Sei qui

Moda e Design. Digital Award 2017, Ambiens VR tra i progetti finalisti

Moda e Design. Digital Award 2017, Ambiens VR tra i progetti finalisti

Fino alle ore 12.00 del 10 novembre 2017 sarà possibile scoprire online le storie più appassionanti e originali di chi ha scelto il digitale come leva di competitività nei settori della moda e del design

ROMA – Il coraggio di innovare – Digital Award, premio promosso dalla Regione Lombardia, gestito da Unioncamere Lombardia e realizzato in partnership con Meet the Media Guru, ha scelto Ambiens VR tra i 18 progetti più meritevoli nei settori Moda e Design. 

Dalle ore 12.00 del 23 ottobre fino alle ore 12.00 del 10 novembre 2017 sarà infatti possibile scoprire online le storie più appassionanti e originali di chi ha scelto il digitale come leva di competitività nei settori della moda e del design: racconti, video e immagini racconteranno straordinarie avventure mentre gli utenti potranno esprimere con un semplice click la loro preferenza.

Per ogni sezione di ciascuna categoria – Ambiens VR compete nella sezione Comunicazione e Marketing – verrà premiato il miglior progetto digitale, per un totale di 6 vincitori. Ai premiati spetterà un riconoscimento in denaro pari a euro 10.000.

L’iniziativa si concluderà con uno speciale evento di premiazione giovedì 23 novembre 2017 alle ore 18.30 presso l’Auditorium G. Testori (Piazza Città di Lombardia 1, Milano). 

Altra novità di questa edizione è il premio del pubblico: durante la serata di premiazione finale il pubblico presente avrà la possibilità di votare il progetto che più lo ha colpito assegnando un premio in servizi del valore pari a euro 1.000.

Ambiens VR è la startup che rivoluziona il modo di comunicare la progettazione nel mondo dell’architettura e del design, connettendoli con il mercato più esplosivo del momento, la Realtà Virtuale. Grazie ai tool designer e architetti trasformano i propri progetti in ambienti interattivi da esplorare, dando vita a quello che fino a ieri esisteva solo su carta. L’obiettivo è quello di rivoluzionare la prospettiva del cliente, coinvolgendolo in prima persona nella progettazione di spazi e oggetti e permettendogli di sperimentare virtualmente diverse combinazioni di arredo e finiture, senza per questo modificare il work flow del designer. A tutto ciò si aggiunge la multiutenza: più persone distanti tra loro possono “riunirsi” in un ambiente virtuale, discutendo e progettando l’evoluzione sua e di quello che è al suo interno. Ciò che offre è uno strumento che permette di “regalare” agli altri l’esperienza di vivere la propria creazione prima ancora che essa venga realizzata.

Leggi

Moda e Design. Digital Award 2017, Ambiens VR tra i progetti finalisti

Moda e Design. Digital Award 2017, Ambiens VR tra i progetti finalisti

Fino alle ore 12.00 del 10 novembre 2017 sarà possibile scoprire online le storie più appassionanti e originali di chi ha scelto il digitale come leva di competitività nei settori della moda e del design

ROMA – Il coraggio di innovare – Digital Award, premio promosso dalla Regione Lombardia, gestito da Unioncamere Lombardia e realizzato in partnership con Meet the Media Guru, ha scelto Ambiens VR tra i 18 progetti più meritevoli nei settori Moda e Design. 

Dalle ore 12.00 del 23 ottobre fino alle ore 12.00 del 10 novembre 2017 sarà infatti possibile scoprire online le storie più appassionanti e originali di chi ha scelto il digitale come leva di competitività nei settori della moda e del design: racconti, video e immagini racconteranno straordinarie avventure mentre gli utenti potranno esprimere con un semplice click la loro preferenza.

Per ogni sezione di ciascuna categoria – Ambiens VR compete nella sezione Comunicazione e Marketing – verrà premiato il miglior progetto digitale, per un totale di 6 vincitori. Ai premiati spetterà un riconoscimento in denaro pari a euro 10.000.

