Giornate Europee del Patrimonio 2017. Il programma degli Uffizi

Giornate Europee del Patrimonio 2017. Il programma degli Uffizi

Per le due giornate di sabato 23 e domenica 24 le Gallerie propongono un programma di visite tematiche che interesseranno gli Uffizi, la Reggia di Pitti, il Giardino di Boboli.  Sabato 23 settembre dalle 19,00 alle 21,50 ingresso agli Uffizi ad un euro

FIRENZE – Dopo il successo delle passate edizioni, anche quest’anno, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2017, che quest’anno avranno come tema Cultura e Natura”,  le Gallerie degli Uffizi propongono un programma fitto di visite tematiche, con l’obiettivo di sviluppare un percorso di conoscenza di alcuni aspetti delle collezioni o spazi meno noti. 

 Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi spiega: “Le Giornate Europee del Patrimonio rappresentano un’occasione unica di riflessone dinamica su quanto i musei e gli oggetti in essi contenuti descrivano appieno le comunità e siano veicoli di conoscenza del passato.
Un legame che gl’imprescindibili limiti degli edifici che li ospitano non hanno mai interrotto e che in questa occasione invitiamo ancor più a superare, al fine di rendere il museo uno spazio d’incontro e progettazione sociale. Luoghi dove la natura e la cultura hanno fuso i propri confini e prodotto una serie di opere di alto valore estetico e identitario, capaci di evocare l’eco della storia, ma pure di offrirci strumenti per decifrare la complessità dell’oggi
”. 

Le Giornate Europee del Patrimonio sono una manifestazione promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea fin dal 1991, con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee. Si tratta di un’occasione di straordinaria importanza per riaffermare il ruolo centrale della cultura nella società italiana e consolidarne i rapporti con l’Europa. 

All’iniziativa, com’è ormai tradizione, aderiscono anche moltissime istituzioni non statali tra musei civici, comuni, gallerie, fondazioni e associazioni private: questa sinergia permette di esibire un’offerta culturale estremamente varia e diversificata, con un calendario che arriva a sfiorare i mille eventi. 

Si tratta di uno straordinario racconto corale che rende bene l’idea della ricchezza e della dimensione “diffusa” del Patrimonio culturale nazionale: da quello più noto dei grandi musei, ai tesori meno conosciuti che quasi ogni città può vantare e ha il dovere di valorizzare.

Vademecum
sabato 23 settembre con orari e costi ordinari nel corso della giornata (8.15-19.00) 
e apertura straordinaria serale di tre ore (19.00-21.50), al prezzo simbolico di 
ingresso di 1,00 €;
domenica 24 settembre con orari e costi ordinari (8.15-18.50).
Tutti gli eventi sono disponibili e in continuo aggiornamento sul sito www.beniculturali.it/GEP2017 
Per seguire e raccontare l’evento sui social #GEP2017 #culturaenatura #culturaèpartecipazione

Il programma delle Gallerie degli Uffizi

Collezione Contini Bonacossi

h. 9.30 visita guidata in lingua italiana 

h. 11.00 visita guidata in lingua inglese

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 25 pp

Punto d’incontro: ingresso Sale blu del piano primo

Aula di San Pier Scheraggio

h. 9.00; 10.00; 11.00 visite guidate in lingua italiana e inglese 

h. 9.30, 10.30, h. 11.30 visita guidata in lingua italiana

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp

Punto d’incontro: punto info interno al piano terra

GALLERIA DEGLI UFFIZI

POMERIGGIO

Aula di San Pier Scheraggio

h. 14.30, 15.30, 16.30, visite guidate in lingua italiano e inglese

17,30 visita guidata in lingua inglese

h. 15.00, 16.00, 17.00 visite guidate in lingua italiana

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp.

Punto d’incontro: punto info interno al piano terra

Sale Pittura nord europea (Blu)

h. 15.00, 16.00, 17.00 visite guidate in lingua italiana

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp 

Punto d’incontro: ingresso Sale blu del piano primo

PALAZZO PITTI

MATTINA

Galleria Palatina 

h. 9.30, 10.30, 11.30, visite guidate al Cucinone Granducale e all’Appartamento degli Arazzi, normalmente non visitabili.

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp

Punto d’incontro: info-desk Galleria Palatina, piano primo

Galleria d’Arte Moderna: 

h. 9.00, 10.00, 11.00 visite guidate all’Appartamento della Duchessa d’Aosta in lingua italiana, normalmente non visitabili.

