Sei qui

Florence Biennale. Il programma di giovedì 12 ottobre

Florence Biennale. Il programma di giovedì 12 ottobre

Alle 11 verrà annunciato del conferimento del Premio “Lorenzo il Magnifico” alla carriera ad Arata Isozaki e sarà proiettato il video inviato dall’architetto giapponese

FIRENZE – Dal 6 al 15 ottobre 2015 la Fortezza da Basso di Firenze (padiglione Spadolini) ospita l’undicesima edizione di Florence Biennale – Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze. Dieci giorni di esposizione, 462 artisti provenienti da 72 paesi di tutti e 5 i continenti, tre premi alla carriera e 35 appuntamenti tematici sono il palinsesto dell’evento che a 20 anni dall’edizione di esordio farà di Firenze la capitale mondiale dell’arte contemporanea.

Questo il programma degli appuntamenti di giovedì 12 ottobre:

  • ore 11:00 Annuncio del conferimento del Premio “Lorenzo il Magnifico” alla carriera ad Arata Isozaki e proiezione dei video inviato dall’architetto giapponese.
  • Ore 15:00 Conferenza – “Creatività e sostenibilità: exempla dai musei d’arte contemporanea”. Intervengono: Maurizio Vanni (Museo di arte contemporanea di Lucca), Luigi Cantalamessa (Museo di Pietrarsa), Ferdinando Adorno (ICOM), Enver Hadziomerspahic (Ars Aevi Museo di Arte Contemporanea di Sarajevo), Tommaso Sacchi (capo segreteria cultura del Comune di Firenze) e Irene Sanesi (Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci” di Prato). Modera: Melanie Zefferino. 
  • Ore 19:00 Conferimento del Premio Lorenzo il Magnifico ad Ars Aevi, Museo d’Arte contemporanea di Sarajevo.
  • Vademecum

    XI Florence Biennale – Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze
6 – 15 ottobre 2017
    Fortezza da Basso, Viale Filippo Strozzi 1 – 50129 Firenze
    info@florencebiennale.org 
www.florencebiennale.org 
Tel +39 055 3249173
    Orari mostra: 10.00 – 20.00
    Biglietto intero: intero € 8
    Biglietto ridotto: intero € 5 per:
    • studenti universitari;
    • soci UniCoop Firenze;
    • soci Touring Club;
    • soci Icomos;
    • utenti ATAF&LI-NEA e BusItalia con abbonamento o titolo di viaggio obliterato in giornata;
    • dipendenti AMV Scarl o ACV Scarl;
    • dipendenti Publiacqua;
    • dipendenti Università di Siena;
    • possessori di abbonamento Teatro del Maggio Fiorentino;
    • soci AMFI – Associazione medici fotografi italiani;
    • soci Confcommercio/Federalberghi;
    • promozione “2×1” che consente ai soci del programma Cartafreccia di Trenitalia e ai possessori di un biglietto di viaggio valido sui treni Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca ed Intercity di Trenitalia con data di viaggio compresa all’interno del periodo di svolgimento della Manifestazione di acquistare due biglietti interi di ingresso al prezzo di uno;
    • clienti “Acqua dell’Elba” con scontrino attestante l’acquisto di prodotti effettuato durante i giorni della mostra;
    • over 65 anni;
    • diversamente abili con accompagnatore gratuito.

    Ingresso gratuito per minori di 10 anni accompagnati.
    Acquisto Catalogo della mostra: sconto del 10% sul prezzo di vendita presso il bookshop della mostra riservato a soci UniCoop Firenze, utenti ATAF&LI-NEA e BusItalia con abbonamento o titolo di viaggio obliterato in giornata, AMV Scarl o ACV Scarl.
    Per ulteriori informazioni visitare il sito internet www.florencebiennale.org alla sezione INFO.