L’iniziativa si concluderà con uno speciale evento di premiazione giovedì 23 novembre 2017 alle ore 18.30 presso l’Auditorium G. Testori (Piazza Città di Lombardia 1, Milano). 

Altra novità di questa edizione è il premio del pubblico: durante la serata di premiazione finale il pubblico presente avrà la possibilità di votare il progetto che più lo ha colpito assegnando un premio in servizi del valore pari a euro 1.000.

Ambiens VR è la startup che rivoluziona il modo di comunicare la progettazione nel mondo dell’architettura e del design, connettendoli con il mercato più esplosivo del momento, la Realtà Virtuale. Grazie ai tool designer e architetti trasformano i propri progetti in ambienti interattivi da esplorare, dando vita a quello che fino a ieri esisteva solo su carta. L’obiettivo è quello di rivoluzionare la prospettiva del cliente, coinvolgendolo in prima persona nella progettazione di spazi e oggetti e permettendogli di sperimentare virtualmente diverse combinazioni di arredo e finiture, senza per questo modificare il work flow del designer. A tutto ciò si aggiunge la multiutenza: più persone distanti tra loro possono “riunirsi” in un ambiente virtuale, discutendo e progettando l’evoluzione sua e di quello che è al suo interno. Ciò che offre è uno strumento che permette di “regalare” agli altri l’esperienza di vivere la propria creazione prima ancora che essa venga realizzata.

Leggi

Moda e Design. Digital Award 2017, Ambiens VR tra i progetti finalisti

Moda e Design. Digital Award 2017, Ambiens VR tra i progetti finalisti

Fino alle ore 12.00 del 10 novembre 2017 sarà possibile scoprire online le storie più appassionanti e originali di chi ha scelto il digitale come leva di competitività nei settori della moda e del design

ROMA – Il coraggio di innovare – Digital Award, premio promosso dalla Regione Lombardia, gestito da Unioncamere Lombardia e realizzato in partnership con Meet the Media Guru, ha scelto Ambiens VR tra i 18 progetti più meritevoli nei settori Moda e Design. 

Dalle ore 12.00 del 23 ottobre fino alle ore 12.00 del 10 novembre 2017 sarà infatti possibile scoprire online le storie più appassionanti e originali di chi ha scelto il digitale come leva di competitività nei settori della moda e del design: racconti, video e immagini racconteranno straordinarie avventure mentre gli utenti potranno esprimere con un semplice click la loro preferenza.

Per ogni sezione di ciascuna categoria – Ambiens VR compete nella sezione Comunicazione e Marketing – verrà premiato il miglior progetto digitale, per un totale di 6 vincitori. Ai premiati spetterà un riconoscimento in denaro pari a euro 10.000.

L’iniziativa si concluderà con uno speciale evento di premiazione giovedì 23 novembre 2017 alle ore 18.30 presso l’Auditorium G. Testori (Piazza Città di Lombardia 1, Milano). 

Altra novità di questa edizione è il premio del pubblico: durante la serata di premiazione finale il pubblico presente avrà la possibilità di votare il progetto che più lo ha colpito assegnando un premio in servizi del valore pari a euro 1.000.

Ambiens VR è la startup che rivoluziona il modo di comunicare la progettazione nel mondo dell’architettura e del design, connettendoli con il mercato più esplosivo del momento, la Realtà Virtuale. Grazie ai tool designer e architetti trasformano i propri progetti in ambienti interattivi da esplorare, dando vita a quello che fino a ieri esisteva solo su carta. L’obiettivo è quello di rivoluzionare la prospettiva del cliente, coinvolgendolo in prima persona nella progettazione di spazi e oggetti e permettendogli di sperimentare virtualmente diverse combinazioni di arredo e finiture, senza per questo modificare il work flow del designer. A tutto ciò si aggiunge la multiutenza: più persone distanti tra loro possono “riunirsi” in un ambiente virtuale, discutendo e progettando l’evoluzione sua e di quello che è al suo interno. Ciò che offre è uno strumento che permette di “regalare” agli altri l’esperienza di vivere la propria creazione prima ancora che essa venga realizzata.

