Museo Egizio di Torino. Conferenza “La statuaria colossale nell’Egitto dei Tolomei”

Museo Egizio di Torino. Conferenza

Martedì 20 febbraio, alle ore 18:00 appuntamento con il Professor Paolo Gallo dell’Università degli Studi di Torino

TORINO – Alle ore 18.00 di martedì 20 febbraio si svolgerà, nella Sala Conferenze del Museo Egizio, la conferenza dal titolo “La statuaria colossale nell’Egitto dei Tolomei” con l’intervento del Professor Paolo Gallo dell’Università degli Studi di Torino, che invita alla scoperta del legame tra la dinastia dei Tolomei e le loro sorprendenti statue simbolo degli eredi di Alessandro Magno.

Dopo la morte del grande condottiero, l’Egitto venne affidato ai Tolomei, una dinastia di origine macedone e di lingua greca. I nuovi sovrani, pur essendo stranieri, adottarono fin da subito i costumi dell’antico Egitto, facendosi spesso rappresentare, specialmente nella statuaria colossale, con le caratteristiche dei faraoni: come il corto gonnellino, il copricapo-nemes e la doppia corona dell’Alto e Basso Egitto. 

I recenti scavi hanno portato alla luce nuovi esemplari di colossi che ritraggono i primi Tolomei: questi ritrovamenti hanno permesso di riaprire la discussione sulla vera funzione di tali statue e di cogliere i dettagli che le differenziano da quelle dell’età faraonica.

Paolo Gallo, professore di Egittologia e Civiltà Copta all’Università di Torino, esporrà gli elementi in comune e le differenze tra la statuaria colossale faraonica e quella tolemaica, focalizzandosi principalmente sulle nuove scoperte avvenute in Egitto.

Vademecum

“La statuaria colossale nell’Egitto dei Tolomei”
Museo Egizio – via Accademia delle scienze 6
martedì 20 febbraio ore 18.00
INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI
Per informazioni: tel. 0115617776 – info@museoegizio.it

Leggi

Museo Egizio di Torino. Conferenza “La statuaria colossale nell’Egitto dei Tolomei”

Museo Egizio di Torino. Conferenza

Martedì 20 febbraio, alle ore 18:00 appuntamento con il Professor Paolo Gallo dell’Università degli Studi di Torino

TORINO – Alle ore 18.00 di martedì 20 febbraio si svolgerà, nella Sala Conferenze del Museo Egizio, la conferenza dal titolo “La statuaria colossale nell’Egitto dei Tolomei” con l’intervento del Professor Paolo Gallo dell’Università degli Studi di Torino, che invita alla scoperta del legame tra la dinastia dei Tolomei e le loro sorprendenti statue simbolo degli eredi di Alessandro Magno.

Dopo la morte del grande condottiero, l’Egitto venne affidato ai Tolomei, una dinastia di origine macedone e di lingua greca. I nuovi sovrani, pur essendo stranieri, adottarono fin da subito i costumi dell’antico Egitto, facendosi spesso rappresentare, specialmente nella statuaria colossale, con le caratteristiche dei faraoni: come il corto gonnellino, il copricapo-nemes e la doppia corona dell’Alto e Basso Egitto. 

I recenti scavi hanno portato alla luce nuovi esemplari di colossi che ritraggono i primi Tolomei: questi ritrovamenti hanno permesso di riaprire la discussione sulla vera funzione di tali statue e di cogliere i dettagli che le differenziano da quelle dell’età faraonica.

Paolo Gallo, professore di Egittologia e Civiltà Copta all’Università di Torino, esporrà gli elementi in comune e le differenze tra la statuaria colossale faraonica e quella tolemaica, focalizzandosi principalmente sulle nuove scoperte avvenute in Egitto.

Leggi

documenta 14, dal buco di 6 milioni all’inchiesta per sospetta appropriazione di fondi pubblici

Ancora polemiche su documenta, la quinquennale d’arte tedesca che nel 2017 si è svolta tra Kassel e Atene. Dopo lo scandalo causato dallo sforamento di budget di 6 milioni di euro, adesso fa parlare l’apertura di un’inchiesta sui funzionari della kermesse per sospetta appropriazione di fondi pubblici

Leggi

documenta 14, dal buco di 6 milioni all’inchiesta per sospetta appropriazione di fondi pubblici

Ancora polemiche su documenta, la quinquennale d’arte tedesca che nel 2017 si è svolta tra Kassel e Atene. Dopo lo scandalo causato dallo sforamento di budget di 6 milioni di euro, adesso fa parlare l’apertura di un’inchiesta sui funzionari della kermesse per sospetta appropriazione di fondi pubblici

Leggi