Il Toro di Nimrud torna a vivere a Parigi

Il Toro di Nimrud torna a vivere a Parigi

La ricostruzione nel suo formato reale di questo simbolo dell’antica civiltà mesopotamica sarà installata di fronte alla sede UNESCO di Parigi  per iniziativa dell’Associazione Incontro di Civiltà, presieduta da Francesco Rutelli

PARIGI – In occasione dello svolgimento della Conferenza Generale UNESCO, in programma a Parigi fino al 14 novembre, sarà installata all’ingresso di Place de Fontenoy, 7 la ricostruzione in formato reale del Toro androcefalo alato dell’antica città di Nimrud, il monumento assiro distrutto nel marzo 2015 dalla furia iconoclasta dell’Isis. 

L’installazione del monumento, per iniziativa dell’Associazione Incontro di Civiltà, presieduta da Francesco Rutelli, costituirà un evento senza precedenti per l’organizzazione ONU delegata per la Cultura. 

All’inaugurazione, che si terrà  il 6 novembre alle 9,30, interverranno Irina Bokova, Direttore generale Unesco; Francesco Rutelli, Presidente di Incontro di Civiltà; il Ministro della Cultura dell’Iraq, Faryad Rawandozi; la Rappresentante Permanente d’Italia presso l’UNESCO, Ambasciatore Vincenza Lomonaco.

Il capillare lavoro di ricostruzione in scala 1:1 del monumento, alto circa cinque metri, è stato realizzato dalla ditta Nicola Salvioli di Firenze, che si è occupata anche del montaggio e dell’allestimento in situ.

Il Comitato Scientifico di Incontro di Civiltà, presieduto dal grande archeologo Paolo Matthiae, con la consulenza di Cristina Acidini e Frances Pinnock, ha sovrinteso alla realizzazione dell’opera. 

Il Toro di Nimrud rimarrà esposto presso la sede UNESCO fino alla prima settimana di dicembre. 

Leggi

Senza parole. David Reimondo a Milano

The Open Box, Milano ‒ fino al 15 novembre 2017. La galleria milanese, fra i protagonisti di Nesxt in queste giornate torinesi, sembra espandere i suoi confini, diventando più ampia di quel che realmente è. Parole che non esistono si trasformano, per paradosso, nella pratica artistica di un conteggio transizionale, all’interno del quale libri, dizionari, lemmi e lettere approfondiscono le ricerche di David Reimondo in cromofonetica ed etimografia.

Leggi

Mantova, parte la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea

Mantova, parte la Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea

La manifestazione, che si svolgerà dal 4 al 10 novembre presso il Museo Diocesano Francesco Gonzaga, presenterà ai visitatori uno spaccato significativo della creatività attuale che solleciterà un  interessante scambio culturale con tante nuove testimonianze creative

MANTOVA – Al via la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea di Mantova, curata da Ea Editore di Palermo e lo Studio di Consulenza Artistica Russo di Roma, che dal 4 al 10 novembre ospiterà, nelle sale del Museo Diocesano Francesco Gonzaga, i lavori di trecento artisti contemporanei provenienti da oltre quaranta paesi diversi. Le opere spazieranno tra pittura, scultura, fotografia, design e videoart, in un’esperienza fruitiva innovativa. 

Il Museo Diocesano ha sede nel chiostro maggiore dell’ex-monastero agostiniano di Sant’Agnese. Si tratta di un edificio carico di storia, in un contesto urbano che si colloca a poche decine di metri dalla Cattedrale e dal Palazzo Ducale. Il museo conserva opere provenienti dal Duomo, dalla Basilica Palatina di Santa Barbara, dal territorio diocesano e da numerose collezioni private. Al suo interno sono custodite opere di Andrea Mantegna, Correggio, Domenico Fetti, Francesco Cairo. Nelle sue sale è possibile visionare preziosi oggetti del tesoro della cattedrale di San Pietro Apostolo e della Basilica palatina di Santa Barbara oltre a un consistente numero di arazzi, ceramiche e armature. 

Leggi

Mantova, parte la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea

Mantova, parte la Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea

La manifestazione, che si svolgerà dal 4 al 10 novembre presso il Museo Diocesano Francesco Gonzaga, presenterà ai visitatori uno spaccato significativo della creatività attuale che solleciterà un  interessante scambio culturale con tante nuove testimonianze creative

MANTOVA – Al via la Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea di Mantova, curata da Ea Editore di Palermo e lo Studio di Consulenza Artistica Russo di Roma, che dal 4 al 10 novembre ospiterà, nelle sale del Museo Diocesano Francesco Gonzaga, i lavori di trecento artisti contemporanei provenienti da oltre quaranta paesi diversi. Le opere spazieranno tra pittura, scultura, fotografia, design e videoart, in un’esperienza fruitiva innovativa. 