Leggi

Florence Biennale. Il programma di giovedì 12 ottobre

Florence Biennale. Il programma di giovedì 12 ottobre

Alle 11 verrà annunciato del conferimento del Premio “Lorenzo il Magnifico” alla carriera ad Arata Isozaki e sarà proiettato il video inviato dall’architetto giapponese

FIRENZE – Dal 6 al 15 ottobre 2015 la Fortezza da Basso di Firenze (padiglione Spadolini) ospita l’undicesima edizione di Florence Biennale – Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze. Dieci giorni di esposizione, 462 artisti provenienti da 72 paesi di tutti e 5 i continenti, tre premi alla carriera e 35 appuntamenti tematici sono il palinsesto dell’evento che a 20 anni dall’edizione di esordio farà di Firenze la capitale mondiale dell’arte contemporanea.

Questo il programma degli appuntamenti di giovedì 12 ottobre:

  • ore 11:00 Annuncio del conferimento del Premio “Lorenzo il Magnifico” alla carriera ad Arata Isozaki e proiezione dei video inviato dall’architetto giapponese.
  • Ore 15:00 Conferenza – “Creatività e sostenibilità: exempla dai musei d’arte contemporanea”. Intervengono: Maurizio Vanni (Museo di arte contemporanea di Lucca), Luigi Cantalamessa (Museo di Pietrarsa), Ferdinando Adorno (ICOM), Enver Hadziomerspahic (Ars Aevi Museo di Arte Contemporanea di Sarajevo), Tommaso Sacchi (capo segreteria cultura del Comune di Firenze) e Irene Sanesi (Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci” di Prato). Modera: Melanie Zefferino. 
  • Ore 19:00 Conferimento del Premio Lorenzo il Magnifico ad Ars Aevi, Museo d’Arte contemporanea di Sarajevo.
  • Vademecum

    XI Florence Biennale – Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea di Firenze
6 – 15 ottobre 2017
    Fortezza da Basso, Viale Filippo Strozzi 1 – 50129 Firenze
    info@florencebiennale.org 
www.florencebiennale.org 
Tel +39 055 3249173
    Orari mostra: 10.00 – 20.00
    Biglietto intero: intero € 8
    Biglietto ridotto: intero € 5 per:
    • studenti universitari;
    • soci UniCoop Firenze;
    • soci Touring Club;
    • soci Icomos;
    • utenti ATAF&LI-NEA e BusItalia con abbonamento o titolo di viaggio obliterato in giornata;
    • dipendenti AMV Scarl o ACV Scarl;
    • dipendenti Publiacqua;
    • dipendenti Università di Siena;
    • possessori di abbonamento Teatro del Maggio Fiorentino;
    • soci AMFI – Associazione medici fotografi italiani;
    • soci Confcommercio/Federalberghi;
    • promozione “2×1” che consente ai soci del programma Cartafreccia di Trenitalia e ai possessori di un biglietto di viaggio valido sui treni Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca ed Intercity di Trenitalia con data di viaggio compresa all’interno del periodo di svolgimento della Manifestazione di acquistare due biglietti interi di ingresso al prezzo di uno;
    • clienti “Acqua dell’Elba” con scontrino attestante l’acquisto di prodotti effettuato durante i giorni della mostra;
    • over 65 anni;
    • diversamente abili con accompagnatore gratuito.

    Ingresso gratuito per minori di 10 anni accompagnati.
    Acquisto Catalogo della mostra: sconto del 10% sul prezzo di vendita presso il bookshop della mostra riservato a soci UniCoop Firenze, utenti ATAF&LI-NEA e BusItalia con abbonamento o titolo di viaggio obliterato in giornata, AMV Scarl o ACV Scarl.
    Per ulteriori informazioni visitare il sito internet www.florencebiennale.org alla sezione INFO.

Leggi

“Salvador Mundi” di Leonardo all’asta da Christie’s a New York

Si tratta dell’ultimo dipinto del maestro rinascimentale ancora in mani private, mentre tutte le altre sono conservate in musei o istituzioni.  L’opera sarà offerta con una base di partenza di 100 milioni di dollari

NEW YORK – Il prossimo 15 dicembre  sarà battuto all’asta da Christie’s a New York il  “Salvator Mundi” di Leonardo, l’ultimo dipinto del genio rinascimentale ancora in mani private, tutti gli altri sono infatti proprietà di musei o istituzioni.