Leggi

Roma. Inaugurato il laboratorio di “restauro aperto” dell’ISCR

Roma. Inaugurato il laboratorio di “restauro aperto” dell’ISCR

Gli spazi della chiesa di Santa Marta al Collegio Romano e il retrostante Coro delle Monache sono stati allestiti come laboratorio di restauro e aperti alla libera visione del pubblico

ROMA – Il laboratorio di “restauro aperto” dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, presso la chiesa di Santa Marta al Collegio Romano, è stato inaugurato il 24 ottobre, alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini e del Direttore Iscr Gisella Capponi. 

L’iniziativa dell’Istituto rappresenta una grande opportunità per visitatori, studenti di tutte le scuole e turisti, che come sottolineato dal ministro Franceschini “avranno la possibilità di apprezzare una delle più importanti eccellenze italiane riconosciute in tutto il mondo”. 

I restauratori dell’Iscr interagiranno infatti con i visitatori spiegando in tempo reale le varie fasi del restauro degli splendidi affreschi all’interno della chiesa romana.  Franceschini ha quindi commentato: “Mi auguro che Restauro Aperto diventi un luogo simbolico e attrattivo del nostro paese, di cui dobbiamo essere consapevoli e orgogliosi”. 

Gisella Capponi, direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, ha dichiarato: “Siamo felici di aprire qui i nostri laboratori che daranno anche un nuovo uso a questa chiesa rimasta chiusa diversi anni. Il ministro ci ha proposto questo progetto che offre al pubblico un percorso di conoscenza”. Capponi ha poi spiegato: “In questa prima fase di sperimentazione ci dedichiamo al restauro dei dipinti murali con tre esempi: dipinti ancora su muro, dipinti staccati, come nel caso di Domenichino, e ricomposizione di frammenti”.

Sulla parete di fondo della chiesa è quindi possibile seguire il lavoro dei restauratori sui dipinti murali tardo cinquecenteschi appartenenti all’apparato decorativo originale dell’ex Coro delle monache. La parete della sala è decorata da tre lunette: l’Annunciazione, la Madonna del Latte e la Visitazione, realizzati probabilmente nel 1561. La Madonna del Latte è un affresco staccato, databile intorno alla metà del XIV secolo, che presenta vaste porzioni lacunose trattate in “tinta” in un precedente restauro, su di esso interverranno i restauratori, che in questo modo spiegheranno ai visitatori la tematica del trattamento delle lacune su di un affresco. 

Provengono invece dal complesso della cosiddetta Villa delle Terme degli stucchi dipinti presso Tor Vergata (databili al I secolo d.C.) i circa 7.000 frammenti di affreschi e stucchi che, dopo le operazioni di pulitura e consolidamento, verranno ricomposti mediante la ricerca degli attacchi fra le parti e il riconoscimento dei vari insiemi decorativi.

Dal Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia a Roma, proviene invece l’affresco staccato di Domenico Zampieri detto Domenichino raffigurante Narciso, preso in carica dalI’ISCR in accordo con la Soprintendenza e con l’Ambasciata di Francia. Nel caso di questo affresco l’obiettivo è effettuare un’operazione di conservazione e nello stesso tempo di valorizzazione. 

In questa occasione il ministro Franceschini ha anche risposto a chi chiedeva del crollo avvenuto all’interno della chiesa di S. Croce a Firenze.  “I beni culturali in Italia sono di proprietà diverse. Per quello che riguarda la parte pubblica abbiamo aumentato le risorse, dal 2013 ad oggi, da 40 milioni a 3 miliardi di euro, una cifra che consente anche i lavori di ordinaria manutenzione. A questo si aggiungono le risorse provenienti dall’Art Bonus. – ha detto il ministro – Certo, con un patrimonio infinito come il nostro le risorse non basteranno mai, è necessaria una collaborazione tra pubblico e privato, ma la situazione in questi anni è molto cambiata”. “Un censimento dei beni a rischio – ha detto ancora  Franceschini “in Italia c’è. Ma il patrimonio è sterminato, solo le chiese danneggiate dal terremoto nell’Italia centrale sono circa tremila”. 