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388739 (fino al giorno 22/09 compreso 9.30-13.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp.

Punto d’incontro: ingresso Galleria, piano secondo

PALAZZO PITTI

POMERIGGIO

Galleria Palatina 

h. 15.30, 16.30, 17.30, visite guidate al Cucinone Granducale, normalmente non visitabile.

h. 15.30, 17.30, visite guidate all’Appartamento degli Arazzi, normalmente non visitabile

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp

Punto d’incontro: info-desk Galleria Palatina, piano primo

Galleria d’Arte Moderna: 

h. 14.30, 16.30 visite guidate in lingua italiana all’Appartamento della Duchessa d’Aosta, normalmente non visitabile.

Punto d’incontro: ingresso Galleria, piano secondo

GIARDINO DI BOBOLI

h. 15.00, 17.00 percorso cultura e natura (durata un’ora circa, abbigliamento comodo)

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388717

(chiamare entro il giorno 22/09 compreso, dalle 9.00 alle 13.00, dal martedì al venerdì)

Punto d’incontro: davanti alla Limonaia, con anticipo.
Si consiglia di effettuare l’ingresso dal varco di Annalena, sito in via Romana, attraverso il quale i residenti di Firenze hanno garantito l’ingresso gratuito; la Limonaia, si trova nei pressi.

APERTURA SERALE CON TARIFFA STRAORDINARIA AD 1 € DI SABATO 23 SETTEMBRE H. 19,00-21,50

GALLERIA DEGLI UFFIZI

SERA

 
 

Tre performace fra le h. 19.30 e 20.45

Gruppo ALIFER titolo ARTSODY 

Ingresso con tariffa straordinaria di 1 € 

Non è possibile effettuare la prenotazione. 

ATTIVITÀ PREVISTE PER LAPERTURA A TARIFFA ORDINARIA DI DOMENICA 24 SETTEMBRE (8.15-19.00)

GALLERIA DEGLI UFFIZI

MATTINA

 

Percorso in autonomia “Fiori in Galleria” dedicato alle Famiglie, con distribuzione di materiale a stampa di supporto in più lingue: italiano, inglese, spagnoloh. 8.30-12.30 distribuzione di materiale gratuito al desk situato al secondo piano, primo corridoio in coincidenza del luogo di strappo dei bigliettiLa distribuzione del materiale didattico avviene solo la mattina, ma può essere anche scaricato e stampato in forma autonoma dal nostro sito a questo link:

http://www.uffizi.it/index.php?it/387/materiale-didattico
il materiale risulta compilato in lingua italiana e inglese

Collezione Contini Bonacossi

h. 9.30, 11.00 visita guidata in lingua italiana

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 25 pp

Punto d’incontro: ingresso Sale blu del piano primo

Aula di San Pier Scheraggio

h. 9.00; 10.00; 11.00 visite guidate in lingua italiana 

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp.

Punto d’incontro: punto info interno al piano terra

PALAZZO PITTI

   

Galleria Palatina 

h. 10.00, 11.30, visite guidate al Cucinone Granducale e all’Appartamento degli Arazzi, normalmente non visitabili.

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp

Punto d’incontro: info-desk Galleria Palatina, piano primo

GIARDINO DI BOBOLI

h. 9.15, 11.15 visita al Giardino della Botanica Superiore o degli Ananassi, normalmente non accessibile. (abbigliamento comodo, durata 45 minuti circa )

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388717

(chiamare entro il giorno 22/09 compreso, dalle 9.00 alle 13.00, dal martedì al venerdì) Massimo 20pp

Punto d’incontro: davanti alla Limonaia, con anticipo.
Si consiglia di effettuare l’ingresso dal varco di Annalena, sito in via Romana, attraverso il quale i residenti nel comune di Firenze hanno garantito l’ingresso gratuito; la Limonaia, si trova nelle vicinanze.

 

h. 9.15, 11.15 percorso cultura e natura (durata un’ora circa, abbigliamento comodo)

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388717

(chiamare entro il giorno 22/09 compreso, dalle 9.00 alle 13.00, dal martedì al venerdì) Massimo 20pp

Punto d’incontro: davanti alla Limonaia Si consiglia di effettuare l’ingresso dal varco di Annalena, sito in via Romana, attraverso il quale i residenti di Firenze hanno garantito l’ingresso gratuito; la Limonaia, si trova nei pressi.