Il dipinto, un olio su tavola di 66 centimetri di altezza per 46 di larghezza, raffigura Cristo con la mano destra alzata benedicente, mentre nella mano sinistra regge un globo celeste. L’opera è stata presentata al pubblico per la prima volta nel 2011 alla National Gallery di Londra, nell’ambito di una mostra dal titolo “Leonardo da Vinci: Painter at the Court of Milan”. 

L’attribuzione della tavola a Leonardo, da parte di esperti di fama internazionale, è relativamente recente.Il capolavoro era stato infatti catalogato semplicemente come un dipinto di ’’scuola milanese”, datato intorno al 1500 circa. Solo dopo la rimozione di uno strato di pittura scolorita e della vernice applicata in un precedente restauro,  si è potuti risalire alla reale paternità dell’opera, fino ad allora nota grazie solo ad un’incisione di Wenceslaus Hollar eseguita intorno al 1650.

Riguardo la precedente storia e i vari passaggi di mano del “Salvator Mundi” non si sa moltissimo se non in maniera sommaria.Inizialmente il dipinto fu registrato nelle collezioni di Carlo I e Carlo II d’Inghilterra. Successivamente sembra che l’opera  sia passata nelle mani di Sir Francis Cook, collezionista inglese del XIX secolo. L’opera venne nel tempo alterata con una serie di ridipinture e in seguito non se ne seppe più nulla fino al 1958, quando fu venduto a un’asta londinese per 45 sterline. Dopo la vendita se ne persero nuovamente le tracce, mentrenel 2005 fu acquistata da una società americana e infine, nel 2013, dal miliardario russo Dmitry Rybolovlev alla cifra di 127milioni di dollari. 

L’opera sarà offerta all’asta di Christie’s con una base di partenza di 100 milioni di dollari. Si tratta della stima più alta mai proposta dalla casa d’aste. D’altra parte come afferma Loic Gouzer, specialista di Christie’s,”Salvator Mundi è il dipinto più iconico tra gli artisti del mondo, forse il più famoso a livello mondiale. Creato circa 500 anni fa, il capolavoro arriva per la prima volta sul mercato e potrebbe segnare un record”. 

Leggi

Antinori Art Project. Stefano Arienti rilegge la “lunetta”, capolavoro di Giovanni Della Robbia

La Resurrezione di Cristo. Giovanni della Robbia. XVI Secolo. Terracotta Invetriata. PHCourtesy of Brooklyn Museum

La  lunetta, proprietà del Museo di Brooklyn, dopo 500 anni torna al Museo Nazionale del Bargello a Firenze, dal 9 novembre 2017 all’8 aprile 2018, a seguito di un importante restauro sostenuto negli Stati Uniti dalla famiglia Antinori

FIRENZE – Nell’ambito di Antinori Art Project, la famiglia Antinori, che da oltre seicento anni lega il proprio nome all’eccellenza nell’arte del vino e alla migliore tradizione mecenatistica, ha commissionato all’artista Stefano Arienti (Asola, 1961), tra i più apprezzati a livello internazionale, un nuovo progetto, a cura di Ilaria Bonacossa, che consiste nella rilettura di un capolavoro dell’arte rinascimentale: la lunetta raffigurante La resurrezione di Cristo realizzata agli inizi del XVI secolo da Giovanni Della Robbia (Firenze, 1469 – 1529/30), su commissione di Nicolò di Tommaso Antinori.

La  “lunetta Antinori”, oggi proprietà del Museo di Brooklyn, dopo 500 anni torna a essere presentata al pubblico al Museo Nazionale del Bargello a Firenze, dal 9 novembre 2017 all’8 aprile 2018, a seguito di un importante restauro sostenuto negli Stati Uniti dalla famiglia Antinori. Stefano Arienti per questo progetto realizzerà due opere distinte ma allo stesso tempo complementari, che saranno messe a confronto con la celebre lunetta. 

Al Bargello, in una sala attigua a quella della lunetta, sarà installata l’opera dal titolo “Scena Fissa” creando quindi un dialogo diretto tra arte rinascimentale e contemporanea, nella mostra “Da Brooklyn al Bargello: Giovanni della Robbia, la lunetta Antinori e Stefano Arienti”.

