Sei qui

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Archeologia. Scoperta una grande cavità nella piramide di Cheope

Un grande spazio vuoto, la cui funzione rimane un mistero, rilevato grazie a una tecnica molto sofisticata e non invasiva basata sulla fisica delle particelle subatomiche

IL CAIRO – Il team di ricercatori del progetto internazionale ScanPyramids, di cui fanno parte anche  l’ex ministro per le antichità egiziano Zahi Hawass e l’archeologo Mark Lehner, che da due anni stanno compiendo delle ricerche nel cuore della piramide di Cheope, la più grande ed antica delle tre piramidi che si trovano nella piana di Giza al Cairo, hanno annunciato di aver individuato un ambiente segreto che si estende per almeno 30 metri, collocato al di sopra della grande galleria, un corridoio ascendente che collega la camera della Regina a quella del Re nel cuore del monumento. 

La notizia è stata diffusa dalla rivista “Nature”. La scoperta è stata realizzata grazie a una tecnica di rilevamento non invasiva, denominata “muografia”, basata sulla fisica delle particelle subatomiche, chiamate “muoni”, che viaggiano a una velocità prossima a quella della luce e si comportano come i raggi X quando incontrano dei corpi. Attraverso questa tecnica vengono rilevate quelle che sono definite delle “anomalie”, dei vuoti, delle cavità all’interno della costruzione.

In questo caso è stato scoperto lo spazio vuoto più grande finora rilevato, le misure di questa cavità sono simili a quelle della grande galleria, che è lunga circa 50 metri, alta 8 e larga un metro. 

Una scoperta impressionante e di grande importanza che conferma come la piramide continui a riservare sorprese. Risale infatti all’ottobre del 2016 la scoperta del corridoio localizzato vicino alla parete nord.

Al momento è ancora un mistero quale potesse essere la funzione di questa sorta di camera segreta. 

Leggi

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Sabato 4 novembre dalle ore 21:15 una serata dedicata allo splendore dell’antica civiltà Egizia con il critico d’arte Alastair Sooke 

Protagonista della serata di Sky Arte HD è la miniserie in tre puntate I Tesori dell’Antico Egitto, attraverso la quale il critico d’arte Alastair Sooke cercherà di fare luce sull’antica civiltà egizia. 

Nel primo episodio dal titolo La nascita dell’arte il critico attraverserà il Sahara e seguirà il corso del Nilo, alla ricerca di manufatti antichissimi e delle basi di una tecnica messa in pratica tuttora dagli artigiani contemporanei.

Il secondo episodio dal titolo L’età dell’oro avrà come focus il periodo di massimo splendore della civiltà egizia. Sarà possibile ammirare il  ritratto del sovrano tiranno Senwosret III, la maschera d’oro di Tutankhamon e  una città perduta in cui ebbe origine la grande rivoluzione creativa nella storia dell’Egitto durante il regno di Akhenaton e Nefertiti.

Un nuovo inizio è il titolo del terzo episodio che racconta invece il declino della civiltà egizia, un periodo che fu comunque caratterizzato da una intensa attività artistica. 

La serata si potrà commentare sui social attraverso l’hashtag #NotteDellePiramidi.

Leggi

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Notte delle Piramidi su Sky Arte HD

Sabato 4 novembre dalle ore 21:15 una serata dedicata allo splendore dell’antica civiltà Egizia con il critico d’arte Alastair Sooke 

Protagonista della serata di Sky Arte HD è la miniserie in tre puntate I Tesori dell’Antico Egitto, attraverso la quale il critico d’arte Alastair Sooke cercherà di fare luce sull’antica civiltà egizia. 

Nel primo episodio dal titolo La nascita dell’arte il critico attraverserà il Sahara e seguirà il corso del Nilo, alla ricerca di manufatti antichissimi e delle basi di una tecnica messa in pratica tuttora dagli artigiani contemporanei.

Il secondo episodio dal titolo L’età dell’oro avrà come focus il periodo di massimo splendore della civiltà egizia. Sarà possibile ammirare il  ritratto del sovrano tiranno Senwosret III, la maschera d’oro di Tutankhamon e  una città perduta in cui ebbe origine la grande rivoluzione creativa nella storia dell’Egitto durante il regno di Akhenaton e Nefertiti.

Un nuovo inizio è il titolo del terzo episodio che racconta invece il declino della civiltà egizia, un periodo che fu comunque caratterizzato da una intensa attività artistica. 

La serata si potrà commentare sui social attraverso l’hashtag #NotteDellePiramidi.