 

POMERIGGIO

 

GALLERIA DEGLI UFFIZI

   

Collezione Contini Bonacossi

h. 15.00, 16.30 visita guidata in lingua italiana

prenotazione telefonica obbligatoria al numero 0552388693 (dal martedì al sabato 9.30-12.30 / 14.30-18.00) 

I gruppi possono essere composti da massimo 25 pp

Punto d’incontro: ingresso Sale blu del piano primo

PALAZZO PITTI

   
 

h. 15.30, 16.30, visite guidate al Cucinone Granducale, normalmente non visitabile.

I gruppi possono essere composti da massimo 15 pp

Punto d’incontro: info-desk Galleria Palatina, piano primo

Leggi

Hong Kong. All’asta da Christie’s la collezione di cimeli di Claude Monet

Hong Kong. All’asta da Christie's la collezione di cimeli di Claude Monet

Un nucleo di circa 55 oggetti tra cui un coltello d’argento usato per la frutta, un paio di occhiali, fotografie, lettere, alcuni schizzi giovanili, ma anche una selezione di stampe giapponesi, molto amate da Monet

HONG KONG –  Il prossimo 26 novembre la collezione di cimeli appartenuta al pittore francese Claude Monet (1840-1926), padre dell’Impressionismo andrà all’incanto da Christie’s a Hong Kong. Si tratta di un corpus di 55 oggetti le cui stime oscillano tra i 500 e i 3 milioni di dollari. Il titolo del catalogo è “Dear Monsieur Monet”.  Tra gli oggetti che saranno battuti ci sono un coltello d’argento usato per la frutta, un paio di occhiali, fotografie, lettere e alcuni schizzi giovanili. Saranno inoltre proposti alcuni lavori di Monet che documentano la sua formazione artistica, dagli schizzi a pastello ai primi esempi di disegni in serie e in particolare anche una selezione di stampe giapponesi, molto amate da Monet e che hanno indubbiamente influenzato la sua pittura. 

Ma non è tutto. Oltre ai preziosi cimeli la casa d’aste metterà all’incanto anche alcuni capolavori dell’artista tra cui l’acquerello “Trois arbres à Giverny (Peupliers)” del 1887, stimato tra i 2 e i 3 milioni di dollari. 

L’asta del 26 novembre è la prima in Asia dedicata all’Impressionismo e verrà trasmessa in sala a Parigi da Christie’s. 

Leggi

Casa del Cinema. “STORYBOARD”, l’arte del disegno cinematografico

DAVID_ORLANDELLI - DIAZ - don't clean up this blood

Dal 19 settembre al 29 ottobre una mostra tematica, dal titolo STORYBOARD – Il cinema frame by frame, presenterà alcune delle più significative tavolerealizzate per la tv e per il cinema italiano più recente

ROMA – Nata dalla collaborazione tra alcuni dei più rinomati disegnatori di cinema come Davide De Cubellis, Daniele Dickmann, Cristiano Donzelli, Marco Valerio Gallo, Marco Letizia e David Orlandelli  la mostra  STORYBOARD – Il cinema frame by frame, a cura di David Orlandelli, propone un viaggio nella previsualizzazione cinematografica alla scoperta di come vengono realizzate su carta le idee del regista. 

Il percorso espositivo permetterà di capire il processo di realizzazione del set-up di una sequenza cinematografica, di conoscere nel dettaglio quello che avviene prima e dopo le riprese, come la preparazione delle sequenze per la Computer Grafica. Un percorso avvincente e prezioso che apre una finestra sullo strumento storyboard, sui suoi utilizzi e sulle tecniche impiegate per la sua realizzazione. Attraverso sketch, frame e foto sarà raccontata la fase creativa e realizzativa, dallo script allo sviluppo della sequenza, immaginando di gestire una piccola troupe di carta. Perché dietro ogni immagine disegnata c’è lo sforzo di ‘vedere con la macchina da presa’.

Sarà possibile vedere tra le altre, le sequenze di storyboard realizzate per Habemus Papam, Diaz – Don’t clean up this blood, Il Racconto dei Racconti, Lo chiamavano Jeeg Robot, N (io e Napoleone), Acciaio, La sedia della felicità, Mi rifaccio vivo, Mister Felicità, La prima cosa bella e Rocco Schiavone.

Durante tutta la durata della mostra, si terranno proiezioni e incontri che analizzeranno a fondo l’affascinante mondo dello storyboard sia nella sua realizzazione tecnica che nell’utilizzo pratico in ambito produttivo.  

