Sei qui

Museo Archeologico Nazionale di Parma. La Fondazione Hruby per la protezione del Medagliere

Medagliere Parma, vista generale

Punto di riferimento nel settore della sicurezza, la Fondazione è intervenuta nella realizzazione di un avanzato sistema tecnologico per la salvaguardia di una delle più importanti collezioni numismatiche del nord Italia

PARMA – Il Museo Archeologico Nazionale di Parma ha aperto al pubblico il suo  Medagliere, custodito all’interno del Complesso Monumentale della Pilotta, che è protagonista anche di una mostra dal titolo “L’inventario del tesoroDalle raccolte ducali alle Vetrine virtuali del Portale Numismatico dello Stato”, a cura di Serafina Pennestrì, della Direzione Generale Archeologia, belle arti e paesaggio, che sarà visitabile fino al prossimo 15 luglio 2018.

Il Medagliere trae la sua origine in seguito agli scavi di Veleia, antica città romana dell’Appennino piacentino, durante i quali venne alla luce un sito archeologico di grande interesse. Le monete rinvenute hanno costituito il primo nucleo della collezione numismatica del Museo, che con il tempo si è arricchito in seguito a nuove acquisizioni. Anche le emissioni delle zecche italiane, dal Medioevo al XIX secolo, le collezioni di medaglie, nonché la raccolta di conî e punzoni Farnesiani, Borbonici e del periodo di Maria Luigia, sono infatti entrate a far parte di questo patrimonio in costante crescita grazie alle ulteriori scoperte archeologiche sul territorio.

La Fondazione Hruby, che dal 1974 opera nel settore della sicurezza fornendo su tutto il territorio nazionale le migliori apparecchiature per la protezione, in occasione dell’esposizione del Medagliere, ha contribuito sostenendo il progetto attraverso le più avanzate tecnologie. 

In particolare ha realizzato un avanzato sistema antintrusione, di videosorveglianza e controllo accessi in collaborazione con la società Umbra Control di Perugia, azienda Amica della Fondazione. Dispositivi antintrusione di ultima generazione connessi ad una potente centrale gestita da tastiera touchscreen hanno permesso di offrire un’adeguata protezione perimetrale e volumetrica. Inoltre, per offrire una protezione costante alle opere di maggior pregio presenti, attiva anche durante l’apertura al pubblico, sono stati installati diversi rivelatori accelerometrici. Questi dispositivi, di dimensioni estremamente ridotte, attivano un allarme che scatta a ogni rimozione o spostamento dell’oggetto e sono particolarmente adatti per la protezione in ambito museale perché si adattano perfettamente a tutte le opere da proteggere – siano esse sculture, dipinti, ceramiche, vetri o reperti archeologici – e possono essere utilizzati attraverso una semplice e veloce installazione che non richiede alcuna predisposizione fissa, lasciando la possibilità di modificare nel tempo la collocazione degli oggetti. I sistemi antintrusione e di controllo accessi sono stati integrati con un avanzato sistema di videosorveglianza che permette di controllare i flussi dei visitatori ed è in grado di offrire, in caso di necessità, un valido supporto alle Forze dell’Ordine. Per non compromettere l’estetica degli ambienti sono state scelte telecamere di ridotte dimensioni, di tipo minidome da 2 Megapixel e connesse in rete. Tutte le immagini riprese sono registrate in modalità digitale ad alta definizione. 

Carlo Hruby, Vice Presidente della Fondazione Enzo Hruby, ha dichiarato: “E’ per noi motivo di  soddisfazione aver potuto offrire il nostro contributo nell’ambito di una realtà così importante come il  Medagliere del Complesso Monumentale della Pilotta e aver riscontrato una profonda attenzione e sensibilità da parte delle istituzioni coinvolte verso il tema della sicurezza e della protezione del proprio patrimonio. Il progetto da noi sostenuto è stato realizzato con l’impiego delle più avanzate tecnologie oggi disponibili, tra cui dispositivi di protezione puntuale che permettono di offrire alle opere una protezione costante e sempre attiva. Alla luce dei furti che ogni giorno colpiscono il nostro patrimonio culturale e che recentemente hanno fatto emergere gravi lacune della sicurezza in ambito museale, il nostro augurio è che questo progetto possa servire come modello per altre realtà analoghe presenti in Italia e a sensibilizzare altre istituzioni museali verso le importanti potenzialità offerte dalle più moderne tecnologie”. 

Fondazione Enzo Hruby
Via Triboniano, 25 – 20156 Milano
tel. + 39.02.38036603 – cell. +39.348.7809962
www.fondazionehruby.org

 

Leggi
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375