Musei Vaticani. Codacons: “troppo affollati”, presentato un esposto

In una nota l’associazione specifica: “La maggior parte delle segnalazioni ricevute dai turisti denuncia l’accalcamento nelle gallerie e nelle scale che portano alla Cappella Sistina, assenza di aria condizionata”

ROMA – Il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) ha presentato un esposto  al Tribunale della Città del Vaticano, allo scopo di fare luce su quanto riportato dai media, in relazione alle criticità che da tempo si verificherebbero ai Musei Vaticani, legate in particolare alla gestione delle numerose presenze, che a detta di molti sarebbe inadeguata. 

A riferirlo è la stessa associazione in una nota, dove si legge:  “La maggior parte delle segnalazioni ricevute dai turisti denuncia l’eccessivo sovraffollamento dei Musei, con turisti che spesso si ritroverebbero accalcati nelle gallerie e nelle scale strettissime che portano alla Cappella Sistina, assenza di aria condizionata, scortesia del personale. A destare preoccupazione sarebbe soprattutto l’aspetto relativo alla sicurezza, considerato che la normativa italiana stabilisce come la densità massima in luoghi chiusi debba essere di 1,2 persone per mq”. Obiettivo dell’esposto è quindi, secondo quanto riferisce ancora il Codacons, quello di “verificare  la rispondenza alla realtà di quanto riportato dai media e dalla documentazione fotografica e aprire una istruttoria volta a verificare i fatti e le eventuali responsabilità onde impedire che possano verificarsi fatti e/o eventi in grado di incidere sul fronte della sicurezza, dell’incolumità della utenza e dei visitatori, nonché sul fronte della tutela dell’ordine pubblico”

Leggi

Un collezionista francese ritira la collezione dal Macba di Barcellona a causa del referendum 1-O

In seguito ai disordini all’indomani del referendum per l’indipendenza, indetto lo scorso 1 ottobre in Catalogna, il collezionista francese Philippe Méaille ritira 500 opere della sua collezione in prestito al Macba di Barcellona adducendo motivi di sicurezza. Dura la presa di posizione del museo catalano.

Leggi