ArtVerona 2017, ecco i premiati

Flavio Favelli, Extra Profondo Oro, 2017, collage di carte di cioccolatini su pannello, cm 120 x 190

Assegnati i riconoscimenti per le varie sezioni della Fiera, il cui tema per questa edizione diretta da Adraina Polveroni era “Viaggio in Italia #backtoitaly” 

VERONA –  E’ stato l’artista Flavio Favelli a vincere il Concorso Icona ArtVerona 2017.  Con ICONA, quest’anno alla sua dodicesima edizione, si intende dare riconoscimento alle Gallerie che di anno in anno partecipano alla manifestazione, essendo queste ultime l’anima e l’espressione della fiera stessa, attraverso l’acquisto, da parte di un’azienda, dell’opera che diventerà l’immagine della campagna di comunicazione di ArtVerona dell’anno successivo. La Commissione riunita ha decretato vincitrice l’opera di Flavio Favelli, Extra Profondo Oro, 2017, collage di carte di cioccolatini su pannello, cm 120 x 190, presentata in fiera dalla galleria Studio Sales di Norberto Ruggeri, Roma,  per la riconosciuta capacità dell’artista di lavorare con l’immaginario e con la memoria del nostro paese riuscendo a sintetizzare con diversi registri, felici o drammatici, suggestioni personali e collettive. L’opera scelta diventerà dunque l’immagine della prossima edizione di ArtVerona. 

Sasha Vinci e Maria Grazia Galesi sono i vincitori dello Sustainable Art Prize, il premio dell’Università Ca’ Foscari ad ArtVerona 2017. Presentati ad ArtVerona dalla galleria aA29 Project Room, con sedi a Caserta, Milano e Praga. Vinci/Galesi hanno convinto per la dedizione a dir poco genetica con cui affrontano i temi della sostenibilità ambientale, sociale e politica. Ha colpito, inoltre, la loro capacità di tradurre tale impegno in progetti esteticamente risolti e particolarmente efficaci dal punto di vista comunicativo. Si è apprezzata, infine, l’onesta e disponibilità di Vinci/Galesi al coinvolgimento del territorio e delle comunità, che emerge quale cifra caratteristica dei propri interventi. 

L’opera vincitrice del Premio Fotografia under 40 ad ArtVerona 2017,  nato quest’anno da un’idea di Adriana Polveroni, direttrice artistica di ArtVerona, è The Cool Couple, Meditation Rocks®, 4 Elements, Fire/Air/Water/Earth, dalla serie Karma Fail, 2017, Diasec 4+3mm, cm 100×70 presentato dalla galleria MLZ Art Dep di Trieste. All’unanimità la commissione ha selezionato un lavoro di una coppia di artisti italiani in linea con il focus sull’italianità dell’edizione di quest’anno di ArtVerona, ispirato al concetto di sortilegio e immaginazione che scava l’attualità nelle sue contraddizioni. Una menzione speciale va ai due lavori dell’artista Marco Ceroni Senza titolo, 2016, stampa inkjet su carta baritata, cornice, cm 43×43 e Strong belief, 2016, stampa inkjet su carta baritata, cornice, cm 64×43 presentati in fiera dalla Gallleriapiù di Bologna.

I vincitori del Premio OTTELLA for GAM, che approda alla sua seconda edizione ed ha tra i suoi obiettivi più rilevanti la divulgazione della conoscenza dell’arte contemporanea, sono bianco di Julia Bornefeld (Galleria Antonella Cattani, Bolzano) e Notes for a book “Dear Michael” di Antonio Rovaldi (Galleria Michela Rizzo, Venezia).  Julia Bornefeld: Una nuvola bianca si alza sempre più e si espande, ma lasciando alle sue spalle un cielo nero e tutto intorno una cornice bruciata.  Quindi “bianca” come dice il titolo è il risultato di un sacrificio di tutto ciò che la circonda e l’ha generata. L’opera fa riflettere sulla facilità del consumo umano.  Antonio Rovaldi: L’esplorazione nel perimetro di Manhattan racconta di una periferia universale, come percezione intima di una esplorazione in walking artist pertinente a mille e una città.