PROGRAMMA DEGLI EVENTI

19 SETTEMBRE

ore 16  | Proiezione film – Il ragazzo invisibile (sala Deluxe)

ore 18  | Presentazione della mostra (sala Deluxe)

  a seguire Inaugurazione della mostra (sale espositive)

26 SETTEMBRE      

ore 16 | Proiezione film – DIAZ-don’t clean up this blood (sala Deluxe)

29 SETTEMBRE      

ore 10 | “Lo storyboard nella produzione cinematografica. Tecniche ed utilizzo”

  Incontro con la Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volontè (sala Kodak)

3 OTTOBRE 

ore 15 |  “Il processo creativo dei visual effect, Dallo storyboard al prodotto finito”

Incontro con l’associazione nazionale effetti visivi AVFX (sala Deluxe)

OSPITI: Franco Valenziano (Presidente Associazione Nazionale Effetti Visivi AVFX), Makinarium (Visual effects e animatronics per Il racconto dei racconti, Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente), Cosimo Gomez (Regista di Brutti e Cattivi), Mario Zanot (Visual effects e 3D per Habemus Papam, Diaz – Don’t clean up this blood, La chiamavano  Maryam).

ore 17 |  Proiezione film – Il racconto dei racconti

18 OTTOBRE

ore 10 | “Lo storyboard, immaginare una sequenza”

  Incontro con la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi (sala Kodak)

Ingresso gratuito

{igallery id=7706|cid=695|pid=1|type=category|children=0|addlinks=0|tags=|limit=0}

Leggi

Vettor Pisani alla Galleria Cardi di Milano

Vettor Pisani Quadrato Magico, 2004 Metal frame, 16 mirror panels, chocolate Venus, electric cooker, pan 160 x 160 x 60 cm - Photo Credit: Bruno Bani Courtesy Fondazione Morra, Napoli e Cardi Gallery, London - Milan

Una mostra in collaborazione con la Fondazione Morra di Napoli, a cura di Piero Tomassoni, con un saggio in catalogo di Achille Bonito Oliva

MILANO – La Galleria Cardi di Milano ospita, dal 19 settembre al 21 dicembre 2017, una grande esposizione dedicata a Vettor Pisani (Bari, 1934 – Roma, 2011). Una figura eclettica quella di Pisani che sfugge agli abituali criteri di classificazione della storiografia dell’arte contemporanea e che amava egli stesso definirsi architetto, pittore e commediografo. 

La mostra presenta un cospicuo nucleo di opere che coprono tutto l’arco temporale della carriera del grande Maestro, ma anche l’intera varietà dei media linguistici utilizzati, dalla scultura all’installazione, dal collage al disegno fino alle stampe digitali.

Si potranno ammirare installazioni come Agnus Dei e Le Uova di Simona. Omaggio a Georges Bataille, rispettivamente del 1970 e 1976, ma anche le grandi tele-collages realizzate in digitale che attraversano la produzione dagli anni ‘80 in poi. Opere quali Il Museo Criminale Francese (1981), il ritratto Cartesio o della stupidità. Meglio un asino vivo che un artista morto (1987), e i più recenti Viaggio nell’Eternità (1996/2004) e Il mio cuore è un cupo abisso (2004), permettono di riscoprire i temi del simbolismo e della pittura dell’Ottocento, da Boecklin a Moreau, a David, metabolizzati e reinterpretati dal Maestro in chiave contemporanea. Non mancano infine i disegni e i collage che danno prova di una straordinaria abilità tecnica e confermano un’eccezionale forza immaginativa. 

Pisani inizia la sua carriera negli anni ’70 quando, trasferitosi a Roma debutta alla galleria La Salita con una personale dal titolo Maschile, femminile e androgino. Incesto e cannibalismo in Marcel Duchamp, in cui sono già contenuti molti dei temi che l’artista continuerà a indagare nel corso della sua carriera. Nello stesso anno vince il prestigioso Premio Pino Pascali, accompagnato da una mostra personale al Castello Svevo di Bari, dove presenta per la prima volta la celebre opera Lo Scorrevole, comparsa successivamente in numerose versioni, a partire dalla fine dello stesso anno in Vitalità del Negativo, mostra a cura di Achille Bonito Oliva al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Nel 1971 partecipa per la prima volta alla Biennale di Parigi, e inizia una collaborazione con Michelangelo Pistoletto (Plagio), con mostre alla Galleria Gian Enzo Sperone, Torino; Frankfurter Kunstverein, Francoforte; e Galleria Marlborough, Roma. Nel 1972 Harald Szeemann lo invita a Documenta 5, nella sezione Individuelle Mythologien (“Mitologie Individuali”) al Museum Friedericianum.