In contemporanea, presso l’avveniristica cantina Antinori nel Chianti Classico sarà esposta una nuova installazione site-specific di Arienti, “Altorilievo”, che entrerà a far parte della collezione di famiglia, attualizzando e rendendo visibile il forte legame con la storia e la tradizione mecenatistica.

Nel doppio intervento di Arienti gli elementi compositivi di questa lunetta verranno isolati e distribuiti nello spazio, per acquisire un’indipendenza formale e una nuova narrativa.

Arienti è partito dallo studio del risultato del restauro della Lunetta, dove le varie parti che formano la composizione non sono state saldate o incollate insieme come erano originariamente ma lasciate volutamente separate: i 46 elementi sono in vista e mantengono una loro forte identità nella rappresentazione finale con giochi di scala e prospettive inaspettate.

Il lavoro presso il Museo del Bargello sarà realizzato su supporto bidimensionale, una pittura ad inchiostro metallico, oro o rame, su telo antipolvere bianco da cantiere, raffigurerà i personaggi che compaiono nella Lunetta ma aumentati leggermente in dimensione sino ad arrivare ad una scala quasi reale, 1:1.

L’allestimento che occuperà le tre pareti della stanza dedicata a Stefano Arienti, avrà caratteristiche simili a quelle della sala in cui sarà esposta la Lunetta, comunicante con essa, in modo da non modificare la percezione dello spettatore che passando da una stanza all’altra potrà facilmente leggere i tratti di continuità delle due opere e di traduzione di una nell’altra.

Queste sinopie strappate mostrano la modernità compositiva e formale del capolavoro tardo rinascimentale, la bicromia così come la bidimensionalità delle figure portano la linea del disegno ad emergere.

“Altorilievo”, nato per la Vinsataia della cantina Antinori nel Chianti Classico, si articola come la scomposizione di un alto-rilievo scultoreo, in cui le figure della lunetta, sempre monocrome, vengono riproposte nelle 46 campiture strutturali del capolavoro di della Robbia, in una rinnovata distribuzione spaziale delle figure, capace di trasformare l’impianto narrativo della lunetta e ponendo l’osservatore all’interno della scena e assegnandogli un ruolo attivo nella fruizione dell’opera.

L’opera, disegnata sempre su teli antipolvere, assumerà una tridimensionalità quasi marmorea, che permetterà all’artista di ricreare uno spessore simile a quella dell’opera originale realizzata in terracotta invetriata, liberando i personaggi dalla posizione impostagli dalla storia e tessendo così una nuova trama.

L’allestimento spinge il pubblico ad una lettura più dinamica e personale del capolavoro restaurato, offrendo la possibilità di un percorso di ricerca in cui le immagini sono sottoposte a infinite variazioni, e dove lo spettatore è coinvolto in un processo mentale indipendente, critico e consapevole.

Vademecum

Museo Nazionale del Bargello, Firenze                       
9 novembre 2017– 8 aprile 2018                                             
Antinori nel Chianti Classico, Bargino 
dal 9 novembre collezione permanente
http://www.antinoriartproject.it

 

Leggi

Tutto pronto per ArtVerona

Tutto pronto per ArtVerona

La tredicesima edizione della fiera si tiene dal 13 al 16 ottobre 2017 sotto la nuova direzione artistica di Adriana Polveroni, alla sua guida per il prossimo triennio

VERONA – Conto alla rovescia per la fiera d’arte moderna e contemporanea di Verona che trova nella promozione del sistema dell’arte italiano il suo tratto distintivo.

Negli ultimi anni ArtVerona ha infatti delineato con chiarezza il proprio profilo accreditandosi sempre di più come meta privilegiata di espositori e collezionisti che cercano cura e qualità delle proposte.

Il fil rouge di questa tredicesima edizione è “Viaggio in Italia #BacktoItaly”. Sono 140 le gallerie selezionate, 35 partecipano per la prima volta alla manifestazione, 14 sono le nuove realtà indipendenti, 20 nel settore editoria, 480 coppie di collezionisti vip italiani e stranieri ospitati in città, 30 in più rispetto al 2016.