MORE – a museum of refused and unrealised project vince il Concorso di ArtVerona | Art Project Fair, dedicato agli spazi indipendenti, i8, con la seguente motivazione espressa della Giuria: “Il Premio quest’anno va a MORE per il rigore scientifico della ricerca accademica, la sua accessibilità, per la sua prospettiva di crescita contenutistica e di sostenibilità”.

Il Premio Display, alla sua terza edizione, riconoscimento che ArtVerona assegna agli spazi che perseguono un criterio progettuale, per qualificare ulteriormente la presenza dell’offerta nei padiglioni, è stato vinto da 10 A. M. Art di Milano Z2O Sara Zanin Gallery di Roma per i migliori progetti allestitivi. 

Leggi

“La Cappella Sistina in VR” vince i Content Innovation Awards 2017 di Cannes

ROMA – ”La Cappella Sistina in VR”, l’esperienza VR interattiva realizzata da Sky e Untold Games di Flavio Parenti in collaborazione con i Musei Vaticani, vince la sezione Virtual Reality Initiative of the Year ai Content Innovation Awards 2017 di Cannes, i premi per l’innovazione tecnologica nel video entertainment organizzati da Digital TV Europe e Television Business International a Cannes. Il contenuto Sky si è aggiudicato il premio dedicato alle innovazioni che sono riuscite ad avvicinare le potenzialità del VR all’esperienza del video entertainment. ”La Cappella Sistina in VR” è un tour interattivo di uno dei luoghi più noti al mondo, reso possibile attraverso le più moderne tecniche di ricostruzione e la rimodellazione in 3D della Cappella Sistina su un modello CGI in 360 partendo da foto ad altissima risoluzione. Un’esperienza unica, sorprendente e di fortissimo impatto emotivo realizzata in uno dei luoghi più noti e visitati al mondo attraverso un inedito incontro tra l’arte millenaria e la tecnologia contemporanea. 

Leggi

Roma. Iniziata la demolizione del villino nello storico quartiere Coppedé

Roma. Iniziata la demolizione del villino nello storico quartiere Coppedé

Il Presidente di Italia Nostra, Oreste Rutigliano, aveva inviato una lettera a MiBact, alla Direzione generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e alla Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma per chiedere di bloccare l’abbattimento dell’immobile

ROMA – A poco è valso l’appello di residenti e associazioni per fermare la demolizione del villino nel quartiere Coppedè a Roma. La demolizione dello storico edificio di via Ticino 3 è, infatti, cominciata dalle prime ore del mattino del 16 ottobre, tra le proteste. Proprio qualche giorno fa il Presidente di Italia Nostra, Oreste Rutigliano, aveva inviato una lettera a MiBact, alla Direzione generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e alla Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma per chiedere di bloccare l’abbattimento dell’immobile, il cui posto verrebbe preso da un moderno condominio, progettato da Alessandro Ridolfi, presidente degli architetti di Roma. All’appello si era unito anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi: “Non sarebbe meglio restaurare la palazzina che già c’è? Questo deve fare un sindaco, questo deve fare un sovrintendente”.

Italia Nostra in una nota affermava: “Confinante con i villini storici del quartiere Coppedè, il palazzo presenta elementi di decoro e riferimenti formali tipici dell’architettura degli anni ’30 del secolo scorso, ed è stato oggetto poi di un successivo intervento di sopraelevazione. Appartenuto alla congregazione di suore ‘le Ancelle Concezioniste del Divin Cuore’, oggi l’immobile è di proprietà dalla società ‘NS costruzioni’ S.r.L. che, nel progetto presentato in Conferenza dei servizi, intende demolirlo e sostituirlo con una palazzina residenziale di moderna concezione”.  “La demolizione dell’edificio – continuava il comunicato –  avrà l’effetto di alterare irreversibilmente la visione e la percezione unitaria e di insieme del contesto nel quale l’immobile è collocato, contesto di indiscutibile pregio storico e architettonico”. 

Italia Nostra chiedeva dunque al MiBact di svolgere ogni azione utile, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 12 e ss. del Codice dei beniculturali e del paesaggio, al fine di assicurare la piena e più opportuna tutela al bene immobile in questione e salvaguardare il contesto storico e architettonico nel quale è inserito. 

Le proteste non hanno sortito effetto e attualmente dell’edificio rimane poco più che lo scheletro. “A questo punto prima finiscono i lavori e meglio è” – ha commentato qualche residente. 

Leggi