Del 1972 è anche la prima partecipazione dell’artista alla Biennale di Venezia, seguita dalle edizioni del 1976, 1978, 1984, 1986, 1993, 1995 e da numerose esposizioni collettive e personali in musei internazionali (Guggenheim Museum, New York; Hayward Gallery, Londra; Kunstverein e Lenbachhaus, Monaco di Baviera; Grand Palais, Parigi; Museum Folkwang, Essen; Peggy Guggenheim Collection, Venezia; MoMA PS1, New York; Museum of Contemporary Art, Shanghai).

Leggi

Incontro bilaterale tra Dario Franceschini e Lydia Koniordou, omologo greco

Incontro bilaterale tra Dario Franceschini e Lydia Koniordou, omologo greco

Franceschini: “fare della cultura uno dei pilastri della casa comune europea e uno strumento di dialogo euro mediterraneo, nella convinzione che arte, spettacolo, letteratura, cinema siano veicoli di confronto tra i popoli e di reciproco arricchimento

ROMA – Si è tenuto in mattinata un colloquio tra il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, e Lydia Koniordou,Ministro della Cultura e dello Sport della Repubblica Ellenica. 

L’incontro è avvenuto nell’ambito del vertice bilaterale Italo-Greco guidato dai Primi Ministri Gentiloni e Tsipras. 

I due ministri durante il colloquio hanno sottolineato l’importanza del 2018, anno europeo del patrimonio, come annodi svolta nelle relazioni culturali tra i due paesi, impegnati nella promozione della tradizione della tragedia classica allestita negli antichi teatri di pietra. 

Il Ministro Franceschini ha ricordato inoltre la prossima tournée in Grecia dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico, autentica eccellenza italiana del settore. 

Franceschini ha dichiarato: ”Italia e Grecia sono impegnate per fare della cultura uno dei pilastri della casa comune europea e uno strumento di dialogo euro mediterraneo, nella convinzione che arte, spettacolo, letteratura, cinema siano veicoli di confronto tra i popoli e di reciproco arricchimento. E l’iniziativa sui teatri di pietra, che potenzialmente può estendersi a tutti i Paesi del Mediterraneo, va proprio in questa direzione”.

Nella giornata di ieri invece il ministro Franceschini e il MinistroLydia Koniordou hanno siglato un protocollo d’intesa che impegna i due Paesi a una piena collaborazione nel contrasto al traffico illecito di beni culturali.

Italia e Grecia procederanno quinid a uno scambio di informazioni riguardo la legislazione in materia di tutela del patrimonio culturale, in particolare in materia di prevenzione di furti, scavi illegali, importazione e esportazione illecita, alienazione e restituzione di beni culturali; divieti e certificati di esportazione; furti, scavi illegali, importazioni e esportazioni illecite, alienazione di beni culturali; sequestri di beni culturali di reciproco interesse. Italia e Grecia inoltre rafforzeranno lo scambio e l’addestramento di personale impegnato nel contrasto al traffico illecito e nella restituzione di beni culturali ai loro paesi d’origine.

Infine, i due Paesi discuteranno il proprio approccio nei confronti di Musei o altre istituzioni culturali coinvolti nel traffico illecito di patrimonio culturale e si informeranno reciprocamente riguardo la comparsa illegale sui mercati internazionali dell’arte di beni che possano appartenere ai rispettivi patrimoni culturali, coinvolgendo in questo le competenti strutture investigative specializzate. 

Leggi

A Bergamo un weekend all’insegna dell’arte e del paesaggio

Piazza Vecchia -  ph. Leonardo Tagliabue

Mostre e appuntamenti aperti a tutti in occasione della kermesse I Maestri del Paesaggio: 50 eventi fino al 24 settembre sul tema del Landscape Design

“Tra realtà e astrazione. Il paesaggio dell’arte da Bellini e Fontana”