Leggi

Torino. Artissima, inaugurata la 24esima edizione

Ilaria Bonacossa - Photo: Perottino

La manifestazione, guidata quest’anno da Ilaria Bonacossa, accoglierà il pubblico da venerdì 3 a domenica 5 novembre, con una serie di novità che confermano la capacità della fiera di rinnovarsi a ogni edizione

TORINO – E’ stata inaugurata il 2 novembre all’Oval di Torino la 24esima edizione di Artissima, la principale fiera di Arte Contemporanea d’Italia. Presenti all’inaugurazione la sindaca Chiara Appendino e il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino.

“Artissima è ormai un tassello identitario di Torino”, sostengono i presidenti di Intesa San Paolo e Fondazione Crt per l’Arte, Francesco Profumo e Fulvio Gianaria. Main sponsor anche quest’anno è Unicredit. La fiera infatti è da sempre considerata un evento fondamentale per Torino, grazie alla capacità di attrarre pubblici ampi e internazionali e di attivare processi economici, culturali e di accoglienza incisivi. In occasione dell’edizione 2017, l’indotto cittadino e regionale verrà analizzato attraverso un’indagine puntuale che la Camera di commercio di Torino, confermando il suo interesse per la fiera, ha commissionato al Dipartimento di Management dell’Università di Torino. I risultati verranno presentati nel 2018. 

Per questa edizione sono presenti 206 gallerie di 32 Paesi, il 62% delle quali straniere. Uno spazio espositivo di 20.000 metri quadrati ospita 2.000 opere di 700 artisti. Nel corso della tre giorni di Artissima vengono erogati premi per 40.000 euro.

“Sono cifre che non si creano dall’oggi al domani ma grazie alla passione e al lavoro di tantissime figure che hanno contributo a questo evento” – ha detto Appendino.  Un’edizione particolarmente ricca, che apre “in un clima economico migliorato – ha sottolineato Maurizio Cibrario, presidente della Fondazione Torino Musei – di buon auspicio per gli acquisti, anche istituzionali, che l’anno scorso hanno visto impegnare 400mila euro”. 

“Questa edizione di Artissima parte da una convinzione: fare Arte vuol dire guardare al passato mettendo in discussione lo status quo per immaginarsi in quale direzione andra’ il futuro”, così si è espressa la neodirettrice di Artissima, Ilaria Bonacossa, presentando questa edizione. “Il 2017 segna una ricorrenza importante, non solo per Torino ma per tutto il mondo dell’Arte – ha aggiunto Bonacossa – i 60 anni della prima mostra dell’Arte Povera, la più rivoluzionaria, emozionante e poetica avanguardia artistica del dopoguerra che sancì la vocazione contemporanea di questa città. Artissima vuole richiamare qui all’Oval quelle atmosfere, ricreando l’interno del Piper di Torino, storica discoteca, culla di una fervente subcultura, tra musica e Arte, e del Deposito dell’Arte Presente (1967-68), spazio creato in quegli anni cosi’ vivi e di ricerca per presentare fuori dagli spazi ‘borghesi’ le opere della nascente Arte Povera”. Dirigere Artissima è, per una curatrice, l’occasione non solo per riscoprire il passato ma per spiare il futuro dell’arte e metterne in discussione lo status quo. Se l’arte da sola non può cambiare il mondo, ci auspichiamo che l’incontro con opere sorprendenti ed emozionanti possa cambiare il modo in cui ciascuno guarda la realtà” – ha concluso la neodirettrice. 

In occasione della rassegna internazionale Trenitalia ha riservato ai propri clienti particolari agevolazioni e sconti per chi raggiungerà il capoluogo piemontese. I viaggiatori in arrivo a Torino con le Frecce (Frrecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca) o con i treni InterCity Trenitalia potranno visitare la fiera con l’offerta 2×1 (in due al prezzo di una sola persona). La stessa agevolazione è riservata anche ai clienti del trasporto regionale in possesso di un abbonamento o di titolo di viaggio di corsa semplice utilizzato fino a due giorni precedenti la visita alla kermesse. I clienti che compreranno online il biglietto per Artissima potranno inoltre approfittare di un ulteriore sconto del 20% sul prezzo Base del titolo di viaggio Trenitalia per tutti i treni a lunga percorrenza in arrivo a Torino. Tale riduzione è valida per chi utilizzerà la rete degli Uffici Gruppi di Trenitalia per l’acquisto del titolo di viaggio. 