Leggi

Roma. Inaugurato il laboratorio di “restauro aperto” dell’ISCR

Roma. Inaugurato il laboratorio di “restauro aperto” dell’ISCR

Gli spazi della chiesa di Santa Marta al Collegio Romano e il retrostante Coro delle Monache sono stati allestiti come laboratorio di restauro e aperti alla libera visione del pubblico

ROMA – Il laboratorio di “restauro aperto” dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, presso la chiesa di Santa Marta al Collegio Romano, è stato inaugurato il 24 ottobre, alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini e del Direttore Iscr Gisella Capponi. 

L’iniziativa dell’Istituto rappresenta una grande opportunità per visitatori, studenti di tutte le scuole e turisti, che come sottolineato dal ministro Franceschini “avranno la possibilità di apprezzare una delle più importanti eccellenze italiane riconosciute in tutto il mondo”. 

I restauratori dell’Iscr interagiranno infatti con i visitatori spiegando in tempo reale le varie fasi del restauro degli splendidi affreschi all’interno della chiesa romana.  Franceschini ha quindi commentato: “Mi auguro che Restauro Aperto diventi un luogo simbolico e attrattivo del nostro paese, di cui dobbiamo essere consapevoli e orgogliosi”. 

Gisella Capponi, direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, ha dichiarato: “Siamo felici di aprire qui i nostri laboratori che daranno anche un nuovo uso a questa chiesa rimasta chiusa diversi anni. Il ministro ci ha proposto questo progetto che offre al pubblico un percorso di conoscenza”. Capponi ha poi spiegato: “In questa prima fase di sperimentazione ci dedichiamo al restauro dei dipinti murali con tre esempi: dipinti ancora su muro, dipinti staccati, come nel caso di Domenichino, e ricomposizione di frammenti”.

Sulla parete di fondo della chiesa è quindi possibile seguire il lavoro dei restauratori sui dipinti murali tardo cinquecenteschi appartenenti all’apparato decorativo originale dell’ex Coro delle monache. La parete della sala è decorata da tre lunette: l’Annunciazione, la Madonna del Latte e la Visitazione, realizzati probabilmente nel 1561. La Madonna del Latte è un affresco staccato, databile intorno alla metà del XIV secolo, che presenta vaste porzioni lacunose trattate in “tinta” in un precedente restauro, su di esso interverranno i restauratori, che in questo modo spiegheranno ai visitatori la tematica del trattamento delle lacune su di un affresco. 

Provengono invece dal complesso della cosiddetta Villa delle Terme degli stucchi dipinti presso Tor Vergata (databili al I secolo d.C.) i circa 7.000 frammenti di affreschi e stucchi che, dopo le operazioni di pulitura e consolidamento, verranno ricomposti mediante la ricerca degli attacchi fra le parti e il riconoscimento dei vari insiemi decorativi.

Dal Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia a Roma, proviene invece l’affresco staccato di Domenico Zampieri detto Domenichino raffigurante Narciso, preso in carica dalI’ISCR in accordo con la Soprintendenza e con l’Ambasciata di Francia. Nel caso di questo affresco l’obiettivo è effettuare un’operazione di conservazione e nello stesso tempo di valorizzazione. 

In questa occasione il ministro Franceschini ha anche risposto a chi chiedeva del crollo avvenuto all’interno della chiesa di S. Croce a Firenze.  “I beni culturali in Italia sono di proprietà diverse. Per quello che riguarda la parte pubblica abbiamo aumentato le risorse, dal 2013 ad oggi, da 40 milioni a 3 miliardi di euro, una cifra che consente anche i lavori di ordinaria manutenzione. A questo si aggiungono le risorse provenienti dall’Art Bonus. – ha detto il ministro – Certo, con un patrimonio infinito come il nostro le risorse non basteranno mai, è necessaria una collaborazione tra pubblico e privato, ma la situazione in questi anni è molto cambiata”. “Un censimento dei beni a rischio – ha detto ancora  Franceschini “in Italia c’è. Ma il patrimonio è sterminato, solo le chiese danneggiate dal terremoto nell’Italia centrale sono circa tremila”. 