Il Museo Diocesano ha sede nel chiostro maggiore dell’ex-monastero agostiniano di Sant’Agnese. Si tratta di un edificio carico di storia, in un contesto urbano che si colloca a poche decine di metri dalla Cattedrale e dal Palazzo Ducale. Il museo conserva opere provenienti dal Duomo, dalla Basilica Palatina di Santa Barbara, dal territorio diocesano e da numerose collezioni private. Al suo interno sono custodite opere di Andrea Mantegna, Correggio, Domenico Fetti, Francesco Cairo. Nelle sue sale è possibile visionare preziosi oggetti del tesoro della cattedrale di San Pietro Apostolo e della Basilica palatina di Santa Barbara oltre a un consistente numero di arazzi, ceramiche e armature. 

Leggi

Siena, un app per conoscerne i tesori

Siena, un app per conoscerne i tesori

L’applicazione è stata ideata nell’ambito de “La storia per immagini”, progetto Musst, finanziato dal Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo e curato dalla Pinacoteca Nazionale di Siena – Polo Museale della Toscana, in collaborazione con le istituzioni culturali del territorio

SIENA – Le opere d’arte della città di Siena si possono ammirare ora anche attraverso un app gratuita, realizzata per sistemi operativi Android e Ios. 

Il progetto ha l’obiettivo di proporre dei percorsi inediti per far conoscere il racconto della vita quotidiana e del paesaggio di Siena e del suo territorio. L’app permette di navigare attraverso 8 sezioni, si va dall’illustrazione del progetto Musst alla descrizione delle opere e dei luoghi, passando per gli eventi in programma (come le numerose aperture straordinarie di musei, chiese e palazzi) e la possibilità di ammirare le opere scegliendo diversi percorsi tematici. 

Gli utenti possono utilizzare anche il sito, realizzato in italiano e in inglese, all’indirizzo https://musst.siena.it/. Qui è possibile ammirare nel dettaglio le opere che rientrano nel progetto Musst. Si potranno inoltre ricevere tutte le informazioni necessarie sui palazzi, i musei e le chiese di Siena e del territorio coinvolti. 

Leggi

Siena, un app per conoscerne i tesori

Siena, un app per conoscerne i tesori

L’applicazione è stata ideata nell’ambito de “La storia per immagini”, progetto Musst, finanziato dal Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo e curato dalla Pinacoteca Nazionale di Siena – Polo Museale della Toscana, in collaborazione con le istituzioni culturali del territorio

SIENA – Le opere d’arte della città di Siena si possono ammirare ora anche attraverso un app gratuita, realizzata per sistemi operativi Android e Ios. 

Il progetto ha l’obiettivo di proporre dei percorsi inediti per far conoscere il racconto della vita quotidiana e del paesaggio di Siena e del suo territorio. L’app permette di navigare attraverso 8 sezioni, si va dall’illustrazione del progetto Musst alla descrizione delle opere e dei luoghi, passando per gli eventi in programma (come le numerose aperture straordinarie di musei, chiese e palazzi) e la possibilità di ammirare le opere scegliendo diversi percorsi tematici. 

Gli utenti possono utilizzare anche il sito, realizzato in italiano e in inglese, all’indirizzo https://musst.siena.it/. Qui è possibile ammirare nel dettaglio le opere che rientrano nel progetto Musst. Si potranno inoltre ricevere tutte le informazioni necessarie sui palazzi, i musei e le chiese di Siena e del territorio coinvolti. 

Leggi

Firenze, approvato il progetto di ampliamento di Santa Maria Novella

Firenze, approvato il progetto di ampliamento di Santa Maria Novella

I nuovi lavori, finanziati dal ‘Patto per Firenze’, riguarderanno una superficie di 540 metri quadrati che costituirà tutto il nuovo sistema di servizi museali, dalla biglietteria al guardaroba, dai servizi igienici agli spazi multimediali

FIRENZE – Partiranno entro la fine del 2018 i cantieri per l’ampliamento del museo di Santa Maria Novella a Firenze, il quarto più visitato dopo Uffizi, Accademia e Palazzo Vecchio. Il progetto è stato infatti approvato dalla giunta comunale. Durante i lavori, finanziati dal ‘Patto per Firenze’, il museo rimarrà sempre aperto al pubblico. 

Il Comune spiega che il museo di Santa Maria Novella, dopo l’addio della vecchia caserma dei carabinieri, trasferitasi nella Scuola Marescialli di Castello, lo scorso anno,  è in una fase di profonda trasformazione.  Il complesso infatti si è ampliato con nuovi spazi museali già fruibili: il Chiostro Grande, il Dormitorio settentrionale e la Cappella del Papa. 

I nuovi lavori riguarderanno una superficie di 540 metri quadrati che costituirà tutto il nuovo sistema di servizi museali, dalla biglietteria al guardaroba, dai servizi igienici agli spazi multimediali. 

Verrano inoltre adeguati gli impianti e sarà ripensato anche il percorso museale, che troverà nuova organicità e semplificazione. 