Romano Artoni, consigliere di amministrazione di Veronafiere, ha spiegato: “ArtVerona sta puntando sempre più sul connubio tra arte e impresa, sensibilizzando una specifica tipologia di pubblico verso questa forma di investimento. Come Veronafiere abbiano aderito al Premio nazionale Cultura+Impresa e le nostre rassegne internazionali come Vinitaly, Marmomac, Fieracavalli, Fieragricola e Samoter, grazie alla capacità di attrarre imprenditori da tutto il mondo, possono rappresentare nuovi contesti di sviluppo per ArtVerona. Non dimentichiamo inoltre il valore aggiunto del nostro territorio con cui la manifestazione ha uno stretto rapporto, coinvolgendone il tessuto economico, sociale e culturale”. 

Le sezioni espositive sono 5: Grand Tour e Scouting, novità di quest’anno, Main Section, Raw Zone e 8-spazi indipendenti. “Spero e intendo impegnarmi affinché ArtVerona possa dare, attraverso l’arte di cui è portatrice, un contributo di visione e fattivo per un maggiore collaborazione con le attività di Veronafiere. – ha detto Adriana Polveroni –  In questo senso la fiera va distribuita con alcune iniziative sull’anno anche per costruire in pubblico più attento. Ma per ora concentriamoci sulle novità di questa edizione, che vede rafforzata la spinta alla ricerca, rappresentata dalle due nuove sezioni: Grand Tour e Scouting. Senza dimenticare di impegnarci nel sostegno della nostra arte – da qui il titolo #backtoitaly – non in una prospettiva “local”, ma mettendo in dialogo il meglio della produzione artistica italiana con il meglio della giovane produzione internazionale”.

Leggi

Puglia. Spunta una necropoli e un abitato fortificato di età messapica

Puglia. Spunta una necropoli e un abitato fortificato di età messapica

Le indagini, condotte sotto la direzione scientifica di Giovanna Cera (UniSalento) e in concessione con la Soprintendenza Archeologia sono state in parte finanziate dal Comune di Nardò e hanno visto la partecipazione degli studenti del Dipartimento di Beni Culturali dell’ateneo salentino

LECCE – Durante una campagna di scavi archeologici, realizzata a pochi chilometri da Nardò (Lecce) in località denominata ‘Li schiavoni’, è stato rinvenuto un abitato fortificato di età messapica e una necropoli. La Messapia (forse “Terra tra i due mari”) fu il nome dato al territorio corrispondente alla Murgia meridionale e al Salento (province di Lecce, di Brindisi e parte della provincia di Taranto) dagli storici greci. Le prime attestazioni della civiltà messapica risalgono all’VIII secolo a.C.  

Il sito, un pianoro sopraelevato, si trova a circa 4 km a nord-est di Porto Cesareo. Le attività di scavo si sono concentrate all’interno di un terreno agricolo di proprietà privata e sono state finalizzate a comprendere le modalità e le fasi di occupazione del sito e a intercettare i resti delle mura di cinta.

E’ stato infatti rinvenuto il tracciato di una cinta muraria antiche, e un fossato che fiancheggia parte del circuito sul lato orientale denota la vocazione difensiva dell’insediamento messapico.  È venuta in luce una poderosa struttura, caratterizzata da due paramenti esterni realizzati a grandi blocchi di forma irregolare e da un riempimento interno di notevole spessore, costituito da pietre calcare e tufacee, coppi e frammenti ceramici. I materiali recuperati dai livelli associati a queste strutture sembrerebbero attestare un’assidua frequentazione dell’area per lo più nell’ambito dell’epoca arcaica e classica, pur comprendendo residui di probabile orizzonte protostorico, dell’Età del Ferro e anche più recenti reperti di età ellenistica, probabilmente ultimo periodo di utilizzo dell’opera difensiva.

Nello stesso sito è stata individuata anche una necropoli.

Una nota del Comune di Nardò spiega:  “L’attività degli scavatori clandestini ha danneggiato per sempre il contesto archeologico e le tombe messe in luce, realizzate in blocchi e lastre di pietra leccese, sono apparse sconvolte e già pesantemente manomesse, impedendo agli archeologi di ricomporre con sicurezza le originarie associazioni di materiali. Degni di particolare interesse, tra questi ultimi, alcuni esemplari di importazione attica, corinzia e coloniale – indizio dei contatti commerciali che gravitavano attorno a questo insediamento – numerosi contenitori o bacini con orlo modanato e pesi da telaio”. 