Dal 7 al 24 settembre – tutti i giorni, tranne il martedì

“Tra realtà ed astrazione. Il paesaggio nell’arte: da Bellini a Fontana” è un percorso che inizia alla Pinacoteca Carrara, accompagnando i partecipanti alla scoperta dell’evoluzione del paesaggio nell’arte, e si conclude alla GAMeC. La visita si svolge in autonomia all’interno di Accademia Carrara e GAMeC, con l’indicazione di segnaletica adesiva e scheda didascalica dedicata. Il percorso inizia in Pinacoteca Carrara, accompagnando i partecipanti alla scoperta dell’evoluzione del paesaggio: da sfondo decorativo per scene religiose o mitologiche, fino alla sua autonomia di soggetto protagonista del dipinto, declinato con caratteri romantici o documentari.  Proseguendo la narrazione, le opere della Collezione GAMeC raccontano come gli artisti delle Avanguardie storiche e delle post Avanguardie interpretino il paesaggio, sviluppandone le potenzialità metafisiche, futuriste e surreali, fino a esiti informali, con tecniche e stili, mirati alla rielaborazione psicologico-emotiva o irrazionale della realtà conosciuta. Le opere selezionate sono 19 tra Carrara e GAMeC.

Tra le opere in mostra alla GAMeC , capolavori di Lucio Fontana  Concetto spaziale, 1965 c.; Giacomo Balla, Linee forze di paesaggio, 1918; Giorgio de Chirico, Calco dall’antico con guanto di gomma, 1955; L. Feito, Paesaggio, 1959; A. Z. Music, Suite byzantine, 1959; E. Morlotti, Paesaggio a Imbersago, 1957; P. Dorazio, Verso il raffreddamento, 1960; E. Morlotti, Vegetazione G7, 1962. L’Accademia di Carrara – Pinacoteca ospita le opere di Canaletto, Il Canal Grande, 1728 (Sala 23); V. Foppa, Tre Crocifissi, 1450 c. (Sala 1); C. Crivelli, Madonna con Bambino, 1480 c. (Sala 1); G. Bellini, Madonna di Alzano, 1487 c. (Sala 2); B. Bellotto, Arco di Tito,  1742 (Sala 23); F. Guardi, Il Rio dei Mendicanti, 1790 (Sala 23); F. Zuccarelli, Paesaggio con torrente e torre rotonda, 1736 (Sala 24); A. Fontanesi (?), La quercia, 1870 c. (Sala 28); L. D. il Nebbia, Veduta di Piazza Vecchia, 1820 c. (Sala 28); C. Mancini, Veduta di un canale di Chioggia, 1870 (Sala 28)

Accademia Carrara: 10.00 – 19.00, Piazza Giacomo Carrara 82 / GAMEC- collezione permanente: 9.00 – 13.00; 15.00 – 18.00

MOSTRA TERRA SEM MALES- tutti i giorni dalle 9 alle 21

L’esposizione ripercorre le fasi più significative del lavoro di Margherita Leoni, artista bergamasca che ha vissuto per 6 anni in Brasile a contatto con la natura spontanea. In questa mostra si ripercorre il suo sentiero di ricerca artistica. Dialogheranno con gli aquarelli di Margherita Leoni le sculture dell’artista brasiliano Mello Witkowski Pinto. La mostra vuole mostrare l’importanza della preservazione della biodiversità delle foreste. Tramite un’indagine scientifica botanica e artistica, è esposta una riflessione sulla perfezione e fragilità della natura, per offrire un racconto della biodiversità botanica e ponendo l’attenzione sulla necessità di un ritrovato rapporto di equilibrio, conoscenza e rispetto con il mondo naturale.

Aula Picta, Via San Salvatore 3- Bergamo Alta 

MOSTRA ERBA E BESTIARI- tutti i giorni dalle 10 alle 22 

Cool Landscape è anche arte, molte sono infatti le mostre e i workshop che arricchiranno la Manifestazione. Gli allievi della classe 2F del Liceo Artistico Manzù di Bergamo sono gli artisti della mostra Erba e Bestiari.