Leggi

Torino. Artissima, inaugurata la 24esima edizione

Ilaria Bonacossa - Photo: Perottino

La manifestazione, guidata quest’anno da Ilaria Bonacossa, accoglierà il pubblico da venerdì 3 a domenica 5 novembre, con una serie di novità che confermano la capacità della fiera di rinnovarsi a ogni edizione

TORINO – E’ stata inaugurata il 2 novembre all’Oval di Torino la 24esima edizione di Artissima, la principale fiera di Arte Contemporanea d’Italia. Presenti all’inaugurazione la sindaca Chiara Appendino e il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino.

“Artissima è ormai un tassello identitario di Torino”, sostengono i presidenti di Intesa San Paolo e Fondazione Crt per l’Arte, Francesco Profumo e Fulvio Gianaria. Main sponsor anche quest’anno è Unicredit. La fiera infatti è da sempre considerata un evento fondamentale per Torino, grazie alla capacità di attrarre pubblici ampi e internazionali e di attivare processi economici, culturali e di accoglienza incisivi. In occasione dell’edizione 2017, l’indotto cittadino e regionale verrà analizzato attraverso un’indagine puntuale che la Camera di commercio di Torino, confermando il suo interesse per la fiera, ha commissionato al Dipartimento di Management dell’Università di Torino. I risultati verranno presentati nel 2018. 

Per questa edizione sono presenti 206 gallerie di 32 Paesi, il 62% delle quali straniere. Uno spazio espositivo di 20.000 metri quadrati ospita 2.000 opere di 700 artisti. Nel corso della tre giorni di Artissima vengono erogati premi per 40.000 euro.

“Sono cifre che non si creano dall’oggi al domani ma grazie alla passione e al lavoro di tantissime figure che hanno contributo a questo evento” – ha detto Appendino.  Un’edizione particolarmente ricca, che apre “in un clima economico migliorato – ha sottolineato Maurizio Cibrario, presidente della Fondazione Torino Musei – di buon auspicio per gli acquisti, anche istituzionali, che l’anno scorso hanno visto impegnare 400mila euro”. 

“Questa edizione di Artissima parte da una convinzione: fare Arte vuol dire guardare al passato mettendo in discussione lo status quo per immaginarsi in quale direzione andra’ il futuro”, così si è espressa la neodirettrice di Artissima, Ilaria Bonacossa, presentando questa edizione. “Il 2017 segna una ricorrenza importante, non solo per Torino ma per tutto il mondo dell’Arte – ha aggiunto Bonacossa – i 60 anni della prima mostra dell’Arte Povera, la più rivoluzionaria, emozionante e poetica avanguardia artistica del dopoguerra che sancì la vocazione contemporanea di questa città. Artissima vuole richiamare qui all’Oval quelle atmosfere, ricreando l’interno del Piper di Torino, storica discoteca, culla di una fervente subcultura, tra musica e Arte, e del Deposito dell’Arte Presente (1967-68), spazio creato in quegli anni cosi’ vivi e di ricerca per presentare fuori dagli spazi ‘borghesi’ le opere della nascente Arte Povera”. Dirigere Artissima è, per una curatrice, l’occasione non solo per riscoprire il passato ma per spiare il futuro dell’arte e metterne in discussione lo status quo. Se l’arte da sola non può cambiare il mondo, ci auspichiamo che l’incontro con opere sorprendenti ed emozionanti possa cambiare il modo in cui ciascuno guarda la realtà” – ha concluso la neodirettrice. 

In occasione della rassegna internazionale Trenitalia ha riservato ai propri clienti particolari agevolazioni e sconti per chi raggiungerà il capoluogo piemontese. I viaggiatori in arrivo a Torino con le Frecce (Frrecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca) o con i treni InterCity Trenitalia potranno visitare la fiera con l’offerta 2×1 (in due al prezzo di una sola persona). La stessa agevolazione è riservata anche ai clienti del trasporto regionale in possesso di un abbonamento o di titolo di viaggio di corsa semplice utilizzato fino a due giorni precedenti la visita alla kermesse. I clienti che compreranno online il biglietto per Artissima potranno inoltre approfittare di un ulteriore sconto del 20% sul prezzo Base del titolo di viaggio Trenitalia per tutti i treni a lunga percorrenza in arrivo a Torino. Tale riduzione è valida per chi utilizzerà la rete degli Uffici Gruppi di Trenitalia per l’acquisto del titolo di viaggio. 

Leggi

Scavi di Ostia Antica. Inaugurati gli ambienti restaurati del Decumano

Scavi di Ostia Antica. Inaugurati gli ambienti restaurati del Decumano

Franceschini: “Creare una vera e propria porta d’ingresso al sito valorizzando, anche visivamente, con il concorso di tutti gli enti coinvolti, la stazione Ostiense di Roma, come succede in tanti altri Paesi europei”

Si è svolta durante la mattinata del 2 novembre la presentazione degli edifici restaurati del Decumano di Ostia Antica, alla presenza della direttrice del Parco di Ostia Antica, Maria Rosaria Barbera e del ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini. 