Il sindaco e assessore alla cultura Dario Nardella ha sottolineato: “Inauguriamo il ‘Patto per Firenze’ con un intervento imponente in uno dei complessi artistici e architettonici più pregevoli e importanti di Firenze, che i fiorentini hanno dimostrato di amare e apprezzare affollando gli open day del 2016 che hanno svelato i nuovi spazi museali, in particolare il magnifico Chiostro, il più grande della città. La cultura non è un optional ma permea tutto l’operato della nostra amministrazione. A fine mandato avremo un museo più bello, più grande e più attrattivo”. 

Leggi

A Roma “I colori della speranza” di Karen Thomas

A Roma “I colori della speranza” di Karen Thomas

Dal 3 al 25 novembre la personale dell’artista è ospitata negli spazi della galleria dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio 

ROMA –  “I colori della speranza” è questo il titolo della mostra di Karen Thomas che inaugura venerdì’ 3 novembre 2017 alle ore 18.30 presso la galleria dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma. 

L’esposizione, presentata dal Rettore dell’Istituto, Mons. Agostinho da Costa Borges, sotto l’alto patrocinio dell’Ambasciata del Portogallo presso la Santa Sede, è una esperienza emotiva e sensoriale realizzata con la collaborazione di Claudio Zaccaretti (luce e design). 

Quadri su tela o su plexiglass e colonne luminose raccontano e ripercorrono i temi forti dell’attualità geo-politica del nostro tempo, con l’auspicio di trasmettere colore e luce e dissipare l’oscurità.

Le tematiche

LE COLONNE

Come in un parco illuminato, che affonda le radici nel mondo classico, nell’arte ellenistica-romana, nel rispetto delle proporzioni e del “bello”, l’artista Karen Thomas ha scelto di realizzare delle colonne tematiche con tecnica mista acrilico, oro ed argento su plexiglass per raccontare, attraverso una forte denuncia forte e in un grido di colore, il nostro tempo.

Colonne grandi si alternano ad elementi più piccoli, anch’essi montati su base “classica” e

realizzati in temi che esprimono Luce, Pace, Ambiente e Speranza.

L’uso dell’ oro simboleggia la preziosità della vita che ci è stata regalata e che va tratta con delicatezza e gratitudine. L’uso dell’argento simbolizza Leggerezza e Serenita’; porta Luce dove prima c’era il buio e insieme al verde significa per l’artista Speranza.

La tecnica di pittura utilizzata non è astratta e non è figurativa: viene chiamata “astratto-figurativa” a causa del flusso dei colori nei quali si riconoscono delle figure che si fondono ed interagiscono con essi.

L’intenzione è quella di fornire una “chiave di lettura” all’osservatore cercando di instaurare a mezzo dei colori, dei segni e della luce, un dialogo con l’opera, destando curiosità, generando domande e fornendo spunti per le risposte. A volte è sufficiente anche il solo guardare, farsi trasportare e perdersi tra i colori… Design e Luce si integrano al colore fondendosi con il colore in una forte sensibilità artistica che crea Luce e Bellezza.

SPERANZA

La visione dell’artista della natura e dell’ambiente si fa segno e colore.

Il nostro pianeta – maltrattato, ferito, sanguinante, in lacrime, eppure forte e bellissimo – non si stanca di proteggersi e di continuare a regalarci spettacoli indimenticabili, fatti di albe e tramonti, ma anche di fioriture, frutti di un orto mediterraneo con farfalle, uccelli e lucertole illuminati dal sole, cani liberi e felici, di un cielo azzurro-cobalto, vento e onde rumorosi e spettacolari.

PACE, EUROPA

Un artista in solitaria oggi può fare poco ma, ribaltando la visione e unendosi agli altri, può produrre come un gigantesco mosaico dove ciascuno con le proprie capacità e la propria sensibilità va ad aggiungere un sassolino per realizzare l’Opera massima.

Questa colonna è creata nelle sfumature del colore Blu, con accenni ai singoli paesi, come stelle dorate: ognuno con i suoi problemi, ma uniti nel cerchio d’oro, ad auspicio di garanzia di Pace e stabilità nel rispetto delle singole identità.

INCONTRO

Figure nella Luce si incontrano, percorrono un cammino insieme, escono dal buio della solitudine verso l’alto, verso la Luce.

In questo dialogo di empatia ci si muove in un bluceleste, tra accenni di alberi e fiori, adulti, giovani, coppie con bambini in colori dolci e “caldi come la terra”.

Vademecum

ISTITUTO PORTOGHESE DI SANT’ANTONIO IN ROMA
via dei Portoghesi, 6 – 00186 – Roma
Vernissage: venerdì, 3 novembre 2017, ore 18.30
Finissage: sabato, 25 novembre 2017, ore 18.30
APERTURA da lunedì a sabato, dalle 18.00 alle 20.00
Sono possibili incontri con l’artista in orario alternativo su appuntamento scrivendo alla mail karen@karenthomas.it.
Ingresso libero
INFOLINE:
Karen Thomas: +39 3355495870
Claudio Zaccaretti: +39 3927693359
Altre informazioni in http://www.karenthomas.it/

Leggi