Le indagini sono solo all’inizio. A settembre 2018 è in programma la prossima campagna di scavi.

 

Leggi

Monza. Torna la mostra fotografica “Con gli occhi di Medici Senza Frontiere”

Monza. Torna la mostra fotografica “Con gli occhi di Medici Senza Frontiere”

La mostra racconta, attraverso gli scatti di fotografi di livello internazionale da sempre vicini a MSF,  le sfide e i dilemmi affrontati quotidianamente dalla più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente al mondo, Premio Nobel per la Pace nel 1999

MILANO – Dopo il successo dello scorso giugno, la mostra “Con gli occhi di Medici Senza Frontiere” torna a Monza e sarà allestita da lunedì 16 a venerdì 20 ottobre negli spazi di Viale Elvezia di Synlab CAM Monza. Oltre ai pannelli espositivi, saranno presenti alcuni referenti di Medici Senza Frontiere disponibili a spiegare le attività medico-umanitarie svolte dall’organizzazione attraverso oltre 400 progetti in più di 60 Paesi, al fine di garantire a tutti il diritto alla salute. 

La mostra sarà accessibile gratuitamente dalle ore 7:30 alle 20:00 e rappresenterà per il visitatore un vero e proprio percorso alla scoperta dell’azione che Medici Senza Frontiere porta avanti nei conflitti armati, nelle emergenze, sui territori colpiti da epidemie, nei soccorsi in mare e nell’aiuto dato alle popolazioni in fuga (oggi oltre 60 milioni di persone).

La hall di ingresso della sede monzese di Viale Elvezia ha già ospitato con successo, in altre occasioni, iniziative artistiche e culturali: l’intento è sempre stato quello di proporre a pazienti e visitatori stimoli e opportunità di confronto nella comodità del momento di accesso alla struttura. In questo caso, la scelta di ospitare la mostra di Medici Senza Frontiere è stata ispirata dal desiderio di proporre ai cittadini uno spunto di riflessione su una tematica di drammatica attualità.

Leggi

Genova, edizione autunnale dei “Rolli Days”

Genova, edizione autunnale dei

Sabato 14 e domenica 15 ottobre il capoluogo ligure apre le porte di 30 dei suoi palazzi storici più belli, tra i 42 riconosciuti, a partire dal 2006, come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco

GENOVA – Appuntamento autunnale con i “Rolli Days”, sabato 14 e domenica 15 ottobre a Genova. La manifestazione promuove e valorizza il Sistema delle Strade Nuove e dei Palazzi dei Rolli, realizzati tra Cinque e Seicento e che contengono le preziose opere di artisti di fama internazionale tra cui Domenico Piola, Orazio Gentileschi, Pieter Paul Rubens, Luca Cambiaso e Gregorio De Ferrari. 

Per la prima volta apriranno al publico le porte di Palazzo Gio Carlo Brignole, in piazza della Meridiana. Mentre la sede dell’Archivio di Stato renderà visibili cinque “rolli”, ovvero gli elenchi originali in cui sono registrati i palazzi che dovevano accogliere gli ospiti di Stato. 

Sarà aperta anche la collezione d’Arte di Banca Carige con la mostra fotografica “Ritorno a Genova” che propone scatti inediti di Genova a fine Ottocento curati da Alfred Noack, commissionati da un maggiorente arabo. Palazzo Reale proporrà una apertura serale della mostra “La cittòà della Lanterna” dedicata al faro simbolo di Genova. Inoltre nelle sale del Palazzo 10 figuranti vestiranno i panni di reali, in modo da far conoscere gli ospiti dei Rolli.  A Palazzo Spinola si potrà ammirare il quadro “La dama” di Van Deyen. 

I Rolli Days saranno accessibili a tutti anche con visite guidate dedicate alle persone con disabilità. Inoltre saranno presenti anche sui ”social”: con l’hashtag #Rolliambassador, chiunque potrà raccontare  la città. Il Comune premierá i “comunicatori” che si sono rivelati più efficaci nel diffondere le bellezze di Genova. 

Leggi
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375