Nel corso dell’inaugurazione, la direttrice ha annunciato l’intenzione di portare i turisti da Roma attraverso il Tevere. “La partenza sarà da ponte Marconi. – ha affermato Barbera – Ora il municipio deve completare le attività sulla banchina e la strada mentre noi ci stiamo occupando dell’accesso interno. Questi lavori dovrebbero chiudersi a metà del 2019″ ha detto la direttrice. 

Barbera ha aggiunto che i lavori sono iniziati “nel 2013 e il finanziamento, interno al ministero, è stato di 1,8 milioni lordi di euro lordi, per una media di 138 euro al metro quadrato, che hanno restituito alla visibilità quasi 670 metri di edifici affacciati sul decumano”. Si tratta di un percorso molto ricco caratterizzato dalla presenza da monumenti, magazzini e locali commerciali”. “In pratica – ha sottolineato la direttrice – abbiamo riportato alla luce aspetti della vita di Ostia Antica nella quale convivevano templi, monumenti repubblicani, grandi aeree pubbliche”.

Intervenendo Franceschini ha avanzato l’intenzione di voler valorizzare anche la stazione Ostiense di Roma, “come porta di accesso ad Ostia Antica dentro Roma” ha specificato il ministro.  “Il collegamento via fiume è una cosa bella e affascinante, – ha detto ancora Franceschini – ma il collegamento tramite il treno con il sito di Ostia Antica è una cosa fondamentale su cui si può investire moltissimo”. Franceschini ha poi aggiunto “una delle tracce di lavoro è il grande progetto Pompei che ha una parte di risorse per il sito archeologico e una parte per le infrastrutture. Se riuscissimo a costruire un progetto di questo tipo, potremmo puntare ad avere risorse per il sito archeologico e per le strutture intorno”. Il ministro si è anche soffermato sulla possibilità di inserire gli scavi di Ostia antica tra i siti Unesco. “Per l’Italia non è possibile avere più di due siti Unesco ogni anno. I nostri uffici stanno lavorando sulla possibilità di inserirvi anche Ostia Antica, ma il progetto andrà inserito in un percorso più ampio” – ha detto Franceschini. Infine il ministro ha aggiunto: ”Penso che, come è avvenuto per altri luoghi d’Italia, come il Colosseo o l’Arena di Verona, se una grande azienda italiana decidesse di legare il suo nome a Ostia Antica farebbe del bene a se stessa e al Paese”. Riferendosi all’art bonus ha quindi sottolineato come stia funzionando ed  ha quindi sollecitato l’intervento dei privati nella manutenzione e valorizzazione del sito archeologico. 

Leggi

A Palazzo Cisterna apre la prima edizione di FLAT, fiera libro arte Torino

A Palazzo Cisterna apre la prima edizione di FLAT, fiera libro arte Torino

Dal 3 al 5 novembre si svolgerà il nuovo appuntamento internazionale dedicato al libro d’artista e d’arte contemporanea. Ecco le mostre e il programma di incontri nella prima giornata

Venerdì 3 novembre prende avvio la prima edizione della fiera FLAT, che presenterà 40 Espositori internazionali, un ampio programma di incontri, a cura Francesca Valentini, e due mostre, a cura di Elena Volpato: Ettore Sottsass. Le pagine a Palazzo Birago e Lettura per voci e silenzio a Palazzo Cisterna.

Questo il programma della prima giornata che prevederà quattro incontri:

14.00-15.30 | presentazione della mostra a Palazzo Cisterna

Lettura per voci e silenzio 

Gli artisti Francesco Arena, Luca Bertolo, Maria Morganti in conversazione con la curatrice Elena Volpato.

Francesco Arena, Luca Bertolo e Maria Morganti, tre dei protagonisti della mostra Lettura per voci e silenzio (Palazzo Cisterna, 3-5 novembre 2017) discutono con la curatrice dell’esposizione, Elena Volpato, dello spazio del libro e dell’importanza che questo strumento ha per il loro lavoro nonché dell’importanza di un elemento quale il silenzio all’interno della loro opera.