Leggi

Roma. Inaugurato il laboratorio di “restauro aperto” dell’ISCR

Roma. Inaugurato il laboratorio di “restauro aperto” dell’ISCR

Gli spazi della chiesa di Santa Marta al Collegio Romano e il retrostante Coro delle Monache sono stati allestiti come laboratorio di restauro e aperti alla libera visione del pubblico

ROMA – Il laboratorio di “restauro aperto” dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, presso la chiesa di Santa Marta al Collegio Romano, è stato inaugurato il 24 ottobre, alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini e del Direttore Iscr Gisella Capponi. 

L’iniziativa dell’Istituto rappresenta una grande opportunità per visitatori, studenti di tutte le scuole e turisti, che come sottolineato dal ministro Franceschini “avranno la possibilità di apprezzare una delle più importanti eccellenze italiane riconosciute in tutto il mondo”. 

I restauratori dell’Iscr interagiranno infatti con i visitatori spiegando in tempo reale le varie fasi del restauro degli splendidi affreschi all’interno della chiesa romana.  Franceschini ha quindi commentato: “Mi auguro che Restauro Aperto diventi un luogo simbolico e attrattivo del nostro paese, di cui dobbiamo essere consapevoli e orgogliosi”. 

Gisella Capponi, direttore dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, ha dichiarato: “Siamo felici di aprire qui i nostri laboratori che daranno anche un nuovo uso a questa chiesa rimasta chiusa diversi anni. Il ministro ci ha proposto questo progetto che offre al pubblico un percorso di conoscenza”. Capponi ha poi spiegato: “In questa prima fase di sperimentazione ci dedichiamo al restauro dei dipinti murali con tre esempi: dipinti ancora su muro, dipinti staccati, come nel caso di Domenichino, e ricomposizione di frammenti”.

Sulla parete di fondo della chiesa è quindi possibile seguire il lavoro dei restauratori sui dipinti murali tardo cinquecenteschi appartenenti all’apparato decorativo originale dell’ex Coro delle monache. La parete della sala è decorata da tre lunette: l’Annunciazione, la Madonna del Latte e la Visitazione, realizzati probabilmente nel 1561. La Madonna del Latte è un affresco staccato, databile intorno alla metà del XIV secolo, che presenta vaste porzioni lacunose trattate in “tinta” in un precedente restauro, su di esso interverranno i restauratori, che in questo modo spiegheranno ai visitatori la tematica del trattamento delle lacune su di un affresco. 

Provengono invece dal complesso della cosiddetta Villa delle Terme degli stucchi dipinti presso Tor Vergata (databili al I secolo d.C.) i circa 7.000 frammenti di affreschi e stucchi che, dopo le operazioni di pulitura e consolidamento, verranno ricomposti mediante la ricerca degli attacchi fra le parti e il riconoscimento dei vari insiemi decorativi.

Dal Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia a Roma, proviene invece l’affresco staccato di Domenico Zampieri detto Domenichino raffigurante Narciso, preso in carica dalI’ISCR in accordo con la Soprintendenza e con l’Ambasciata di Francia. Nel caso di questo affresco l’obiettivo è effettuare un’operazione di conservazione e nello stesso tempo di valorizzazione. 

In questa occasione il ministro Franceschini ha anche risposto a chi chiedeva del crollo avvenuto all’interno della chiesa di S. Croce a Firenze.  “I beni culturali in Italia sono di proprietà diverse. Per quello che riguarda la parte pubblica abbiamo aumentato le risorse, dal 2013 ad oggi, da 40 milioni a 3 miliardi di euro, una cifra che consente anche i lavori di ordinaria manutenzione. A questo si aggiungono le risorse provenienti dall’Art Bonus. – ha detto il ministro – Certo, con un patrimonio infinito come il nostro le risorse non basteranno mai, è necessaria una collaborazione tra pubblico e privato, ma la situazione in questi anni è molto cambiata”. “Un censimento dei beni a rischio – ha detto ancora  Franceschini “in Italia c’è. Ma il patrimonio è sterminato, solo le chiese danneggiate dal terremoto nell’Italia centrale sono circa tremila”. 

