“Soup Cans & Superstars” il documentario sulla Pop Art

“Soup Cans & Superstars” il documentario sulla Pop Art

Venerdì 6 ottobre alle 21.15 su Rai5 il lungometraggio per capire il contesto nel quale è nato questo movimento artistico, lo spirito che lo animava e l’eredità che ha lasciato in tutto il mondo

Ispirandosi ai cartelloni pubblicitari e alle insegne onnipresenti nel paesaggio americano, artisti come Andy Warhol e Roy Lichtenstein – sfruttando le immagini  prodotte dai mass media e dalla pubblicità che reclamizzano gli oggetti di uso comune e i nuovi idoli del cinema e della musica – creano alcune tra le immagini più memorabili del XX secolo: l’intento è quello di svelare il lato oscuro del sogno americano. Nasce così tra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, alla fine degli anni ’50  e l’inizio dei ’60, la Pop Art.  

Nel documentario il critico d’arte e presentatore inglese Alastair Sooke, intervista protagonisti di primo piano come l’americano James Rosenquist e l’inglese Peter Blake, per capire il contesto nel quale è nato questo movimento artistico e lo spirito che lo animava, l’eredità che ha lasciato in tutto il mondo e in particolare il successo che ha avuto nella società e nella “produzione creativa” di una delle nazioni più in crescita degli ultimi decenni: la Cina. 

Leggi

Museo Egizio di Torino. Alla scoperta delle abitudini e della vita quotidiana degli antichi Egizi

Museo Egizio di Torino. Alla scoperta delle abitudini e della vita quotidiana degli antichi Egizi

Sabato 7 ottobre, alle ore 10.10  “A casa di Kha”, lavoro, famiglia e quotidianità sono i protagonisti del prossimo appuntamento del weekend

TORINO – La vita degli antichi egizi, divisa tra lavoro e famiglia, rispecchia per molti aspetti le difficoltà e le dinamiche che l’uomo moderno affronta anche oggi. Il percorso tematico, adatto a grandi e piccini, accompagnerà i visitatori alla scoperta delle attività quotidiane – piuttosto frenetiche – degli antichi egizi, che venivano alternate al prezioso tempo condiviso in famiglia.

Grazie al corredo funerario di Kha, architetto e scriba vissuto circa 3400 anni fa, e di sua moglie Merit, e ai numerosi reperti custoditi nel Museo, il pubblico potrà scoprire gli aspetti più curiosi della vita di tutti giorni.

Dai mobili agli oggetti funerari, dai vestiti agli strumenti di lavoro: i visitatori potranno  ammirare gli straordinari reperti custoditi dal Museo e ricostruire, grazie all’aiuto di una guida attenta, le abitudini e le attività quotidiane degli antichi egizi.

Vademecum

Museo Egizio – via Accademia delle Scienze 6
A casa di Kha
Pubblico: bambini (6-11 anni) accompagnati dai genitori
Data e orari: sabato 7 ottobre, ore 10:10
Prezzo al pubblico: € 5,00 (biglietto di ingresso escluso)
Prenotazione obbligatoria: dal lunedì al venerdì, 8:30 – 19:00; sabato, 9:00 – 13:00.
Telefono: 011 4406903 – mail: info@museitorino.it

 

 

Leggi