16.00-17.30 | presentazione di libro e proiezione di video

From Static Oblivion – Ion Grigorescu

Giuliana Prucca (editrice e fondatrice di Avarie, Parigi) in conversazione con Eleonora Farina (curatrice e storica dell’arte, fondatrice di Peninsula, Berlino); proiezione dei video di Ion Grigorescu Masculin-Feminin, 1976 (8mm, b/n, 12’59’’); Trap Trap de potcoave, 1975 (16mm, b/n, 2’23’’); Box, 1977 (8mm, b/n, 2’13’’); Balta Alba, 1979 (8mm, b/n e colore, 7’52’’); Féerie, 1978 (8mm, b/n e colore, 4’29’’); sonorizzazioni live di Andrea Marini (SabaSaba, Torino), con le voci registrate di Ion Grigorescu e Marc Schroeder.

17.30-18.30 | presentazione di libro e signing

Notes from the Playground

Richard Flood (Director of Special Projects and Curator at Large at the New Museum of Contemporary Art, New York) in conversazione con l’artista Elisa Sighicelli.

Richard Flood, dialoga con l’artista e amica Elisa Sighicelli attorno al suo nuovo libro Notes from the Playground (London: Ridinghouse, 2017). Il volume raccoglie trenta saggi scritti da Flood durante i suoi 40 anni di attività nel mondo dell’arte. Da questi saggi traspare la sua capacità di mettere critica d’arte, teoria e autobiografia al servizio di una più profonda e intima comprensione delle pratiche artistiche contemporanee e dell’opera degli artisti (Paul Thek, Robert Gober e molti altri) con i quali Flood ha collaborato durante la sua carriera.

18.30-20 | tavola rotonda 

The Bolted Book Facsimile: An Exact Copy of Depero Futurista (2017) 

Partecipano: Nicoletta Boschiero (Responsabile Casa d’Arte Futurista Depero, MaRT, Rovereto); Liliana Dematteis (Curatrice di libri d’artista e collezionista); Heather Ewing (Executive Director Center for Italian Modern Art, New York); Ken Soehner (Chief Librarian Thomas J. Watson Library | The Metropolitan Museum of Art, New York)

La tavola rotonda celebra la nuova edizione facsimile di Depero Futurista (conosciuto anche come “il libro imbullonato”), il capolavoro di grafica e arte del libro che Fortunato Depero ha realizzato nel 1927. Il progetto di riedizione è nato dalla collaborazione tra il Center for Italian Modern Art, New York, il sito internet per la promozione dei libri e del design di qualità, Designers & Books e il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. L’impresa è stata resa possibile grazie a una campagna lanciata su Kickstarter, noto sito web di finanziamento collettivo per progetti creativi. Il volume è accompagnato da una guida alla lettura che include saggi specialistici, materiali provenienti dall’archivio Depero al Mart e una serie di pagine del libro tradotte in inglese e annotate.

Vademecum

FLAT – fiera libro arte Torino

Palazzo Cisterna
Via Maria Vittoria 12, Torino
3 – 5 novembre 2017
Orari:
3 novembre, ore 12 – 23
4 novembre, ore 12 – 23
5 novembre, ore 10– 18
Ingresso:
5 euro (valido per i 3 giorni della fiera)
Mostra Ettore Sottsass. Le pagine
Aperta sino al 12 novembre 2017
Palazzo Birago
Via Carlo Alberto 16
Torino
Date e orari:
3 novembre, ore 12 – 23
4 novembre, ore 12 – 23
5 novembre, ore 10– 18
6 – 10 novembre, ore 9 -17
11 – 12 novembre, ore 10 – 18
Ingresso: libero
Info:
www.flatartbookfair.com
info@flatartbookfair.com

 

Leggi

Unesco. Franceschini: “proteggere la cultura significa proteggere l’umanità”

Proteggere la cultura e il patrimonio materiale e immateriale significa “proteggere l’umanità”. Ad affermarlo è stato il ministro della cultura, Dario Franceschini, intervenendo alla 39/a sessione della Conferenza Generale dell’Unesco.

“La cultura – ha detto Franceschini – è l’eredità del passato, nostra responsabilità è trasmetterla alle generazioni future”. Il ministro ha poi aggiunto che oggi più che mai bisogna “credere nel ruolo dell’Unesco”, l’unico organismo internazionale che promuove i valori universali attraverso Scienza, Educazione e cultura, nonostante la recente crisi dovuta all’annunciata uscita degli Usa e di Israele. Ha poi reso omaggio alla direttrice generale uscente, Irina Bokova – che ha recentemente accettato il suo invito ad entrare nel consiglio di amministrazione del Parco Archeologico del Colosseo – e augurato buon lavoro alla futura direttrice generale ed “amica”, Audrey Azoulay.

Leggi
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375