Paesaggio del Carmine. Via Bartolomeo Colleoni 21, Bergamo Alta 

Leggi

Estate Romana 2017. Gli appuntamenti fino al 21 settembre

Estate Romana 2017. Gli appuntamenti fino al 21 settembre

Ancora una settimana ricca di concerti, spettacoli, eventi cinematografici, passeggiate nella storia per questa 40esima edizione

ROMA – Una finestra aperta sulla Laguna di Venezia. Fino al 20 settembre, una selezione di sale cinematografiche romane ospita la 23 ima  edizione de Il Cinema attraverso i grandi festival – da Venezia a Roma: una ricca vetrina di film della 74 ima Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. Tra le proiezioni segnaliamo: venerdì 15 settembre alle 20.30, presso il Cinema Nuovo Sacher, il film Jusqu’à la garde di Xavier Legrand premiato con il Leone d’argento per la Miglior Regia e come Miglior Opera Prima. Lunedì 18 doppio appuntamento con gli “addetti ai lavori” al Cinema Farnese: alle 19, proiezione e incontro con le registe di Lievito Madre – Le ragazze del secolo scorso di Concita De Gregorio ed Esmeralda Calabria; alle 20.30, appuntamento con Mario Sesti che presenta il film La voce di Fantozzi. Mercoledì 20 alle 19, evento speciale di chiusura al Cinema Farnese con la proiezione gratuita (per concessione dell’ISTITUTO LUCE) de Il tentato suicidio nell’adolescenza di Ermanno Olmi; alle 20, La legge del numero uno di Alessandro D’Alatri e, a seguire, Raccontare Venezia di Wilma Labate che incontrerà il pubblico insieme alla  sceneggiatrice Irene Bignardi; alle 21.30, Casa d’altri di Gianni Amelio e, a seguire, Aquagranda in crescendo alla presenza del regista Giovanni Pellegrini. Dal 21 al 24 settembre, torna, negli spazi del MACRO – Museo d’arte contemporanea Roma, Live Cinema Festival, la manifestazione internazionale incentrata sulle più innovative performance di spettacoli audio-video dal vivo. Mercoledì 20 alle 17, si terrà la conferenza sull’Audience Development in cui organizzazioni e istituzioni di Roma dialogheranno sul connubio tra spazi culturali “istituzionali” e programmazione culturale “non convenzionale”. Ogni serata sarà poi animata da live musicali; la programmazione del Festival sarà inoltre arricchita dal workshop gratuito sul Digital Storytelling che partirà il 21 settembre e durerà 4 giorni per 8 ore complessive (dalle 17 alle 19 in Sala Cinema).

L’Auditorium Parco della Musica ospita, dal 19 al 22 settembre, la XX edizione di Una striscia di terra feconda, festival franco-italiano ideato e diretto da Armand Meignan e Paolo Damiani: martedì 19, conferimento del Premio SIAE ad Alessandro Lanzoni e i concerti PURPLE WHALE Inspired by Jimi Hendrix e ONJ (Orchestre National de Jazz) direction OLIVIER BENOIT “PARIS-ROMA”; mercoledì 20, due produzioni originali: Residenza d’Artista 2016 e TABLE con Maria Pia De Vito (voce, elettronica), Michele Rabbia (percussioni, elettronica) e  Benoit Delbecq (pianoforte); giovedì 21, REQUIEM con Dominique Pifarely (violino, elettronica), Daniele Roccato (contrabbasso, elettronica), Michele Rabbia (percussioni, elettronica) e con la partecipazione di Rocco Castellano e Mauro Tedesco al contrabbasso; a seguire, concerto di Paolo Fresu e Gianluca Petrella. Si conclude il 17 settembre il Festival Bouganville Celimontana che, nell’ambiente unico di Villa Celimontana, di fronte al palazzo Mattei, per due mesi ha riscaldato con le sue note jazz l’Estate Romana. Domenica 17 alle 21.30, Scoop Jazz Band, gruppo di giornalisti e musicisti uniti dalla passione del jazz, della bossa e del blues.