Leggi

“Mogador” la mostra di Veronica Gaido ad Essaouira in Marocco

Veronica Gaido, Gli alberi di Mogador, da Mogador

Dal 26 ottobre al 26 novembre 2017 nel centro culturale Dar Souiri i tanti lavori fotografici dell’artista e fotografa dialogano con alcune opere pittoriche di Vito Tongiani, pittore e scultore

ROMADopo la partecipazione al Festival Puccini a Torre del Lago e una mostra a Rabat, il progetto espositivo “Mogador”, dedicato al porto della città marocchina prosegue il suo viaggio e arriva a toccare la città che ne ha ispirato la creazione: Essaouira.  La mostra verrà inaugurata da Mr. Andrè Azoulay, con la partecipazione di Audrey Azoulay, Direttore Generale dell’UNESCO, Mohamed Laaraj, Ministro della Cultura marocchina e della Comunicazione, Driss Ksikes, Francis Ghilès.

Gaido e Tongiani si confrontano attraverso la visione fotografica e pittorica delle loro opere, con l’obiettivo di raccontare l’atmosfera e la vita dello storico porto della cittadina, battezzata Mogador nel VII secolo (dall’arabo “ben custodita”) quando venne riscoperta dai portoghesi dopo la conquista araba.

Nelle fotografie di Veronica Gaido, in particolare, questa visione di Mogador rimanda ad alcuni temi già indagati da lei in lavori precedenti; ritroviamo l’acqua, il viaggio, il passaggio, reinterpretati da lei dal punto di vista fisico, spirituale e astratto. 

Le forme nei suoi lavori si sfanno nella luce e le apparenti dissolvenze creano un’“essenza narrativa” nuova, immediatamente leggibile. Lo spettatore può percepire così in modo istantaneo il sentimento della realtà del luogo, assaporando una dimensione quasi “espressionista” della fotografia. Veronica Gaido restituisce in questi lavori quello che ha avvertito a livello emotivo della città, con un gesto fotografico che gioca con i tempi di esposizione, della messa a fuoco dell’ottica, e crea una sorta di ”onda densa e luminosa, come una piccola epifania” del reale, come l’ha definita Philippe Daverio. 

Spiega Veronica Gaido: “I miei lavori su Mogador rappresentano una dimensione del reale in costante movimento, il flusso delle immagini trasmette la sensazione, a livello emotivo, di un luogo a metà tra terra e cielo, a volte luminoso nei colori delle barche e nella luce riflessa sulle onde, a volte oscuro nelle sue visioni notturne e apparentemente vuote. I bagliori, i movimenti continui, le oscillazioni sono come le vibrazioni dell’anima, rappresentazioni della visione di un luogo immutabile. La mia idea di Mogador, nell’esposizione di Essaouira, si fonde con quella delle opere di Vito Tongiani, più concrete nelle forme delle persone e degli oggetti che la popolano. È questa fusione tra pittura e fotografia, tra percepito e visto, che restituisce il concetto universale di un luogo che è di per sé fisico ma anche puramente ideale. Per questo motivo Mogador è un progetto itinerante, per la sua capacità di trasmettere in maniera sensibile ed emotiva il concetto di luogo, di città, a chi osserva la sua rappresentazione. Dopo Essaouira, infatti, il viaggio di Mogador proseguirà, toccando Marrakech e Casablanca, fino ad arrivare alla Fundación Tres Culturas di Siviglia nella primavera del 2018.”

A corredo della mostra, il catalogo con i testi di André Azoulay, Driss Ksikes, Francis Ghilès, Philippe Daverio e Jean Clair.

