A Palazzo Reale di Milano ripartono le “Conversazioni d’Arte”

A Palazzo Reale di Milano ripartono le

Il ciclo di incontri promosso dal Comune di Milano è un vero e proprio viaggio nel Novecento Italiano tra pittura, architettura e design

MILANO – Mercoledì 21 marzo riparte “Conversazioni d’Arte”. Questa quarta edizione racconta ai milanesi, non solo la storia di opere d’arte in senso stretto, ma anche quella di oggetti di design iconici e di opere di architettura che sono stati fondamentali nel delineare l’identità urbanistica, culturale e artistica della nostra città, soprattutto a partire dal Dopoguerra. 

Il percorso si apre mercoledì 21 marzo con “L’amante morta” di Arturo Martini esposta a Villa Necchi Campiglio e raccontata da Marco Magnifico, vicepresidente esecutivo del FAI, e da Lucia Borromeo, responsabile delle ricerche storico-artistiche del FAI (Il programma completo in coda al comunicato). L’ultimo dei sette incontri in calendario (il 19 settembre) conduce invece, straordinariamente, alla scoperta di un edificio storico che si trova a Cremona: il Palazzo dell’Arte, attualmente sede del Museo del Violino. L’eccezione è giustificata dall’adesione da parte del Comune di Cremona al palinsesto Novecento Italiano grazie a una serie di appuntamenti dedicati appunto alla scoperta dei più importanti contributi della città di Cremona alla definizione culturale del secolo breve. Come sempre, tutti gli incontri sono a ingresso libero e iniziano alle ore 21. È possibile riservare il proprio posto sul sito www.conversazionidarte.it.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano – Cultura e realizzata in collaborazione con ArtsFor, grazie alla main partnership di AcomeA SGR, al contributo di Fondazione AEM e al sostegno di Pirelli e Treccani e, da quest’anno, AON.

L’assessore alla Cultura Filippo Del Corno ha dichiarato: “Nato nel 2015 all’interno del palinsesto di Expoincittà per raccontare al pubblico le icone dell’arte milanese, il ciclo di ‘Conversazioni d’arte’ è diventato ormai un appuntamento annuale atteso dai milanesi, che si rinnova per la quarta edizione con lo stesso formato ma con nuovi capolavori. Un’occasione per scoprire, o riscoprire, le opere che hanno segnato la storia dell’arte, in particolare, del Novecento Italiano”.

Marco Carminati, curatore scientifico del progetto sin dal 2015 ha così commentato: “Milano è una città ricchissima di opere d’arte, molte delle quali di fama internazionale, ed è giunto il momento che i milanesi ne prendano davvero possesso. La via più facile è quella di farsele raccontare queste opere, possibilmente da studiosi competenti e capaci di trasmettere curiosità ed entusiasmo. Sono questi i semplici ingredienti delle ‘Conversazioni d’arte’, che hanno permesso ai milanesi di entrare (divertendosi) nei segreti più reconditi e avvincenti dei ‘loro capolavori'”. 

 

Leggi

Tutto sulla quinta edizione del festival Cinematica: teatro, cinema, danza ad Ancona

Mostre, cinema, teatro, incontri, danza e videodanza, performance artistiche, musica e tanti ospiti speciali per l’edizione 2018 dal titolo “In viaggio” perché come dice Eric Leed “Il viaggio è un terreno comune di metafore perché è familiare a tutti gli esseri umani che si muovono, come lo è l’esperienza del corpo, del vento o della terra”.

Leggi