Torna per il sesto anno consecutivo Agorà – Teatro e Musica alle radici; sabato 16 settembre si parte alle ore 19 con Clowndroid a cura di Movimento Comico con la regia di Anna Rizzi mentre, alle 20.30, va in scena lo spettacolo Zit 2.0 – La vendetta di Chiara Casarico e Tiziana Scrocca. Si chiude il 17 settembre il ricco cartellone di spettacoli di Officina Estate. Presso la Piazzetta Rossa di Largo Cannella (Spinaceto) alle ore 21: venerdì 15 settembre, Tuttoteatro.com presenta Assenza, Presenza, Trasparenza; sabato 16, la Scuola di Musica Consonanze, presenta una serata in cui si esibiranno in concerto giovani band emergenti. Domenica 17, a chiudere la kermesse, The black is the new black: a termine del laboratorio teatrale tenuto con i ragazzi del Centro Staderini, spettacolo performativo con ragazzi africani a cura di Gianluca Riggi con la collaborazione di Carlo Gori. In chiusura, sempre il  17 settembre, la programmazione del 3° Festival Internazionale del Circo Sociale – Dimondinmon: dalle 10 alle 13, Le storie abitano nei libri: storie di circo e clown per grandi e piccini e Spazio Truccambimbi; dalle 10.30 alle 12.30, laboratorio Cir-clown! – Giocoleria, piccole acrobazie teatrali, equilibrismi e il laboratorio Slapsticks! giocare a farsi male… per finta!; alle 12, spettacolo di artisti di strada dal titolo CLOWNIRISTAN a cura dell’Associazione Movimento Comico. Alle 17.30, infine, la Compagnia Tau presenta lo spettacolo Tombe’… dans les bois dedicato ai bambini dai 3 anni in su. In partenza il 18 settembre, al Teatro Marconi, il Progetto Lunga Vita. Tra gli spettacoli segnaliamo: lunedì 18 alle 19.30, La figura del cantastorie nella storia dell’Occidente: conferenza/concerto a cura di Daniele Mutino; martedì 19 alle 20, Donne no di Sara Valerio e Anna Maria Talone (con il patrocinio del MagFest Italia, in replica fino al 23); alle 21, in Arena, Shakespea Re di Napoli, composto e diretto da Ruggero Cappuccio con Claudio Di Palma e Ciro Damiano (in replica mercoledì 20 alle 21); in contemporanea nel teatro, Francesco Montanari in L’importanza di leggere i classici di Italo Calvino, con l’accompagnamento dell’Orchestra Sinfonica dei Quartieri Spagnoli di Napoli e a cura di Davide Sacco.

In partenza sabato 16 settembre I Nasoni raccontano – La storia ha il naso lungo: progetto di narrazione performativa del quartiere di Centocelle, che sfrutta idealmente il punto di vista e la disposizione urbana dei “nasoni”.  Un ciclo di passeggiate performative tra le fontanelle delle vie e le piazze del quartiere distribuite negli ultimi due weekend di settembre (16 e 17 settembre e 23 e 24 settembre) con orario di inizio alle 21.00 (il ritrovo per gli spettatori è previsto per le ore 20.30 a Piazza San Felice).

In chiusura il 17 settembre la quinta edizione della rassegna multidisciplinare per la cura dell’anima, Sguardi Oltre 2.0.: ultimo appuntamento alle 21 con la presentazione dell’opera Settecamini Tout Court – frammenti della periferia romana di Valerio Sabatini e Andrea Cauduro; a seguire Dancing Swing Party, dj set a cura di DJ Arpad. Si conclude il 17 settembre anche la prima edizione di Aniene Festival, rassegna sulle rive del fiume Aniene dedicata all’espressione creativa diffusa: alle 19.30, a chiusura della kermesse, Fabrizio Natalini parlerà di Ennio Flaiano e della “sua” Roma e, a seguire, ci sarà la premiazione del concorso letterario Ennio Flaiano a Roma; alle 22, Jazz a parco Nomentano con Miss Faro Swing Quartet.

Torna, infine, il Festival ArteScienza 2017 – Inventare il futuro, rassegna che punta sull’invenzione come “farmaco intelligente”: da venerdì 15 a domenica 17 settembre alle 21, al Teatro Vascello, va in scena, in prima assoluta, Corpus 2.0 a cura della compagnia di danza Excursus. La poesia e la “parola poetica urbana” come strumenti per mettere in primo piano la persona. È questo il filo conduttore del progetto Break Point Poetry / Città Poetica: l’appuntamento è previsto per sabato 16 settembre dalle 17 alle 19 presso il Giardino di Largo Alessandrina Ravizza. All’interno dell’Auditorium dell’Ara Pacis, il primo dei due incontri scientifici nell’ambito delle Public Lectures – Advances in Mathematics and Theoretical Physics. Appuntamento mercoledì 20 settembre alle 18.30, con il fisico Luciano Maiani per l’incontro dal titolo Particelle Elementari: la ricerca della semplicità.

Vademecum
 
www.estateromana.comune.roma.it c
facebook.com/EstateRomanaRomaCapitale e twitter.com/estateromana, instagram.com/estateromana
#EstateRomana2017 è l’hashtag ufficiale della rassegna.
Il programma è in continuo e costante aggiornamento.
Info: 060608 attivo tutti i giorni dalle 9 alle 19 per informazioni e acquisto dei biglietti
 
 

Leggi