Vademecum

MOGADOR – Veronica Gaido e Vito Tongiani
Dal 26 ottobre al 26 novembre 2017
Centro culturale Dar Souiri, sala “Tayeb Saddiki” – +212 (0) 661 79 32 36
10 44000, Avenue du Caire, Essaouira, Marocco
Ingresso dalle 09.00 alle 19.00
Per maggiori informazioni: http://www.essaouiramogador.org/

 

 

Leggi

“Mogador” la mostra di Veronica Gaido ad Essaouira in Marocco

Veronica Gaido, Gli alberi di Mogador, da Mogador

Dal 26 ottobre al 26 novembre 2017 nel centro culturale Dar Souiri i tanti lavori fotografici dell’artista e fotografa dialogano con alcune opere pittoriche di Vito Tongiani, pittore e scultore

ROMADopo la partecipazione al Festival Puccini a Torre del Lago e una mostra a Rabat, il progetto espositivo “Mogador”, dedicato al porto della città marocchina prosegue il suo viaggio e arriva a toccare la città che ne ha ispirato la creazione: Essaouira.  La mostra verrà inaugurata da Mr. Andrè Azoulay, con la partecipazione di Audrey Azoulay, Direttore Generale dell’UNESCO, Mohamed Laaraj, Ministro della Cultura marocchina e della Comunicazione, Driss Ksikes, Francis Ghilès.

Gaido e Tongiani si confrontano attraverso la visione fotografica e pittorica delle loro opere, con l’obiettivo di raccontare l’atmosfera e la vita dello storico porto della cittadina, battezzata Mogador nel VII secolo (dall’arabo “ben custodita”) quando venne riscoperta dai portoghesi dopo la conquista araba.

Nelle fotografie di Veronica Gaido, in particolare, questa visione di Mogador rimanda ad alcuni temi già indagati da lei in lavori precedenti; ritroviamo l’acqua, il viaggio, il passaggio, reinterpretati da lei dal punto di vista fisico, spirituale e astratto. 

Le forme nei suoi lavori si sfanno nella luce e le apparenti dissolvenze creano un’“essenza narrativa” nuova, immediatamente leggibile. Lo spettatore può percepire così in modo istantaneo il sentimento della realtà del luogo, assaporando una dimensione quasi “espressionista” della fotografia. Veronica Gaido restituisce in questi lavori quello che ha avvertito a livello emotivo della città, con un gesto fotografico che gioca con i tempi di esposizione, della messa a fuoco dell’ottica, e crea una sorta di ”onda densa e luminosa, come una piccola epifania” del reale, come l’ha definita Philippe Daverio. 

Spiega Veronica Gaido: “I miei lavori su Mogador rappresentano una dimensione del reale in costante movimento, il flusso delle immagini trasmette la sensazione, a livello emotivo, di un luogo a metà tra terra e cielo, a volte luminoso nei colori delle barche e nella luce riflessa sulle onde, a volte oscuro nelle sue visioni notturne e apparentemente vuote. I bagliori, i movimenti continui, le oscillazioni sono come le vibrazioni dell’anima, rappresentazioni della visione di un luogo immutabile. La mia idea di Mogador, nell’esposizione di Essaouira, si fonde con quella delle opere di Vito Tongiani, più concrete nelle forme delle persone e degli oggetti che la popolano. È questa fusione tra pittura e fotografia, tra percepito e visto, che restituisce il concetto universale di un luogo che è di per sé fisico ma anche puramente ideale. Per questo motivo Mogador è un progetto itinerante, per la sua capacità di trasmettere in maniera sensibile ed emotiva il concetto di luogo, di città, a chi osserva la sua rappresentazione. Dopo Essaouira, infatti, il viaggio di Mogador proseguirà, toccando Marrakech e Casablanca, fino ad arrivare alla Fundación Tres Culturas di Siviglia nella primavera del 2018.”

A corredo della mostra, il catalogo con i testi di André Azoulay, Driss Ksikes, Francis Ghilès, Philippe Daverio e Jean Clair.

Vademecum

MOGADOR – Veronica Gaido e Vito Tongiani
Dal 26 ottobre al 26 novembre 2017
Centro culturale Dar Souiri, sala “Tayeb Saddiki” – +212 (0) 661 79 32 36
10 44000, Avenue du Caire, Essaouira, Marocco
Ingresso dalle 09.00 alle 19.00
Per maggiori informazioni: http://www.essaouiramogador.org/

 

 

Leggi
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375